Skip to content

Dall’alienismo alla risocializzazione: il trattamento del folle reo tra riforme parziali e criticità oggettive

Colpevolezza ed imputabilità: quale legame?

Il ruolo della colpevolezza si ricava dall’art.27 della costituzione, secondo cui la responsabilità penale è personale. Così recitando, il comma 1 afferma come presupposto per l’applicabilità della pena il poter ricondurre il fatto reato alla volontà antidoverosa del soggetto. Rispetto a tale antidoverosità la dottrina sviluppa due diverse concezioni del rapporto tra colpevolezza ed imputabilità.

La prima considera i due concetti indipendenti tra loro. Si ritiene che l’imputabilità presupponga in sé già un reato perfetto nei suoi componenti essenziali, sicché la responsabilità penale del soggetto viene fatta coincidere con la sua capacità di pena, che risulta essere quindi indipendente dalla sua personalità o dalle motivazioni che ne hanno guidato la condotta. In tale ottica, la colpa costituisce la tipicità oggettiva del fatto, giungendo così a creare una concezione psicologica della colpevolezza.

La seconda, al contrario, considera la colpevolezza come presupposto o elemento necessariamente costituito dell’imputabilità. In tal caso, l’elemento personale della responsabilità è riscontrabile nella partecipazione psicologica del soggetto al compimento del fatto reato. la colpevolezza è dunque data dalla presenza di dolo o colpa – non più solo dal nesso autore reato – sicché l’imputabilità si traduce nella capacità di rimproverabilità soggettiva dell’agente in una determinata situazione.

Districandosi tra queste due visioni la scienza penalistica non riesce ancora a raggiungere una communis opinio rispetto al rapporto tra colpevolezza e imputabilità. La giurisprudenza resta impigliata nell’humus ideologico iniziale adottando quindi posizioni anacronistiche rispetto alla dottrina che, sulla scia di altri paesi europei, si allontana dalla classica concezione di imputabilità come capacità di pena per abbracciare l’idea di questa concezione in un’ottica di rimproverabilità. Osserviamo da vicino le rispettive posizioni.

La giurisprudenza italiana ritiene che l’imputabilità, come capacità di intendere e volere, e la colpevolezza, come coscienza e volontà del fatto illecito, rappresentino concetti diversi, operanti su piani differenti. La piena autonomia tra le due nozioni permette all’una di poter sussistere anche in assenza dell’altra. In tal modo è possibile focalizzare l’attenzione sul rapporto psichico autore reato, ovvero guardare alla volontà dell’autore nello spazio del reato concreto, senza ulteriori considerazioni sulle circostanze che in esso abbiano potuto influire. La colpevolezza, dunque, è data dalla presenza del dolo o della colpa – elemento soggettivo del reato – e costituisce un nesso psichico astratto usato solo per indicare la presenza o meno della responsabilità penale, senza assurgere anche a strumento di graduazione della pena. Questa, infatti, viene stabilita guardando al tipo di reato e al danno arrecato alla società. la pena svolge in questo caso una funzione oggettiva volta a ripagare il danno in un’ottica retributiva e non rieducativa come invece previsto dalla dottrina.

Tuttavia l’impossibilità di graduare la responsabilità penale in relazione alle ragioni soggettive, avvalendosi solo di quelle oggettive, costituisce il grande limite di questa teoria, che risulta inoltre scontrarsi con la realtà costituzionale, nella misura in cui non considerando l’imputabilità come presupposto di colpevolezza, risulta inadatta a creare quella continuità tra responsabilità penale e funzione rieducativa della pena su cui il nostro ordinamento si fonda. Per sopperire a tali limiti, la dottrina elabora una concezione di colpevolezza che coincide con la valutazione normativa dell’atteggiamento psicologico tenuto dall’autore, in termini di rimproverabilità. Il rimprovero viene mosso all’atteggiamento antidoveroso della volontà, divergente dalla norma giuridica. Qui la valutazione viene estesa alle circostanze dell’agire e del processo motivazionale, elaborando un’idea di consapevolezza che comprenda le nozioni del dolo e della colpa che, nella relazione tra agente e norma, risulta identica in entrambi i criteri. Il carattere di colpevole è attribuito al soggetto in relazione al suo aver agito – consapevolmente o no – in maniera difforme al come l’ordinamento si aspettava che agisse. Nonostante la sua collocazione nel codice penale. anche le Sezioni Unite considerano impensabile l’esistenza di colpevolezza senza imputabilità.

Infatti, «se il reato è un fatto tipico, antigiuridico e colpevole, e la colpevolezza non è soltanto dolo o colpa ma anche valutativamente, riprovevolezza, rimproverabilità, l’imputabilità è ben di più che non una semplice condizione soggettiva di riferibilità della conseguenza del reato data dalla pena, diventando piuttosto condizione dell’autore che rende possibile la rimproverabilità del fatto. Non più mera capacità di pena quanto piuttosto capacità di reato, o meglio, di colpevolezza».

Concludendo, potremmo affermare che le due forme di colpevolezza appena individuate rappresentino rispettivamente una visione della colpevolezza propriamente oggettiva, appartenente al fatto materiale, ed una soggettiva consistente nella capacità dell’agente di osservare la regola di condotta violata.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Dall’alienismo alla risocializzazione: il trattamento del folle reo tra riforme parziali e criticità oggettive

Altri brani estratti dalla tesi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Samuela De Luca
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Scienze Politiche e Sociali
  Corso: Scienze delle Politiche e dei Servizi sociali
  Relatore: G. M. Patrizia  Surace
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 157

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

imputabilità
malattia mentale
penale
psichiatria
misure di sicurezza
pericolosità sociale
ospedale psichiatrico giudiziario
perizia psichiatrica
vizio di mente
rems

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi