Skip to content

Ricerca di mutazioni nel gene K-Ras mediante HRM-PCR

Fattori di rischio

E’ importante distinguere, nell’ambito dell’intera popolazione, i soggetti che hanno un rischio generico da quelli che hanno un rischio medio-alto di sviluppare il tumore del colon retto. In linea generale, i fattori di rischio chiamati in causa nell’insorgenza di questa neoplasia sono l’età, la presenza di polipi adenomatosi, la storia familiare per CCR e sindromi ereditarie a trasmissione autosomica dominante.
Inoltre tra i fattori di rischio vanno ancora menzionati: storia di malattie infiammatorie croniche intestinali (prevalentemente rettocolite ulcerosa), stati di immunodeficienza, radiazioni della regione pelvica ed erronee abitudini dietetiche.
Complessivamente si stimano a rischio generico il 70-80% degli individui, a rischio moderato il 15-20% e ad alto rischio il 5-10%
- Soggetti a rischio generico: tutti gli individui senza storia familiare o personale di neoplasia colorettale e di età superiore ai 50 anni.
- Soggetti a rischio moderato: tutti gli individui con anamnesi positiva per adenomi, cancro del colonretto o tumori ovarici o della cervice uterina oppure individui con anamnesi familiare positiva per adenomi o cancro del colon-retto, soprattutto se diagnosticati in un parente di primo grado di età inferiore ai 60 anni, oppure in due o più parenti di primo grado indipendentemente dalla loro età.
- Soggetti ad alto rischio: tutti gli individui che sono affetti da malattie infiammatorie croniche intestinali (morbo di Crohn e soprattutto rettocolite ulcerosa) e quelli con storia familiare di FAP o HNPCC.
Qui di seguito sono riportati alcuni fattori di rischio associati all’insorgenza del carcinoma del colon retto:
Età: il picco di incidenza del CCR è compreso tra i 60 e i 79 anni di età, meno del 20% dei casi invece si verifica prima dei 50 anni. Casi riscontrati in soggetti giovani sono spesso associati ad una componente genetica (sindromi ereditarie).
Le sindromi ereditarie sono rappresentate principalmente dalla Poliposi Adenomatosa Familiare (FAP) e dal Cancro Colo-rettale Non-Poliposico Ereditario (HNPCC) detta anche “sindrome di Lynch”.
Entrambe vengono trasmesse con modalità autosomica dominante; la prima prevede la comparsa fin da giovane età di migliaia di polipi adenomatosi con inevitabile trasformazione in senso carcinomatoso, la seconda è correlata ad una forte predisposizione a sviluppare il cancro in età adulta, in seguito a mutazione germinale dei geni che formano il mismatch-repair system (MMRS)
Familiarità: In circa il 15-20% dei casi vi è una familiarità legata all’insorgenza dei tumori del colon-retto: si parla di familiarità semplice per i soggetti che hanno un solo familiare di primo grado con CCR diagnosticato in età inferiore ai 50 anni, per questi vi è un rischio doppio o triplo di riscontrare tale neoplasia rispetto alla popolazione generale. Invece per familiarità complessa si intende un soggetto che presenta nel nucleo familiare uno o più parenti con CCR e che non rientra nella dizione di sindromi ereditarie.
Dieta: la dieta è il fattore di rischio più studiato, infatti si ritiene che l’assunzione di alcuni alimenti possa aumentare il rischio di ammalarsi di tumore al colon, mentre sembra che altri possano proteggere dall’insorgenza di questa malattia. In particolare, un elevato consumo di carne rossa è stato associato ad un aumento del rischio. La carne rossa esprimerebbe il suo effetto cancerogeno liberando nitrosammine durante la cottura ad alte temperature. In ogni caso, a prescindere dalla cottura, composti N-nitrosilati possono causare danni al DNA dato che vengono bio-trasformati in agenti alchilanti dagli enzimi presenti nello stomaco e nell’intestino. Anche il consumo di notevoli quantità di grassi animali è potenzialmente rischioso, infatti questi stimolano la secrezione di acidi biliari che possono essere ulteriormente convertiti in prodotti cancerogeni dai batteri presenti nel lume intestinale Il grasso animale inoltre sembra promuovere direttamente il turnover epiteliale favorendo l’iperproliferazione incontrollata della mucosa intestinale.
In contrasto, l’alto consumo di frutta e vegetali (soprattutto crudi) è associato con una diminuzione del rischio per tumore del colon. Il meccanismo di questo effetto protettivo sembra risiedere nell’inibizione della formazione di nitrosammine, nell’effetto antiossidante (per la presenza di vitamine E, C ed A) e nell’induzione di enzimi detossificanti. Inoltre una dieta ricca di fibre (frumento, crusca, frutta e verdura) favorisce la formazione della massa fecale, diminuendo il tempo di transito intestinale e riducendo quindi l’esposizione della mucosa colica a possibili agenti cancerogeni. Le fibre alimentari avrebbero anche la capacità di legare ed amalgamare i grassi e gli acidi biliari o inibire la loro attività promotrice; inoltre la loro fermentazione batterica ad acidi grassi a breve catena può contribuire alla acidificazione delle feci che sembra avere un ruolo protettivo.
Negli ultimi anni, l’osservazione che le popolazioni vegetariane o con una dieta ad alto contenuto di fibre presentano un’incidenza di questa neoplasia ridotta di oltre il 30% ha avvalorato la tesi dell’effetto protettivo svolto dall’assunzione delle fibre.
Fumo: recenti studi hanno ipotizzato l'esistenza di una correlazione tra il fumo di sigaretta e un rischio aumentato di cancro del colon. Il fumo di tabacco produce infatti numerosi composti genotossici, compresi gli idrocarburi aromatici policiclici, ammine eterocicliche aromatiche e N-nitrosocomposti. Tutte queste sostanze sono cancerogene e possono causare danni irreversibili alla mucosa del colon-retto attraverso la circolazione dopo l'assorbimento broncoalveolare o per contatto diretto dopo l'ingestione insieme alla saliva. Inoltre, come dimostrano studi preclinici, sembra che anche la nicotina, con effetto dose-dipendente, svolga un importante ruolo nell’angiogenesi e nell’insorgenza del tumore del colon retto.
Processi infiammatori cronici dell’intestino: i pazienti affetti da rettocolite ulcerosa (RCU) e Morbo di Crohn a localizzazione colica hanno un rischio aumentato di sviluppare la neoplasia in stretta correlazione con l’estensione e la durata della malattia, ovvero il rischio di sviluppare CRC è direttamente connesso con la gravità del danno della mucosa intestinale e con l'estensione del processo infiammatorio. I soggetti colpiti da rettocolite ulcerosa, la cui durata sia superiore ai dieci anni, hanno un rischio 20 volte maggiore di sviluppare il carcinoma del colon retto rispetto alla popolazione generale. Rilievi analoghi, ma a livelli estremamente più bassi, sono stati riscontrati nel morbo di Crohn.
Ormoni: Le differenze in merito all'incidenza e all'età di insorgenza tra maschi e femmine possono essere attribuite al diverso pattern ormonale tra i due sessi; in particolare, l'accento è stato posto sugli estrogeni. La presenza di dati contrastanti, rende questi studi ancora poco affidabili, infatti è stato riportato un aumento dell'insorgenza di CRC in donne sottoposte a terapia sostitutiva per gli estrogeni (tamoxifene), risultato in contrasto con l'ipotetico ruolo protettivo degli ormoni femminili.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Ricerca di mutazioni nel gene K-Ras mediante HRM-PCR

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lucia Cristina Cucchetti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Biologiche
  Relatore: Salvatore Travali
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

carcinoma
colon
high resolution melting
hrm
k-ras
melting
mutazioni
pcr
retto
tumore colon retto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi

//Since preload is not supported in firefox until now (according to this) browsers the only way to do it is to declare it twice in the one rel tag or two separate tags.