Skip to content

Comunità e Cultura come risorse di Resilienza

Cultura e benessere

Bandura (1995) critica quegli Autori che hanno impropriamente identificato l’autoefficacia, risorsa di benessere, con l’individualismo, contrapponendola al collettivismo (Schooler, 1990; Seligman, 1990).
Infatti un forte senso di autoefficacia è di importanza vitale per un adattamento e un’azione di cambiamento efficaci, indipendentemente dal perseguimento individuale o collettivo di questi obiettivi. La ricerca di Early (1993) attesta l’universalità culturale del valore funzionale delle convinzioni di efficacia, confermando che le imprese collettive non hanno meno bisogno dell’efficacia personale di quelle individuali. Il rapporto che intercorre tra cultura e benessere è tutt’altro che intuitivo: una delle sfide più accattivanti della ricerca sulla relazione tra benessere e cultura sta nella definizione della cultura stessa.
Un contributo specifico riguardo alle dimensioni culturali fondamentali ci è dato da Hofstede (1980) che ha analizzato i sistemi di valori culturali studiando campioni confrontabili di persone in più di 40 paesi, valutandone l’influenza sull’autoefficacia.
Intendendo la cultura come “la programmazione collettiva della mente che distingue i membri di un gruppo umano da quelli di un altro” (Hofstede, 1980, p.25), ha identificato quattro dimensioni di diversità culturale. Si analizza inoltre l’espressione di tali dimensioni all’interno delle istituzioni sociali principali, come la famiglia e la scuola sulla base delle ricerche di diversi Autori.
La prima dimensione riguarda l’individualismo e il collettivismo. Nelle culture collettivistiche si promuove l’idea che le persone appartengano a determinati gruppi a cui devono essere fedeli in modo permanente e da cui i membri in cambio ricevono protezione; viceversa, le culture individualistiche promuovono l’idea che le persone si occupino soprattutto del proprio benessere e dei propri interessi. Esse danno valore a una definizione autonoma del sé e agli scopi individuali piuttosto che a quelli collettivi.
Nelle famiglie appartenenti a culture a elevato collettivismo ai bambini viene insegnato ad amare e a rispettare in modo manifesto i bisogni delle persone del loro gruppo di appartenenza. Nella scuola i bambini cercano di raggiungere quelle prestazioni che dimostrano il possesso delle competenze richieste e creano così una realtà sociale che rende i loro risultati ben visibili alla loro collettività (Ames, 1992).
Nelle culture ad elevato individualismo, dai bambini ci si aspetta che imparino come fare per apprendere. I risultati delle loro prestazioni sono considerati strumentali per il raggiungimento della realizzazione di sé e delle proprie potenzialità, perseguendo obiettivi individuali (Hosfede, 1991).
La seconda riguarda la disparità di potere. Nelle culture con marcate differenze di potere ci si aspetta che le persone accettino tale diseguaglianza e ciò è particolarmente vero per i membri che in una cultura dispongono di minore potere. In una cultura caratterizzata da una notevole differenziazione del potere si insegna ai bambini a obbedire al loro genitori e a trattarli come superiori (Hosfede 1986; 1991). L’istruzione è centrata sugli insegnanti in quanto gli studenti si aspettano che gli insegnanti controllino le loro attività di apprendimento (Stipek, 1988). Diversamente, nelle culture caratterizzate da una minore disparità di potere, i bambini sono incoraggiati a esprimere liberamente i propri punti di vista in famiglia e a trattare da pari i genitori. L’istruzione è, in questo caso, centrata sul bambino (Stipek 1988). In questo secondo caso l’autoefficacia percepita dei bambini è presumibilmente maggiore.
La terza dimensione riguarda l’evitamento dell’incertezza: le culture caratterizzate da un forte evitamento dell’incertezza sono facilmente disturbate da situazione non strutturate, non chiare o imprevedibili e perciò cercheranno di evitarle conservando codici di comportamento rigidi e credendo a verità assolute. Viceversa, culture caratterizzate da un debole evitamento dell’incertezza avranno membri generalmente più rilassati, tolleranti, contemplativi e non aggressivi (Hosfede 1986;1991).
Nelle famiglie appartenenti a culture in cui c’è un forte evitamento dell’incertezza le influenze estranee vengono vissute come fonte di grave minaccia e di stress. Il dissenso viene interpretato come un’offesa personale. Gli studenti si adattano a strategie di insegnamento altamente strutturate in cui i materiali didattici e i compiti sono predefiniti e le istruzioni dettagliate (Rosenholtz e Rosenholtz, 1981). Al contrario membri delle famiglie di culture a debole evitamento dell’incertezza hanno un atteggiamento di curiosità verso le esperienze nuove, non sono turbati quando devono affrontare problemi nuovi. Gli studenti si confrontano efficacemente con strategie di insegnamento multidimensionali (Rosenholtz e Rosenholtz, 1981).

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Comunità e Cultura come risorse di Resilienza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Linda Grazia Pola
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Maria Elena Magrin
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 33

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi