Skip to content

Neoliberalismo: dal contributo di Foucault al dibattito attuale

Crisi del liberalismo e nascita del neoliberalismo

La “famiglia” liberale appare fin dal principio attanagliata da tensioni interne, delle quali la più evidente è quella fra i difensori di un’idea di bene comune, i sostenitori del riformismo sociale, ed i partigiani delle libertà individuali come valore assoluto. Come mette in luce Foucault, la crisi del liberalismo è una crisi di governamentalità, perché pone il problema pratico dell’intervento politico in campo economico-sociale. La problematica del limite esterno imposto all’attività di governo viene a creare un fattore di «blocco dell’arte di governo» in un momento critico, ovvero quello dei grandi cambiamenti prodotti dal capitalismo sfrenato e dai conflitti di classe.
Nel corso del XIX secolo infatti, l’immagine dell’armonia economica che si genera dalle relazioni tra interessi particolari venne smentita dalla realtà: nacquero infatti giganteschi monopoli industriali, le cosiddette “imprese”, che necessitavano di una gestione “scientifica” e che avevano un eccessivo potere di manipolazione sui prezzi. Si diffusero fenomeni di corruzione politica, e l’opinione pubblica cominciò a vedere nei businessmen dei truffatori, nei politici delle marionette al servizio del denaro. Verso la fine del XIX secolo, molti governi iniziarono ad attuare politiche di protezione, soprattutto verso i lavoratori, dalle grinfie degli affaristi; il libero scambio non era più la formula della prosperità universale: si cominciò a credere più alle politiche protezionistiche, alle dogane e alle frontiere. I liberali avevano rafforzato ciò che volevano combattere, e non disponevano degli strumenti teorici (né della volontà) per affrontare il problema.

All’interno della corrente liberale c’era però chi metteva in discussione i dogmi liberali di fronte ai cambiamenti della società, come ad esempio Tocqueville e John Stuart Mill, i quali intrattennero, tra il 1834 ed il 1840, una sentita discussione sulle tendenze delle società moderne. Tocqueville rintracciava nel movimento delle società verso l’uguaglianza una tendenza al rafforzamento dell’amministrativo a spese delle libertà individuali. «L’uguaglianza delle condizioni porta gli individui a desiderare un potere centrale forte, espressione del potere popolare, che li prenda per mano in qualunque circostanza. Una delle caratteristiche dei poteri politici moderni è quindi l’assenza di limite dell’azione di governo». Per Mill la trasformazione più importante riguardava invece la ricerca della ricchezza, che egli vede come la causa del decadimento di alcuni valori intellettuali e morali. L’individuo infatti, nella società moderna, è in balìa delle masse, perciò egli insiste sulla formazione e sul rafforzamento del carattere singolare di ognuno, per “difendersi” dall’opinione della massa. Sulla scorta di Bentham, Mill giustificava un tipo di intervento razionale, che sacrificherebbe alcuni diritti in vista di un maggior bene comune. Contro questa tendenza interna al liberalismo si scagliò Spencer, il quale riaffermò con violenza i princìpi individualistici che avevano animato il liberalismo delle origini ed accusò i liberali favorevoli a qualsiasi misura di intervento di essere socialisti. Le misure a difesa dei più svantaggiati, dei poveri, dei lavoratori, sarebbero sbagliate, perché agiscono tramite imposizioni e limitano l’azione individuale.

Ma l'assistenza ai poveri è soltanto un aspetto dei misfatti dell’ingerenza dello Stato, che non ha più limiti quando intende rimediare a tutti i mali del mondo. Tale tendenza quasi automatica all'illimitatezza dell'intervento statale è rafforzata dall’istruzione, che accresce i desideri inaccessibili alla grande massa, e dal suffragio universale, che spinge la politica a fare promesse.

Quello delle misure a favore degli svantaggiati è un «eccesso di zelo»: il bene pubblico può essere ottenuto direttamente (tramite misure coercitive) o indirettamente, limitando l’azione dello Stato e garantendo le libertà individuali. Applicando la teoria dell’evoluzione di Darwin alla sociologia, Spencer arrivò a sostenere che la vita economica fosse soltanto un ambito della più generale lotta per la sopravvivenza: sarebbe preferibile sacrificare la vita di chi «non è adatto» per sopravvivere in questo tipo di società, piuttosto che sacrificare minimamente la libertà. Spencer non esitò ad affermare che l’economia fosse un processo di eliminazione selettiva, perché non c’è possibilità per tutti, come vorrebbero i filosofi “sentimentali”, ma soltanto per chi è più adatto a sopravvivere. Seguendo questa linea argomentativa, Spencer rivoluzionò il liberalismo introducendo la nozione di “concorrenza”, che a suo parere è alla base del progresso umano e l’unico meccanismo in grado di replicare il meccanismo della natura: far emergere i migliori, eliminare i peggiori. In precedenza, la teoria liberale vedeva nello scambio il principio vitale del progresso e della pace; l’introduzione del meccanismo concorrenziale rivoluzionerà il liberalismo e sarà ripresa più avanti dai teorici neoliberali.

Lo “spencerismo” non fu però l’unica reazione del liberalismo alle tendenze di politico-economiche di fine ‘800/ inizio ‘900: le ripetute crisi economiche ed i disordini ad esse correlate mettevano in dubbio l’effettiva efficacia del laissez-faire. «Da tempo un “nuovo liberalismo”, più consapevole della realtà sociale ed economica, cercava di definire un nuovo modello di comprensione dei princìpi liberali, che prendeva in prestito alcune critiche al socialismo ma con l’intento di realizzare con più prontezza le finalità della civiltà liberale». Il “nuovo liberalismo” metteva in dubbio la capacità dei vecchi dogmi liberali di affrontare le difficoltà collegate alle nuove dinamiche economico-sociali, e si propone di ripensare le modalità di intervento e di limitazione del governo. Il saggio di riferimento per queste tematiche è La fine del laissez-faire (1926) di Keynes, che sicuramente condivideva con altri liberali l’esigenza di salvare il capitalismo dalle derive dello stesso liberalismo. L’economista inglese approfondì l’analisi dei “doveri” dello stato, sostenendo che esistono alcuni ambiti dove l’intervento regolatore dello stato è necessario, e che un controllo delle forze economiche è necessario per evitare fenomeni di anarchia economica. La tendenza di questa linea di pensiero è quella di caratterizzare le società moderne tramite la presenza di una molteplicità di relazioni, che perciò necessitano di un maggior controllo: mentre in precedenza i teorici liberali sostenevano che lasciando gli individui liberi di ricercare il proprio interesse si venisse autonomamente a creare un’armonia economico-sociale, il nuovo liberalismo sostiene che quest’armonia vada creata artificialmente. La libertà può esserci solo laddove tutti abbiano eguali possibilità di realizzazione, e questo può avvenire solo facendo in modo che i più forti non sovrastino i più deboli. Il neoliberalismo, anch’esso frutto della crisi del liberalismo classico, condivide con la corrente del nuovo liberalismo (oltre al nome) l’esigenza di salvare la società liberale dal rischio dei totalitarismi. La corrente capitanata da Keynes si lasciò alle spalle il dogma del laissez-faire per attuare misure apparentemente contrarie ai princìpi del liberalismo, e lo fece per garantire le «condizioni reali della realizzazione dei fini individuali». Il neoliberalismo, nell’analisi di Dardot e Laval, sembra condividere la possibilità del ricorso all’intervento statale, ma rimane inflessibile sulla necessità di non intralciare il meccanismo economico della concorrenza tra interessi privati. L’intervento statale infatti non ha più uno scopo compensativo, ma produttivo: deve produrre le condizioni ottimali affinché il meccanismo della concorrenza possa soddisfare l’interesse collettivo. Seguendo la linea dei due pensatori francesi, il punto di partenza del neoliberalismo sarebbe lo spencerismo, dal quale però si distaccherebbe riconoscendo che il mercato non è un dato naturale, ma «il prodotto artificiale di una storia e di una costruzione politica».

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Neoliberalismo: dal contributo di Foucault al dibattito attuale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Claudio Gori
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Dario Gentili
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 74

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi