Skip to content

Sulla legittimità costituzionale del contratto a tutele crescenti. Commento a Corte Cost. 8 novembre 2018, n. 194

La deregulation e il giudizio di ragionevolezza

Un’ulteriore criticità è rappresentata dal fatto che la Corte afferma che lo scopo posto alla base della nuova norma (l’aumento dell’occupazione) sia di per se tale da giustificare la diversità della disciplina successiva (deregulation). Quello che però è evidente e che lascia perplessi, è che tale obbiettivo, non essendo valutabile dai giudici, risulta irrilevante. Risulta difficile ritenere che la nuova legge che regola la stessa materia preveda un trattamento diverso rispetto al passato senza che alla base vi sia un ben specifico motivo che giustifichi simile previsione. Tale finalità dovrà necessariamente essere “ragionevole” e non potrà tanto meno coincidere con la semplice enunciazione di una differente esigenza regolativa. La Corte pertanto avrebbe dovuto verificare se lo “scopo” era ragionevole per la sussistenza di motivi diversi dalla mera volontà di mirare, con la nuova disciplina, ad un obiettivo ulteriore.
Quello che lascia alquanto stupiti è che la Corte, nel valutare la legittimità dei fini della norma, si sia fermata al solo giudizio di bilanciamento senza dare seguito alle successive fasi (giudizio di proporzionalità o ragionevolezza), le quali sono essenziali al fine di tale giudizio.
La Corte avrebbe dovuto valutare “la congruità del mezzo rispetto al fine considerato” in quanto, se non fosse ravvisabile una giustificazione alla differenza di trattamento, ci si troverebbe difronte alla violazione dell’art. 3 Cost.
Sarebbe da chiedersi se, per realizzare tale obbiettivo, il legislatore avrebbe potuto ricorrere a mezzi diversi, anche perché, stando a quanto la realtà dei fatti ci ripropone, il sistema così attuato non ha dato risultati molto positivi.
La Corte, omettendo il test di proporzionalità, crea un precedente pericoloso, facendo intendere in buona sostanza che il legislatore detiene ampia libertà, e che possa quindi operare scelte in modo arbitrario, senza condizionamenti.
Appare indubbio come la finalità perseguita dal legislatore, di incrementare l’occupazione, sia stata realizzata per tramite della riduzione notevole del sistema di tutele, paragonando quindi il fine a un diritto fondamentale. Infatti la motivazione portata a favore del deterioramento delle norme si basa esclusivamente sulla necessità di incrementare il numero di soggetti entranti nel mondo del mercato del lavoro. Se è vero che la norma non prevede necessariamente la forma della reintegrazione, è vero anche che prevede che al lavoratore siano garantite solide garanzie contro il licenziamento.
È evidente che manca un qualsiasi bilanciamento tra l’art. 4 Cost. e gli obblighi in capo allo Stato relativi alla promozione dell’occupazione e realizzazione di tutele contro il licenziamento ingiustificato. Si tratta di obblighi che lo stesso Giudice delle leggi ha individuato all’interno della Costituzione ed in altre leggi fondamentali (art. 35, art. 41, comma 2).

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Sulla legittimità costituzionale del contratto a tutele crescenti. Commento a Corte Cost. 8 novembre 2018, n. 194

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Bottacchiari
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Chiara Lazzari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi