Skip to content

Il diritto all’oblio del minorenne

Testo Unico dei doveri del giornalista del 2016 (comprensivo della Carta di Treviso del 1990) e richiami del Garante della Privacy

In relazione al difficile bilanciamento tra diritto all’informazione e tutela del minore, viene in evidenza il Testo Unico dei doveri del giornalista del 2016. Si tratta di un codice deontologico approvato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, nato dalla necessità di armonizzare e fare confluire tredici precedenti testi, fra cui codici etici, deontologici, carte e decaloghi susseguitisi nel tempo, presenti sul territorio nazionale. Inoltre l’intento era quello di dare chiarezza ermeneutica e agevolare l’applicazione delle prescrizioni contenute nel Testo Unico. Alcuni precedenti testi sono rimasti inalterati e sono divenuti parte integrante del codice in forma di allegati. Tra questi in materia di protezione dei minori, va sottolineata la “Carta di Treviso per una cultura dell’infanzia” del 1990. Carta che è stata aggiornata nel 2006, al fine di estendere la tutela ai mezzi di comunicazione digitale, come il giornalismo online o multimediale. Per gli iscritti all’Ordine dei giornalisti, che non si attengono al dettato del Testo Unico, deriva responsabilità disciplinare, come regolamentato dalla Legge 69/1963 -Titolo III, aggiornata dalla Legge 198/2016 e dal D. Lgs. 67/2017. In base alla gravità di violazione delle regole, messa in atto dal giornalista, sono previste sanzioni disciplinari che vanno dall’avvertimento, alla censura, alla sospensione temporanea fino alla radiazione dall’albo.

In riferimento alla tutela dei minori, il Testo Unico all’art. 5 - rubricato “Doveri nei confronti dei minori” - rinvia direttamente all’allegata Carta di Treviso. I principi fondamentali della Carta, elaborata dall’Ordine dei giornalisti (documento CNOG-FNSI del 1990) con il contributo di Telefono Azzurro e del Garante della Privacy sono:

- l’obbligo di osservanza delle disposizioni di legge che regolano l’attività di cronaca giudiziaria in materia di minori;
- la garanzia di anonimato del minore coinvolto nei fatti di cronaca -anche attraverso riferimenti indiretti allo stesso (eccezione fatta per casi particolari, come la scomparsa o il rapimento, per i quali la diffusione appare indispensabile e genitori e autorità devono preventivamente essere sentiti e coinvolti);
- il divieto di interviste o trasmissioni che possano essere lesive per lo sviluppo psico-fisico del minore;
- l’evitare sensazionalismi in relazione ai minori affetti da malattia o in situazione di difficoltà;
- l’evitare l’enfatizzazione strumentale di comportamenti lesivi, autolesivi, suicidi, gesti inconsulti, fughe di casa o di microcriminalità, che possano dare luogo ad atteggiamenti emulativi o provocare effetti di suggestione;
- l’astensione dalla strumentalizzazione dell’attività o della personalità dei minori nell’interesse degli adulti.

Il Garante della Privacy ha più volte richiamato i media al rispetto del codice deontologico, della normativa italiana e delle Convenzioni internazionali in materia di giornalismo e condannato l’operato di giornalisti e testate giornalistiche. In riferimento alla tutela dei minori si è espresso e ha aperto – tra le altre – le seguenti istruttorie fra la fine del 1999 e l’inizio del 2014. Il 13 dicembre 1999 ha condannato l’atteggiamento di giornalisti che, in relazione a casi di violenza sessuale subiti da minori, avevano reso identificabili le vittime, pubblicando riferimenti che ne permettevano l’inequivocabile individuazione. Il 25 luglio 2011 ha aperto un’istruttoria relativa alla diffusione del nome di due gemelline siamesi da parte di alcuni organi di stampa; in tale sede ricordava la supremazia del diritto alla riservatezza sul diritto di cronaca. Il 29 maggio 2013 ha fatto un appello ai media, alle forze dell’ordine e agli operatori sanitari che in riferimento a un tentato suicidio di un sedicenne avevano riportato dettagli e fornito informazioni eccessivi. Il Garante in tale ambito ricordava i principi fondamentali, sanciti dalla Testo Unico, relativi al libero sviluppo della personalità e alla salvaguardia della dignità del minore che contrastavano con la pubblicazione avvenuta. Il 13 marzo 2014 ha richiamato i giornalisti, riguardo alla «lesione della riservatezza e della dignità familiare dell’indagato, specie se minori». In tale caso condannava il contenuto delle notizie riportate da alcune testate giornalistiche online, in relazione alla prostituzione minorile a Roma. Notizie che riportavano non soltanto il nome dell’autore del reato, bensì anche quello della moglie, nota parlamentare e dei figli minorenni della coppia.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il diritto all’oblio del minorenne

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Birgit Eccli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2019-20
  Università: Università Telematica Internazionale Uninettuno
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Federica Fabrizzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cyberbullismo
responsabilità genitoriale
diritto all'oblio del minorenne
dirtti dell'infanzia in ambito di cyberspazio
bilanciamento diritto riservatezza e cronaca
maggiore età digitale e consenso digitale
reati del minore in ambito di cyberspazio
sharenting
diritto fondamentale dell’uomo
strumenti difensivi oscuramento, rimozione, blocco

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi