Skip to content

L'emergenza ambientale dei rifiuti marini di plastica e microplastica nel diritto internazionale

La legislazione sulla protezione delle acque e dell’ambiente marino

La direttiva 2000/60/CE per l’azione comunitaria in materia di politica delle acque costituisce il primo tentativo europeo di riordinamento, codificazione e modifica delle discipline preesistenti nel settore della tutela delle acque, come la direttiva 76/464/CEE concernente l’inquinamento provocato da certe sostanze pericolose negli ambienti idrici comunitari (modificata dall’art. 22 della direttiva quadro, ma successivamente abrogata nel 2013 dopo la fusione delle sue disposizioni nella direttiva 2006/11/CE), la direttiva 96/61/CE sulla prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento delle acque e la direttiva 91/271/CEE sul trattamento delle acque reflue urbane. L’art. 1 della direttiva del 2000 delinea gli obiettivi specifici delle nuove previsioni normative, ossia impedire il continuo deterioramento della qualità degli ecosistemi acquatici e terrestri e delle zone umide, permettendo l’uso sostenibile delle fonti idriche. Inoltre, è prevista la protezione degli ambienti menzionati tramite la graduale riduzione degli scarichi di sostanze inquinanti.

L’art. 2 fornisce le definizioni dei corpi acquatici e idrici oggetto di protezione, in particolare identificando le “acque interne” come tutte quelle ferme o che scorrono sulla superficie del terreno (par. 3), quelle “di superficie” (par. 1), “sotterranee” (par. 2) e le “acque di transizione”, ossia le acque vicino alle foci dei fiumi, parzialmente di natura salina ma contenenti consistenti flussi di acqua dolce (par. 6). Il “bacino idrografico” è la porzione di territorio in cui scorrono le acque superficiali, nella forma di torrenti, fiumi e laghi, che si immettono in un’unica foce, a estuario o delta (art. 2, par. 13). Tali entità idriche sono destinatarie di misure di protezione che applicano i principi ambientali comunitari contenuti nei trattati esaminati nel precedente paragrafo, come il principio di correzione, in via prioritaria, alla fonte e l’elevato livello di tutela (preambolo, commi 11-13), con l’intenzione di raggiungere un “buon stato ecologico” degli ecosistemi (i criteri del quale sono articolati nell’allegato V della direttiva). I doveri degli Stati membri, elencati negli articoli da 3 a 14, consistono nell’individuazione dei singoli bacini idrografici sul loro territorio, la designazione di autorità che li gestiscano e che ne commissionino l’analisi delle caratteristiche, compresi l’effetto delle attività umane e la valutazione economica dell’uso delle risorse idriche, oltre che il monitoraggio dello stato e la registrazione delle aree acquatiche protette bisognose di specifica attenzione. I relativi piani di gestione dei bacini idrografici da redigere devono contenere i requisiti fissati dall’allegato VII e si differenziano a seconda della tipologia di corpo idrico considerato. Gli stati devono inoltre assicurare il recupero del costo dei servizi idrici in modo da consentire, da una parte, l’uso efficiente delle stesse e, dall’altra, il rispetto del principio di “chi inquina paga”, garantendo al medesimo tempo la trasmissione di informazioni rilevanti agli organi della Comunità e la consultazione pubblica dei piani di gestione. L’art. 16 stabilisce i termini secondo i quali le sostanze pericolose e prioritarie sono aggiunte all’allegato X della direttiva: la Commissione si incarica di esaminarne le caratteristiche di pericolosità e conseguentemente di preparare proposte di controllo, restrizione o eliminazione sottoposte all’eventuale adozione da parte del Parlamento e del Consiglio. Le disposizioni della direttiva, entrata in vigore il 22 ottobre 2000, dovevano essere recepite dagli ordinamenti nazionali entro il 22 dicembre 2003 (art. 23).

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'emergenza ambientale dei rifiuti marini di plastica e microplastica nel diritto internazionale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marina Zappettini
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Giovanna Adinolfi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 119

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

unione europea
plastica
diritto del mare
convenzione internazionale
diritto internazionale dell'ambiente
microplastica
polimeri sintetici
rifiuti marini
plastica monouso
plastic strategy

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi