Skip to content

La rondine e l'usignolo

Il tema dell’usignolo

Il tema dell’usignolo compare in diverse opere: nelle Trachinie è il coro a dire di sé di aver pianto con voce acuta, come quella di un usignolo.
Il motivo letterario dell’usignolo viene altresì nelle Fenicie euripidee: Antigone, in seguito alla notizia della morte di Eteocle e Polinice e del suicidio di Giocasta, cerca nell’usignolo un compagno di canto per intonare il disperato pianto.
In ultimo, anche nello stasimo dell’Elena [Hel. 1106-1116] c’è la medesima movenza, dove però è il coro a rivolgere una lunga invocazione all’”uccello canoro più melodioso”, alludendo appunto all’usignolo.

Nella mitologia sono presenti anche citazioni dell’usignolo legate alla figura della madre: ad esempio in Omero [Od 19, 518-524], in cui ne ritroviamo solo un breve cenno; in esso Penelope, personaggio interno al racconto, mette a confronto sé stessa con un altro personaggio del mito. Dalle sue parole veniamo a conoscenza del fatto che una madre con il nome di “άηδδόνϵς” uccide il figlio Itylos avuto da Zeto “signore” per mancanza di ragione; trasformata in uccello si abbandona ad un eterno lamento. Sempre all’interno dell’Odissea, troviamo un’ulteriore citazione: Penelope chiede di essere rapita agli dèi come le figlie di Pandareo, piuttosto che andare in sposa ad un uomo inferiore ad Ulisse.
Un richiamo alla leggenda è presente anche in un frammento di Esiodo [Hes. Op. 564-570], che rivela molti punti di contatto con la leggenda omerica, e in cui si narra del ritorno primaverile della rondine, uccello che indica al contadino il tempo favorevole per potare la vigna. Nel testo esiodeo viene spiegato che una fanciulla, figlia di Pandione, è stata mutata in rondine e leva un lamento funebre.

Sia Omero sia Esiodo parlano di uccelli, pertanto si può pensare che alle spalle di ambedue siano presenti le leggende folcloristiche sugli uccelli primaverili. È possibile giungere a questa conclusione grazie al richiamo di Esiodo al testo Omerico, nonché alla somiglianza tra i nomi Pandareo e Pandione. Più tardi, questo tipo di leggende si fonde con quella dell’usignolo, madre assassina del figlio, inseguita dal padre Tereo-upupa.
Sono stati ritrovati dei richiami a tale leggenda anche nella produzione lirica, un esempio ne è un breve frammento di Simonide in cui pare stia descrivendo gli usignoli sulla scia di Omero.
Un ulteriore frammento è presente nell’Inno a Demetra, brano di lirica corale, il quale cita “ϊτω, ϊτω Χορός” (trad. “vai, vai, coro”): una onomatopea che richiama il nome Ιτυν. Parte della critica attribuisce questo brano a Bacchilide. Se fosse a lui attribuibile, e se in esso fosse possibile riconoscere un’eco al richiamo del figlio Iti, ci troveremmo davanti ad una delle testimonianze più antiche della leggenda delle Pandionidi, risalente alla prima metà del V a.C., oltre che ad una delle pochissime attestazioni nella poesia lirica.
Nel complesso della produzione lirica, tuttavia, l’unica presenza certa del mito delle Pandionidi è in Sapph. Fr. 135 Voigt, che riguardala rondine assassina ed in cui è evidente il ricordo di Esiodo.
Anche nell’Agamennone troviamo una citazione alla leggenda. Cassandra, consapevole degli eventi che la trascineranno alla rovina proclama i propri oracoli di sventura; e si lamenta con grida dissonanti “come l’usignolo addolorato che leva il lamento sulla propria vita”.

In un passo delle Supplici [Aesch. Suppl. 57-67] sono presenti tre elementi: il nome Tereo, l’inseguimento e il rancore della madre malvagia. Tereo viene presentato come il consorte dell’usignolo e quindi come vittima indiretta del gesto infanticida. Il marito intende a sua volta vendicarsi della moglie, e la metamorfosi in sparviero, nemico e predatore dell’uccello primaverile in cui viene mutata Procne, lo cristallizza in tale condizione di ostilità. Il fatto che Tereo si trasformi in uno sparviero rappresenta un elemento inusuale all’interno della tradizione, in quanto nella quasi totalità delle fonti egli viene mutato in upupa. Le uniche altre testimonianze della metamorfosi in sparviero trovano in Soph. Fr. 581 e Hyg. Fab. 45.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La rondine e l'usignolo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Martina Galizzi
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Giorgio Bejor
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

scultura procne e iti
alcamene
leggenda dell'usignolo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi