Skip to content

Il linguaggio degli editoriali tra opinione e persuasione

Struttura dell'editoriale

L’editoriale ha quindi le sembianze di un essay, di un testo, come detto, che utilizza vari argomenti allo scopo di promuovere un punto di vista, in linea con le inclinazioni della testata giornalistica, trattando argomenti d’attualità, nella maggior parte dei casi di tipo sociale e politico. È un testo piuttosto breve che generalmente si compone di sette paragrafi e che non conta più di 750 parole.
In termini di organizzazione del testo, Adriana Bolívar (1994) propone che la struttura interna degli editoriali possa essere descritta come una triade, in quanto si realizza attraverso tre turni fondamentali, espressi per mezzo delle frasi: lead (traducibile con ‘inizio principale’) con la funzione di introdurre ciò di cui si parla (“the aboutness”); follow (cioè il seguito), quella parte del testo incaricata di ‘rispondere’ a quanto introdotto dal paragrafo iniziale; valuate (valutazione) l’unità conclusiva che esprime un giudizio sui turni precedenti.
Partendo da questa ripartizione, ho individuato più specificamente quegli elementi che mi sono sembrati tipici nel determinare la composizione dell’editoriale. È una suddivisione che non si addentra nei dettagli, ma che si limita ad una osservazione semplice, anche se, a mio parere, canonica relativamente a questo tipologia di testi.
Il primo elemento significativo dell’editoriale è il titolo introduttivo, quella frase cioè che indica e stabilisce la tematica centrale del testo, lo snodo a partire dal quale viene sviluppato l’argomento di discussione. Si tratta generalmente di un’espressione non immediatamente esplicita dei contenuti, ma sufficientemente accattivante da attirare l’attenzione del lettore.
In alcuni casi è previsto anche un sottotitolo, una sorta di approfondimento rispetto all’intestazione vera e propria, che mira a coinvolgere il pubblico più apertamente, attraverso un’indicazione più chiara di quella che sarà la questione affrontata.
Il primo paragrafo del testo è invece l’elemento retorico dell’editoriale, a cui è riservata la funzione di fornire quelle informazioni che fanno da sfondo al nucleo del discorso, il ‘contorno culturale’ necessario per comprendere il tema a cui si farà riferimento.
È essenzialmente una descrizione, il cui proposito è allestire la scena della futura discussione, motivo per cui sono spesso presenti in questo passaggio rimandi a luoghi, cose, situazioni specifiche e così via.
L’altro elemento fondamentale dell’editoriale è quello che si potrebbe categorizzare come “specificazione del problema”, ossia il punto in cui è espressa la motivazione dell’editoriale, cioè il fatto che esista una tematica che deve essere dibattuta e affrontata.
Il passaggio successivo si potrebbe definire “discussione”, essendo quella parte del testo in cui si fa riferimento al processo argomentativo e agli argomenti prodotti nel processo. Si fa generalmente uso, in questo caso, di un linguaggio idoneo a difendere o a negare un punto di vista, allo scopo di assicurare consensi. In particolare, le proposizioni sono per la maggior parte affermazioni a cui si contrappongono altre frasi, nella forma di giustificazioni o confutazioni delle stesse. In questi paragrafi risulta già chiaramente evidente la posizione degli autori del testo, la quale viene comunque ribadita nel passo conclusivo.
L’articolazione del punto di vista è proprio ciò che contraddistingue l’editoriale; è la conferma del fatto che la redazione del giornale ha un’opinione a partire dalla quale i fatti vengono giudicati e che si ritiene possa essere condivisa dall’affezionato lettore del giornale.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il linguaggio degli editoriali tra opinione e persuasione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cinzia Barilli
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della mediazione linguistica
  Relatore: Marina Bondi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi