Skip to content

Da Afrin a Jarabulus: l'occupazione dello Stato turco in Siria

Da Afrin a Ras al-Ayn, una scia di violazioni

Le aree occupate dall'esercito turco nel nord della Siria sono teatro di ripetute violazioni dei diritti umani e del diritto internazionale, e per questo Ankara è oggetto di forti critiche da parte di organizzazioni non-governative, attori locali siriani, ufficiali esteri e diversi media. Ad esempio, in merito all'invasione di Afrin la Turchia è stata accusata di aver ripetutamente violato le norme internazionali a regola dei conflitti armati. Secondo un rapporto di Human Rights Watch (2018) l'esercito turco non ha preso le precauzioni necessarie ad evitare che molti civili rimanessero uccisi nel suo attacco al cantone. Nel rapporto l'organizzazione sottolinea come il DIU proibisca tassativamente gli attacchi contro civili e strutture civili, ad eccezione che quest'ultime non siano utilizzati per scopi militari, e proibisce a livello generale attacchi indiscriminati compiuti senza distinguere previamente tra obiettivi militari e civili. L'ONG ha identificato tre eventi, rispettivamente il 21, 27 e 28 gennaio del 2018, in cui la Turchia avrebbe ucciso decine di civili innocenti, attraverso la propria aeronautica e tiri di artiglieria e, solo nel primo caso, è stata avvalorata la presenza di un sito militare nelle immediate vicinanze della località attaccata. L'incidente del 28 gennaio, secondo le testimonianze raccolte da HRW, sarebbe consistito da un bombardamento aereo sulle tende di alcune famiglie di sfollati, causando la morte di cinque bambini e tre adulti; l'analisi delle immagini satellitari del sito colpito, ha denunciato HRW, ha corroborato i racconti e inoltre non ha rilevato la presenza di infrastrutture militari che potessero giustificare l'attacco.
La Turchia è stata inoltre accusata di aver bombardato l'ospedale di Afrin, il 16 marzo 2018, uccidendo sedici persone e commettendo quindi un grave crimine di guerra; l'esercito turco ha successivamente pubblicato una ripresa aerea di quello che ha sostenuto essere l'ospedale locale, privo di danni strutturali. Un fact-checking di Bellingcat ha analizzato dei precedenti filmati, il video fornito dalla Turchia e altre fonti open-source giungendo a una conclusione: la costruzione su cui si concentra il filmato fornito dalla Turchia non ha nulla a che fare con l'ospedale, il quale a sua volta è presente nel video turco ed è visibilmente danneggiato, com'è mostrato ulteriormente da riprese raccolte da emittenti televisive e attivisti locali.
Bellingcat ha però sottolineato come non sia possibile provare la responsabilità dell'esercito turco, per quanto sia evidente che l'ospedale sia stato danneggiato. Un secondo rapporto di Human Rights Watch ha denunciato come al termine dell'offensiva le forze SNA si siano impegnate in un sistematico saccheggio della regione, e specialmente della città di Afrin a seguito della sconfitta delle milizie YPG e della fuga di più di 150,000 civili. In base al diritto internazionale umanitario, il saccheggio e l'esproprio forzato della proprietà altrui per uso personale può costituire un crimine di guerra, in quanto ai partecipanti ad un conflitto non è permesso un comportamento del genere. È altresì proibita la distruzione di beni privati senza che vi sia una necessità militare.
Due cittadini sfollati da Afrin sono stati intervistati da HRW e, fornendo prove fotografiche a sostegno della loro testimonianza, hanno denunciato come membri di “Ahrar al-Sharqiyah” e “Jaish al-Sharqiyah” abbiano confiscato, distrutto e razziato le loro proprietà. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Da Afrin a Jarabulus: l'occupazione dello Stato turco in Siria

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizio Chevron
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche e Sociali
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Sandro Busso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 112

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi