Skip to content

Il processo di internazionalizzazione degli istituti bancari

L’ingresso nel mercato estero

Effettuato il processo di analisi, definito il mercato obiettivo e formulata una propria strategia competitiva, si passa alla valutazione della modalità che l’istituto bancario di riferimento considera più idonea all’ingresso nella zona prescelta.
Ogni soluzione operativa individuata per entrare in un paese prospetta potenziali vantaggi e criticità, ad esempio ad investimenti limitati (quali semplici uffici di rappresentanza), corrispondono spesso meno rischi ma anche minori possibilità di apprendimento e di conoscenza del mercato. Dunque si tratta di una modalità di penetrazione in un mercato estero “meno invasiva” ma che fa presupporre un passaggio lento verso forme di presenza più profittevoli dal punto di vista economico.
Sarà opportuno scegliere una modalità di presenza in grado di garantire un adeguato livello di efficienza e il raggiungimento degli obiettivi prefissati, senza esporre l’istituto che ha scelto d’internazionalizzarsi al rischio di perdere il controllo di importanti fonti di vantaggio competitivo.

Ma cosa influenza la modalità d’entrata di una banca multinazionale in un paese estero? Solitamente sono determinanti una serie di aspetti: la domanda potenziale, le risorse investibili e la flessibilità.
La presenza di una potenziale domanda, ma soprattutto la sua entità, è un elemento essenziale che pone un istituto di credito di fronte all’alternativa se realizzare un investimento diretto all’estero o servirsi meramente di un intermediario finanziario locale.
Riguardo le risorse anch’esse rappresentano un costituente centrale; in genere e come ovvio che sia, il possesso di fattori limitati spinge all’utilizzo di modalità collaborative piuttosto che competitive. La volontà di impiegare tali resources dipende anche dalla previsione dei possibili risultati che si otterranno. Qualora si prospetti una concorrenza diretta elevata o numerose difficoltà logistiche, è chiaro che si ricadrà sulla scelta di una modalità di ingresso meno rischiosa e più “semplice” da attuare che non comporti l’investimento di costi elevati.

Un terzo aspetto imprescindibile riguarda la flessibilità della scelta. Come già detto a proposito della strategia di internazionalizzazione, è necessario che questa venga valutata attentamente al fine di evitare successivi ripensamenti che esporrebbero ad ingenti spese di disinvestimento o riconversione.
Gli imprevisti che l’ambiente presenta sono molteplici, spesso impensabili, al punto tale che per una banca che pone le sue operazioni all’estero la flessibilità rappresenta un requisito essenziale per adattarsi ai continui mutamenti.
Ancor più vero è che ciò deve accadere per quegli istituti che intendono porre le loro basi in mercati meno avanzati dove i cambiamenti e gli shock economici sono all’ordine del giorno.
Insegna Darwin, il padre della teoria evolutiva, vince solo chi si adatta più velocemente al cambiamento. Adeguarsi vuol dire instaurare una struttura non rigida, flessibile e predisposta a rispondere alle ricorrenti richieste di una domanda in continua evoluzione.
Numerose analisi empiriche hanno dimostrato come la modalità di penetrazione sui mercati esteri cresca all’aumentare dell’intensità della domanda, dell’esperienza internazionale e del livello di sviluppo economico del paese-obiettivo.
[...]
Chiuso questo breve approfondimento su una delle distinzioni cardini degli istituti di credito; è opportuno adesso focalizzare l’attenzione sulle forme organizzative che le banche, nel corso degli anni, hanno maggiormente scelto come strategia d’entrata in un mercato estero.
Risulta ovvio come, nonostante l’analisi venga condotta singolarmente individuando pro e contro per ogni modalità; nella pratica, o meglio nella realtà, la maggior parte dei gruppi bancari operanti oltre confine presenta una struttura assai complessa e articolata. Quasi sempre gli istituti finanziari prediligono l’adozione di svariate modalità di penetrazione all’estero: filiali, sussidiarie, acquisizioni etc.
Le banche scelgono la struttura più adatta in risposta ad un range di fattori specifici del mercato obiettivo ed è per questo che non ci sarà mai una modalità universale concepita come migliore tra le altre.

Una serie di studi ha posto enfasi sulle seguenti strutture d’ingresso che nascono dall’analisi delle teorie in ambito aziendale e vengono poi adattate ad un settore così importante, come quello finanziario:
-> Uffici di rappresentanza;
-> Filiali bancarie;
-> Subsidiaries;
-> Consorzi bancari;
-> Acquisizioni e fusioni;
-> Concessione di licenze;
-> Phone/internet banking.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il processo di internazionalizzazione degli istituti bancari

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Jessica Cacciuottolo
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Chiara Cannavale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 107

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi