Skip to content

La centralità dell'educazione per il presente ed il futuro dell'uomo. Le premesse per un cambiamento radicale del paradigma educativo

La grave carenza nel lavoro di rete tra scuola-famiglia-comunità

La transizione alla didattica a distanza è risultata particolarmente gravosa e problematica anche e soprattutto a causa della mancanza di dialogo e collaborazione tra scuola-famiglia-comunità.
Già nel lontano 1899 il pedagogista statunitense John Dewey, in “Scuola e Società”, ha evidenziato come il processo di industrializzazione abbia portato ad una condizione di isolamento ed autoreferenzialità del sistema scolastico che ha causato un grave “sperpero” di vita umana:

«Dal punto di vista degli allievi, il grande sperpero della scuola deriva dal fatto che essi non sono in grado di utilizzare in modo libero e completo, nel suo ambito, quelle esperienze che essi acquistano all’esterno; mentre, dall’altra parte, non riescono ad applicare, nella loro vita quotidiana, quello che imparano a scuola. Ecco di quale isolamento soffre la scuola: dell’isolamento dalla vita».

Secondo l’autore la scuola è una “comunità in miniatura” ed ha lo scopo di compensare eventuali disagi ambientali offrendo ad ogni discente un’ampia gamma di occasioni d’incontro, di scambio, di partecipazione; per questo è fondamentale l’apertura del sistema educativo al mondo al di fuori di esso e la sua integrazione con le varie parti del contesto comunitario e sociale allargato. Da un punto di vista sociologico alla base del legame tra educazione e società vi sono alcuni principi: ogni società ha bisogno di educare le nuove generazioni e per questo sviluppa metodi educativi; obiettivo principale dell’educazione è fare in modo che ogni individuo si realizzi nella propria società; l’obiettivo sociale è l’integrazione di ogni individuo nella società. Da ciò si evince che il rapporto tra educazione e società cambia continuamente poiché le situazioni, i contesti e le problematiche sociali cambiano e si evolvono. Il sistema educativo è in grado di mantenere questo rapporto? Forse questa emergenza può far riflettere al riguardo. Dalle parole di Sir Ken Robinson del 2006, durante una delle famose conferenze statunitensi TED TALKS, si evince che vi è un rapporto di interdipendenza tra sistema educativo, politica, economia e cultura: il sistema educativo è di fatto il prodotto di decisioni politiche, le quali sono a loro volta influenzate da fattori socio-economici e culturali; in questo senso ha affermato che le scuole pubbliche sono nate proprio nel XIX secolo per soddisfare le esigenze industriali e per questo presentano due caratteristiche generali particolarmente critiche: linearità (percorsi lineari, prefissati e caratterizzati da una gerarchia delle discipline, stigmatizzazione dell’errore) e conformismo (valutazioni standardizzate, implementazione di contenuti standardizzati, prevalenza per l’insegnamento frontale). Queste caratteristiche (che possiamo ritrovare anche nel mondo del business e dell’impresa) hanno creato un gap sempre più incolmabile tra scuola e società, l’hanno isolata e resa incapace di adeguarsi ai cambiamenti che stanno avvenendo nel mondo, nell’era della globalizzazione, dell’innovazione, della conoscenza in cui i fattori critici a cui dovrebbe preparare la scuola sono proprio: la creatività umana, la diversità e flessibilità, l’incertezza del futuro, l’apprendimento per la vita. Come ha affermato la psicologa di comunità Donata Francescato:

«Oggi che il lavoro si destruttura sempre più nel tempo e nello spazio richiedendo alle persone competenze relazionali, collaborative, flessibilità e autonomia, gli obiettivi, le modalità organizzative e di funzionamento delle organizzazioni scolastiche appaiono datati».

La Francescato ha elencato i principali punti deboli delle organizzazioni scolastiche, che sono stati poi accentuati dall’emergenza:
- Isolamento sociale e territoriale (mancata attivazione di reti, scarsa conoscenza dei limiti e delle risorse della propria comunità e del proprio territorio da parte di alunni e docenti)
- Burn-out degli insegnanti (diminuisce la capacità relazionale dei docenti)
- Scarsa attenzione agli aspetti emotivi dell’apprendimento
- Scarsa attenzione alle variabili organizzative
- Abbandono scolastico
- Scarsa diffusione delle numerose sperimentazioni effettuate in questi anni.

Per quanto riguarda il primo punto, interessante è notare come la Francescato abbia collaborato in progetti promossi dalla Commissione Europea che fanno parte di una serie di interventi chiamata “Youthstart”, con l’obiettivo di favorire l’empowerment degli studenti, facilitare l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e combattere la dispersione scolastica. Il primo passo richiesto dalle direttive europee nei programmi Youthstart è proprio la costruzione di reti tra scuole, insegnanti, imprenditori, assessorati, servizi socio-sanitari.
Risulta quindi necessario creare un dialogo continuo tra istruzione e formazione professionale, tra sistema educativo e comunità in un’ottica di “lifelong learning”. In questo senso è fondamentale la cooperazione e la creazione di una vera e propria rete tra istituzioni formali ed informali, che ponga al centro il discente, lo valorizzi e motivi ponendo attenzione contemporaneamente al singolo e al contesto.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

La centralità dell'educazione per il presente ed il futuro dell'uomo. Le premesse per un cambiamento radicale del paradigma educativo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Emanuela Tosi
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi Guglielmo Marconi
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Michele Petrocelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 131

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi