Skip to content

Da Weber a Thompson : uno studio sul concetto di razionalità nella storia del pensiero organizzativo.

Herbert Simon : rivoluzione dei principi classici e i processi decisionali

Herbert Simon (1906 – 2001) è stato premio Nobel per l’economia, sociologo e uno dei principali fondatori dell’analisi dei processi decisionali. Egli riconosce, per il sostegno dei suoi studi, importanti debiti intellettuali a Barnard li riafferma più volte durante la sua carriera.
Simon, nel campo del pensiero organizzativo, rappresenta fin dagli anni ’40, la maggior alternativa teorica al funzionalismo e la sua scuola viene chiamata “comportamentista” per sottolineare che il suo oggetto di analisi sono i comportamenti umani all’interno delle organizzazioni. Secondo gli studi del settore ciò che, quindi, realmente rende importante e Simon e il suo lavoro è la rivoluzione che egli apporta al modo di concepire le organizzazioni e il comportamento al loro interno. Questa rivoluzione può essere spiegata articolandola in tre punti fondamentali:
a) Una nuova visione per lo studio delle organizzazioni. Simon critica l’idea di un’organizzazione descritta come un’entità che assegna semplicemente dei ruoli, in quanto, con uno schema di questo tipo, è impossibile osservare il comportamento (l’agire razionale) dei membri. Per far ciò è necessario quindi iniziare l’analisi partendo dagli uomini che fanno parte dell’organizzazione e che, all’interno di essa, sono posti di fronte a continue decisioni, che rappresentano l’oggetto fondamentale della conoscenza organizzativa. Simone introduce quindi , come nuova e più specifica unità di analisi, la “premessa” e afferma che “ogni decisione dipende da molte premesse che sono numerose nella definizione di un solo ruolo” (Simon,1947). La nuova visione intende quindi l’organizzazione come un’entità nella quale i membri prendono delle decisioni coordinate tra loro, e che quindi essa ha uno schema che “fornisce a ogni appartenente al gruppo buona parte dell’informazione, delle premesse, degli obiettivi e degli atteggiamenti che influenzano le sue decisioni”.
b) L’uomo ha una “razionalità limitata”. Simon rivoluziona l’idea classica, secondo cui l’uomo è un individuo perfettamente razionale, introducendo il concetto di “limiti oggettivi della conoscenza”. Questi limiti, dovuti alla formazione culturale, alle preferenze, all’incertezza, all’impossibilità di considerare troppe variabili insieme (cause, conseguenze), portano quindi l’individuo a prendere delle decisioni non in condizioni di “massima” razionalità, ma solo con “sufficienza”.
c) Il modello di equilibrio tra “incentivi e contributi” proposto da C. Barnard, va ri-esaminato tenendo conto dei due punti precedenti della rivoluzione simoniana. Quindi l’equilibrio precedentemente descritto, è formato da decisioni prese in modo razionalmente limitato.
Nei suoi studi, finalizzati alla rivoluzione e alla riformulazione dei principi classici, Simon, all’interno della sua opera più significativa, Administrative Behavior (1947), propone una dura critica ai principi “cardine” dell’amministrazione, così come venivano esposti dalla scuola classica, cioè come dei punti universalmente validi.
Primo di questi principi è quello secondo cui, attraverso una specializzazione del lavoro, l’efficienza del lavoratore aumenti.
Simon sostiene che i membri di un’organizzazione si specializzano in due modi diversi: specializzazione in una data funzione e specializzazione su una determinata area. Dato che,nelle teorie classiche, non viene descritto quale dei due criteri di specializzazione sia il migliore, esse non possono costituire un principio amministrativo valido.
Continuando nell’analisi, viene criticato il principio di “unità di comando”, nel quale si sostiene, che per un miglior rendimento, l’individuo debba ricevere le direttive soltanto da un unico superiore. Questo principio è considerato incompleto, in quanto, a causa dell’esistenza di moltissime tipologie di competenza, è impossibile affidare il controllo unico delle operazioni ad un solo dirigente.
Altro principio criticato è quello di “controllo”, secondo cui “più i gruppi sono piccoli tanto più è facile controllarli e quindi maggiore è l’efficienza. Applicare tale principio, significa optare per una struttura a maglie strette le quali devono essere coordinate in modo da garantire le comunicazioni verticali e orizzontali. Tale principio contrasta con un altro secondo cui l’efficienza aumenta se si riduce il numero dei livelli amministrativi attraverso i quali passano le comunicazioni (Bonazzi ,1989).
L’ultima critica di Simon interessa il principio secondo cui, se il personale è “raggruppato” per fine, procedimenti, clientela e territorio, viene ad aumentare l’efficienza. Questo no è possibile in quanto i risultati prodotti da tre di questi criteri, porteranno sempre al “fallimento” del quarto( sono criteri concorrenti).
Terminata la critica a questi punti della teoria organizzativa classica, Simon continua il suo lavoro quest’ultime affrontato precedentemente, mette in evidenza e tratta due importanti categorie di giudizi: quelli “di fatto” e quelli “di valore”.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Da Weber a Thompson : uno studio sul concetto di razionalità nella storia del pensiero organizzativo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simone Pascal
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Stefania Palmisano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 39

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi