Skip to content

La comunicazione organizzativa verso l'Enterprise 2.0 e il caso Iveco

Dal Virtual Workspace a Enterprise 2.0

L’evoluzione delle Intranet ha subito una forte accelerazione negli ultimi anni. Le Intranet di nuova generazione sono dei veri e propri spazi di lavoro virtuali o Virtual Workspace, capaci di soddisfare in modo sempre più completo ed integrato i bisogni delle persone all’interno dell’organizzazione. A questa nuova prospettiva si aggiunge anche una generale crescita di rilevanza strategica e di budget dedicati, oltre ad una maggiore attenzione da parte del top management e dei manager di linea.
Il concetto di centralità dell’utente alla base della nostra visione di Enterprise 2.0 è già proprio della seconda era delle Intranet: il Virtual Workspace, infatti, ha l’obiettivo di supportare la persona, che in quanto cittadino dell’impresa, ha la necessità di usufruire dei servizi per la vita aziendale ed utilizzare spazi di socializzazione e collaborazione
In questa accezione l’adozione del paradigma dell’Enterprise 2.0 rappresenta una presa di coscienza della dimensione più ampia all’interno della quale la persona vive: sono emersi bisogni nuovi, che non possono essere soddisfatti in un contesto di lavoro chiuso.
Questo processo può essere immaginato di superamento dei confini del Virtual Workspace, in termini sia di apertura dell’organizzazione ad attori esterni come clienti, fornitori, partner, sia di ripensamento dei tradizionali schemi di collaborazione, condivisione della conoscenza e gestione delle relazioni.
Tra Virtual Workspace ed Enterprise 2.0 c’è dunque una continuità dal punto di vista logico, ma si tratta comunque di una rivoluzione che comporta la rottura di modelli tradizionali.
È importante sottolineare che l’espressione Enterprise 2.0 non può essere limitato al solo arricchimento della Intranet con l’introduzione delle nuove applicazioni del Web 2.0.
L’introduzione dei nuovi strumenti tecnologici non deve essere concepita in modo avulso dagli obiettivi organizzativi. Tutte le azioni e le iniziative devono essere guidate da una strategia di cambiamento vera e profonda, una trasformazione del contesto e delle modalità stesse con cui le aziende operano. Non si tratta di modificare specifici elementi del sistema, ma di cambiare il sistema stesso, i suoi riferimenti, le sue regole, i suoi valori.
Il modo di concepire il posto di lavoro e la relazione con i colleghi sta cambiando. Il fenomeno della mobilità e della dispersione sul territorio delle persone e delle attività è sempre più rilevante nelle imprese e ne mette in crisi i paradigmi organizzativi.
Dal Rapporto del 2008 “Enterprise 2.0: la rivoluzione che viene dal web” dell’Osservatorio su questo fenomeno del Politecnico di Milano si evince che oltre il 66% delle 65 imprese del campione sono caratterizzate da forte mobilità e dispersione dei dipendenti. Una percentuale sempre maggiore di questi lavoratori, non sono i tradizionali mobile worker delle vendite o dell’assistenza al cliente, ma sono impegnati in settori, in cui le attività erano svolte con modalità tradizionali, e in ben il 27% di essi sono dirigenti. Inoltre sempre più persone, non sono mobile worker, ma lo diventano occasionalmente o lo sono durante momenti sempre più lunghi della loro giornata, nei trasferimenti, da casa, nel tempo libero.
Per tutti questi lavoratori la mobilità sta diventando un modo di vivere nell’organizzazione, una necessità a fronte della quale una risposta in termini di strumenti e tecnologie è necessaria, ma non è sufficiente.
Bisogna rimodellare profondamente i processi e le relazioni per rendere più sostenibili i sistemi dell’impresa, riconnettendo le persone ai loro network organizzativi e, al tempo stesso, garantendo flessibilità, velocità e robustezza ai processi operativi e decisionali.
Per comprendere appieno il ruolo della tecnologia nel supportare il lavoro in mobilità occorre partire dalla persona e ripensare il suo Virtual Workspace, lo spazio nel quale essa opera e interagisce, in cui gli strumenti mobile sono una componente fondamentale.
Nella realtà italiana sono sempre di più le organizzazioni che hanno investito nello sviluppo di Virtual Workspace mobili: nel 47% delle aziende gli utenti possono accedere tramite device mobili a funzionalità del proprio Sistema Informativo. Nel 2008, un ulteriore 35% di imprese ha aperto il proprio Virtual Workspace all’accesso con dispositivi mobili.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La comunicazione organizzativa verso l'Enterprise 2.0 e il caso Iveco

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michele Potenza
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Comunicazione per le Imprese e le Istituzioni
  Relatore: Dunia Astrologo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 235

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

blog aziendale
collaboration
comunicazione aziendale
comunicazione interna
comunità di pratica
condivisione
corporate blog
corporate portal
e-learning
enterprise 2.0
formazione aziendale
house organ
immagine aziendale
impresa 2.0
internal communication
intranet
knowledge management
knowledge workers
share point portal
social enterprise
survey
training
web 2.0
wikinomics

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi