Skip to content

Putting Markowitz Theory at Work

I vincoli di peso o weight constraints

La tecnica dei vincoli di peso, o weight constraints, è una tecnica basilare per risolvere alcuni dei problemi evidenziati dal modello di Markowitz. La sua applicazione pratica non richiede algoritmi particolarmente complessi, pertanto è intuitivamente implementabile mediante l’utilizzo di semplici software. Accanto al pregio della semplicità di utilizzo bisogna però evidenziare il fatto che questa non rappresenta una soluzione di carattere generale.
Il set di vincoli da introdurre nel modello di Markowitz non ha carattere generale ma deve essere individuato di volta in volta, per tentativi, sulla base delle asset class selezionate. Questo perché l’applicazione di vincoli slegati dal contesto delle asset class potrebbe portare a ottenere portafogli in alcuni casi troppo diversificati e in altri troppo concentrati, impendendo così di superare le problematiche tipiche del modello di Markowitz puro.

Il motivo principale per cui si ricorre ai vincoli di pesi è il tentativo di evitare la costruzione di portafogli troppo concentrati, in modo da aumentare la diversificazione a livello di portafoglio. Grazie alla maggiore diversificazione si riesce a ridurre gli effetti negativi dovuti agli errori di stima. I portafogli, se maggiormente diversificati, si dimostrano meno esposti agli errori di stima, anche se tale problema non viene comunque eliminato.
Operativamente, la tecnica consiste nell’andare ad imporre un limite massimo e/o un limite minimo al peso che le asset class possono assumere in portafoglio. Tali limiti di peso possono essere uguali per ogni asset class selezionata oppure differenziarsi sulla base della specifica asset class. Nel complesso vanno a formare una sorta di banda all’interno della quale può oscillare il peso da attribuire all’asset class.
Nel caso in cui una delle due bande non venga esplicitata, valgono comunque i vincoli generali imposti dal modello di Markowitz: ogni asset class deve assumere un peso non inferiore a 0 e, siccome la somma dei pesi delle asset class in portafoglio deve essere pari a 1, allora il peso massimo che implicitamente ogni asset class può assumere deve essere non superiore a 1.

Ciò che si vuole evidenziare è che la banda di oscillazione dei pesi assumibili dalle asset class viene sempre implicitamente definitiva: i pesi possono variare tra 0 e 1. Se si inseriscono i weight constraints si va semplicemente a restringere tale banda, permettendo minori oscillazioni ai pesi che le asset class possono assumere. In questo modo si evita che una singola asset class possa assumere un peso troppo elevato, favorendo l’inserimento di altre asset class in portafoglio.

L’imposizione di questi ulteriori vincoli al modello di programmazione quadratica provoca un abbassamento della frontiera efficiente ex-ante. Questo perché si va a restringere il novero delle possibili combinazioni tra le asset class selezionate. Vengono scartate, per motivi di ragionevolezza, alcune combinazioni di portafoglio prima possibili. In questo modo la frontiera efficiente ex-ante si abbassa, ma aumenta la possibilità di ottenere buone performance ex-post, essendo ora i portafogli meno esposti ai problemi che la concentrazione provoca.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Putting Markowitz Theory at Work

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Diego Fontana
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Finanza
  Relatore: Emanuele Maria Carluccio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 183

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ottimizzazione
markowitz
frontiera efficiente
rischio
investimenti
asset allocation
diversificazione
tecniche euristiche
asset class
black-litterman
resampling
ricampionamento
portafoglio ottimo
vincoli di peso
orizzonte temporale
holding period
tecniche bayesiane
stili di gestione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi