Skip to content

Lavoro e Industria 4.0: il ruolo delle idee e dell'istruzione nel confronto tra uomo e IA

I settori più a rischio per i posti di lavoro

Questo sotto-paragrafo rappresenta un focus sui settori che probabilmente soffriranno di più l’avvento della Quarta Rivoluzione Industriale, senza la pretesa di voler raggiungere livelli elevati di esaustività ma con l’obiettivo di informare i lettori di alcune analisi sui cambiamenti settoriali in atto.

In generale, i lavori che più rischiano di essere sostituiti dalle macchine sono quelli caratterizzati da mansioni ripetitive e a più bassa qualifica, tuttavia i progressi dell’intelligenza artificiale potrebbero avere le loro ripercussioni anche in ambiti più complessi e che richiedono un livello di qualifiche più elevato (per un’ampia trattazione del tema si veda Royakkers e van Est, 2016). Tant’è che già oggi, anche la laurea triennale ha mostrato segni di peggioramento nei parametri del mercato del lavoro (Brynjolfsson, 48 McAfee, 2015, p.214).

Automatizzare una singola mansione è relativamente semplice. Automatizzare un’intera professione è alquanto complesso. Pertanto, sulla base della già citata indagine del McKinsey Global Institute, (A future that works: automation, employment and productivity), si può dedurre che l’automazione non è perfettamente correlata alla perdita di posti di lavoro.

Uno dei settori che sta già pagando e pagherà maggiormente le conseguenze dell’era digitale sarà probabilmente il commercio fisico. Nel recente passato, abbiamo già assistito alla crisi del commercio al dettaglio e del piccolo commerciante, causata in un primo momento dalla diffusione dei centri commerciali su larga scala. Questo ha portato alla chiusura di moltissimi piccoli negozi, i quali non sono riusciti a tenere il passo e a competere con i prezzi dei grandi centri commerciali. La pietra tombale potrebbe arrivare con l’ era digitale e con l’E-Commerce, che sta mettendo già da un po’ in difficoltà non solo il commercio al dettaglio ma anche i centri commerciali. A conferma di quanto detto, il British Retail Consortium (BRC), un’associazione inglese di rappresentanza dei piccoli e grandi negozi stima che entro il 2025 potrebbero perdersi 900 mila posti di lavoro nel solo Regno Unito, con particolari conseguenze negative proprio per i piccoli negozi. E a guardare gli andamenti degli ultimi anni è realistico crederci.

Tutto questo va a beneficio del commercio online, oggi in mano ai giganti dell’E-Commerce come Amazon, Ebay e Alibaba. Le conseguenze occupazionali potrebbero essere significative. Anche perché i tassi di crescita dell’E-Commerce non lasciano molti dubbi su quale sarà l’andamento del commercio. I bersagli di questa perdita dei posti di lavoro nel settore del commercio sono principalmente i commessi. Ma anche il piccolo commerciante costretto a chiudere il proprio negozio familiare perché non in grado di competere con i centri commerciali e con le principali piattaforme di E-Commerce è un bersaglio dell’E-Commerce. Si tratterà infatti di un posto di lavoro in più perso, senza considerare tutte le conseguenze per la catena del valore collegata con il negozio (fornitori, consulenti, ecc…).

Dinnanzi a questo scenario, molti piccoli imprenditori hanno compreso in anticipo rispetto agli altri le potenzialità offerte dalle piattaforme di E-Commerce vendendo prodotti online in tutto il mondo e raggiungendo una platea di potenziali consumatori che non avrebbero mai potuto raggiungere con il solo negozio fisico. È anche vero che l’E-Commerce ha annullato le distanze tra un venditore e l’altro alimentando una concorrenza sfrenata, spesso basata sul prezzo più basso. L’informazione del prezzo più basso è ormai accessibile da chiunque tramite una semplice ricerca su “Trova Prezzi” o altri motori di ricerca simili, il ché va da una lato ad erodere i profitti rendendo il prezzo sempre più vicino al costo marginale (Equilibrio di concorrenza perfetta P=MC), dall’altro la massa dei venditori che propone un prezzo già di poco più alto ha volumi di vendita drasticamente inferiori rispetto a chi pratica il prezzo più basso e viene scartato dal consumatore informato. Quindi l’E-Commerce è il presente e il futuro del commercio ma non è scontato riuscire ad essere competitivi in un mercato così affollato sia dal lato della domanda che dal lato dell’offerta di prodotti. Se ci si riesce a differenziare da tutti gli altri venditori e a costruire una reputazione impeccabile si può diventare leader nel specifico settore o anche solo nella vendita di uno specifico prodotto. Quindi si tratta spesso di un mercato dove “the winner take all” (Freddi, 2017, p.2). Quella dell’E-Commerce è una strada obbligatoria per il settore del commercio ma dai risultati incerti.

Anche nel settore automotive, gli scenari futuri dell’automobile senza conducente e la sharing economy di Uber potrebbero riservare una notevole perdita di posti di lavoro, paragonabile, per certi aspetti, a quella avvenuta con il passaggio dal trasporto animale alle automobili. Tale scenario colpirebbe principalmente tassisti, camionisti e tutti coloro che lavorano nell’ambito dei trasporti di merci e di persone. Ma non solo, dinnanzi alla scelta di acquistare il semplice servizio di trasporto, potrebbe venir meno anche l’esigenza di possedere un veicolo di proprietà, in quanto molto più conveniente. Si innescherebbero delle ripercussioni a catena di notevole entità: l’industria automobilistica si troverebbe ad dover affrontare una riconversione del proprio modello di business, e di conseguenza non si esclude la possibilità di ondate di licenziamenti. Senza contare i problemi che incontrerebbero concessionari e officine. [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Lavoro e Industria 4.0: il ruolo delle idee e dell'istruzione nel confronto tra uomo e IA

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Melchiorre Marino
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali
  Corso: Economia, Mercati e Management
  Relatore: Sandrine  Labory
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi