Skip to content

Il ruolo della banca mondiale nella cooperazione internazionale allo sviluppo

Il funzionamento della Banca Mondiale

Obbiettivo di questo capitolo è analizzare il funzionamento della banca mondiale all'atto pratico ed inoltre approfondire le varie mentalità economiche che l'hanno guidata fino ad oggi, esaminandone pregi e difetti.

a) Millenium Summit e i Millennium Development Goals
La banca nel 2000 organizzò un incontro a New York, chiamato Millennium Summit ove parteciparono la maggior parte dei paesi del mondo; il fine di questo summit fu stilare gli otto punti che ne avrebbero dovuto guidare il funzionamento negli anni a venire. Gli obiettivi erano 8 e volendoli enunciare troviamo:

• OBIETTIVO 1: eliminazione della povertà estrema e della fame dal mondo.
• OBIETTIVO 2: assicurare l’istruzione elementare universale.
• OBIETTIVO 3: promozione dell’uguaglianza, delle capacità e delle opportunità del sesso femminile.
• OBIETTIVO 4: riduzione della mortalità infantile.
• OBIETTIVO 5: miglioramento della salute materna (mortalità materna).
• OBIETTIVO 6: combattere le malattie gravi come Aids e malaria.
• OBIETTIVO 7: assicurare la sostenibilità ambientale.
• OBIETTIVO 8: sviluppare un’alleanza globale per lo sviluppo.

Subito, durante la decisione di questi otto punti molto ambiziosi, apparirono alla commissione quelle che si riveleranno le vere difficoltà dell’impresa; ovvero le strategie, le modalità e le complicate procedure che si sarebbero dovute mettere in pratica per il raggiungimento degli obbiettivi designati. Il primo provvedimento che venne preso dalla commissione, fu quello di coinvolgere direttamente i paesi ricettori delle politiche, affinché con la loro più specifica conoscenza del territorio (soprattutto delle problematiche interne) potessero aiutare a migliorare le decisioni operative della commissione stessa. Alla luce di ciò i programmi ad oggi vengono stilati dagli stati stessi, indicando con la massima correttezza le risorse necessarie (e dove reperirle) per l’attuazione degli obiettivi, In cambio la banca mondiale richiede trasparenza e accountability sui risultati; tramite questo meccanismo i paesi più meritevoli dovrebbero ricevere maggiori risorse e continuità di aiuti.

Tuttavia, questo metodo, che pure generava allora tutto il suo stupore, doveva ancora mostrare i suoi frutti non sempre floridi. Ciò è attribuibile ad entrambi gli attori di questo paradigma di sviluppo: in primis agli stati beneficiari, che da un lato spesso non sono stati caratterizzati da governi molto inclini a metodi democratici e comunque con una classe dirigente e amministrativa non adeguata; d'altro canto la banca mondiale spesso, mostrando una contraddizione deludente, ricercava soluzioni non in linea con i bisogni reali dei paesi clienti ed anzi, spesso, ricalcava scelte passate che avevano già mostrato i loro pessimi risultati. Si inserisce qui un solo esempio, quello dell'Uganda, che pur nella sua specificità può mostrare da solo, pregi e difetti di questa strategia di sviluppo.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ruolo della banca mondiale nella cooperazione internazionale allo sviluppo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mauro Avallone
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia delle istituzioni e dei mercati finanziari
  Relatore: Paola Bongini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 38

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi