Skip to content

Azioni Post-Conflitto: Relazioni tra Civili e Militari e Caso Afghanistan

Impatto della pandemia di Covid-19 sul peacekeeping

Era il 23 marzo del 2020 quando Antonio Guterres, Segretario generale delle Nazioni Unite, lanciò l’appello per il cessate il fuoco globale. Il motivo che vi è dietro tale richiesta è la pandemia di Covid-19.
La necessità di un cessate il fuoco globale trova giustificazione nel fatto che, così come per le guerre, anche per il Covid-19 sono i soggetti più vulnerabili a correre i maggiori rischi.
Nello specifico, destano particolari preoccupazioni i teatri di conflitti internazionali che si caratterizzano per la presenza di istituzioni statali deboli, tensioni comunitarie, mancanza di fiducia nei leader e rivalità tra stati. Sia nelle situazioni di conflitto che in quelle post-conflitto, la popolazione si rivela essere maggiormente vulnerabile allo scoppio di un’epidemia, questo perché gli anni di guerra, tra le altre cose, impattano negativamente anche sui sistemi sanitari nazionali, i quali, vengono sostanzialmente resi impossibilitati ad affrontare una qualsiasi epidemia. In Libia, ad esempio, il Covid-19 è giunto quando il sistema sanitario era già collassato a causa della fuoriuscita dei medici durante la guerra.
Aree di combattimento che destano particolare preoccupazione sono la provincia nord-orientale della Siria e lo Yemen, regioni del mondo già fortemente provate dalle recenti emergenze sanitarie registratesi rispettivamente nel 2013-2014 e dal 2016 in poi.
Nel caso specifico della Siria, si sottolinea che le maggiori apprensioni si hanno nella città di Idlib dove l’offensiva del regime ha, da un lato, preso di mira ospedali e strutture sanitarie, dall’altro, provocato lo sfollamento di 1 milione di persone negli ultimi 6 mesi. Nello Yemen, invece, a causa del sistema sanitario nazionale molto debole, si registrano già 24 milioni di persone che necessitano di assistenza umanitaria.

Condizioni di vita precarie e un limitato accesso alle cure mediche rendono la popolazione siriana e dello Yemen completamente esposta allo scoppio del Covid-19.
Ma oltre a ciò, l’epidemia attualmente in corso potrebbe altresì indebolire le operazioni multilaterali di peacekeeping e di supporto alla sicurezza.
Per correre ai ripari, agli inizi di marzo, il Segretario per il Peacekeeping dell’ONU ha chiesto a 9 Stati contributori di truppe, tra i quali compaiono Italia e Cina, di sospendere alcune o tutte le rotazioni di unità nelle operazioni dei caschi blu.
Al di là di tali richieste, le missioni di peacekeeping stanno adottando alcune misure di mitigazione, alcune di queste consistenti nel rafforzamento dei protocolli igienici per i lavaggio delle mani e nell’aumento dei servizi igienici, nell’adozione di procedure di controllo sistematico della temperatura all’entrata delle basi delle missioni, nel rafforzamento dei canali di comunicazione (radio, social, etc.) per condividere informazioni inerenti la salute con la popolazione, nell’adozione di misure di smart working per il personale civile e il personale di staff dei quartieri generali.
Alcuni osservatori invitano a non abbandonare gli sforzi comuni sul peacekeeping, e lo fanno ribadendo che se ogni Stato inizia ad occuparsi delle proprie ferite e a sviluppare percezioni differenti, allora si rischia di veder decadere la sicurezza generale.

L’Appello del Segretario Generale delle NU è stato da alcuni recepito e da altri, inizialmente, ignorato.
Lo ha recepito, ad esempio, l’Arabia Saudita che, l’8 aprile, ha annunciato che il regno e i suoi alleati avrebbero proclamato un cessate il fuoco unilaterale in Yemen a partire dalle ore 12 del 9 aprile; lo ha invece ignorato (inizialmente) la Libia, paese nel quale, contro ogni ragione, si sono addirittura intensificati gli attacchi del Generale Haftar su Tripoli, sull’aeroporto di Mitiga e sulle regioni al confine con la Tunisia. Questi attacchi hanno avuto come conseguenza l’offensiva “Tempesta di pace” del governo al-Sarray.
Gli attacchi contro Tripoli sono stati condannati dall’Alto Rappresentante per conto dell’Unione Europea, il quale, ha poi rinnovato l’appello per una tregua che permetta alla popolazione civile, e in particolar modo alle persone più vulnerabili, di proteggersi dall’epidemia.
Sebbene non intenzionati a cessare il fuoco, i due governi rivali stanno cercando comunque di limitare il contagio: Haftar ha imposto limitazioni alla circolazione di persone e chiuso porti, aeroporti e uffici pubblici e privati, Al Sarray ha disposto la chiusura delle moschee, delle scuole e delle università, istituendo poi una zona di quarantena nell’aeroporto di Mitiga.
In un Paese ormai devastato dal conflitto e della mancanza di istituzioni forti, ben si può comprendere come le misure dei due leader siano più propagandistiche che volte alla protezione della popolazione.
Il 3 aprile il Segretario Generale dell’ONU ha reso noto che la Libia, insieme al Camerun, la Repubblica Centrafricana, la Colombia, il Myanmar, le Filippine, il Sud Sudan, il Sudan, la Siria, l’Ucraina e lo Yemen avevano aderito all’appello per il cessate il fuoco.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Azioni Post-Conflitto: Relazioni tra Civili e Militari e Caso Afghanistan

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Eric Borda
  Tipo: Tesi di Master
Master in Operatore Esperto nella Gestione delle Crisi Umanitarie, Prevenzione dei Conflitti e Processi di Ricostruzione Post-Conflitto
Anno: 2020
Docente/Relatore: Daniele Paragano
Istituito da: Università degli Studi Niccolò Cusano - Telematica Roma
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

Questa tesi è disponibile nelle seguenti traduzioni:

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ricostruzione
crisi umanitarie
afghanistan
peacekeeping
peacemaking
covid
prevenzione conflitti
peacebulding
eric borda

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi