Skip to content

Il diritto all’oblio del minorenne

Estratto della Tesi di Birgit Eccli

Estratto dalla tesi: Il diritto all’oblio del minorenne
4 
fine di evidenziare le lacune e l’inadeguatezza in materia di protezione dati, a seguito 
dell’avvento del Web 2.0
7
 e del Web 3.0
8
 dall’inizio del terzo millennio. 
Il capitolo III avrà ad oggetto la nascita, in ambito comunitario, del diritto all’oblio di 
derivazione giurisprudenziale, il lavoro svolto da parte del Gruppo di lavoro art. 29 (Wor-
king Party art. 29 - prodromo del nuovo European board) e le decisioni prese dal Garante 
della Privacy italiano. Si farà riferimento alla giurisprudenza di legittimità italiana, alla 
proposta francese, inserita nella “Charte du droit à l’oubli dans les site collaboratifs et 
les moteurs de recherche” e alla sentenza della Corte di Giustizia Europea 13 maggio 
2014 C-131/12 (Causa M. C. Gonzáles e AEPD contro Google Spain e Google Inc.)
9
, che 
costituisce una pietra miliare nella responsabilizzazione in capo ai motori di ricerca sia in 
merito al trattamento dei dati personali degli utenti del web, sia per quanto riguarda la 
loro rimozione. Si concluderà con un breve cenno al ruolo pioneristico della legislazione 
californiana in materia di diritto ad essere dimenticati del minorenne in vigore dal 1° 
gennaio 2015.  
Nei capitoli IV e V si approfondirà il tema del III° capitolo, dando una definizione al 
diritto all’oblio di elaborazione giurisprudenziale, come diritto ad essere dimenticati e si 
analizzerà il termine “dato personale”. Verranno tematizzati la problematica legata alla 
configurabilità dello stesso “diritto alla cancellazione” nell'alveo dei diritti della persona-
lità, costituzionalmente garantiti (art. 2 Cost.) e il riconoscimento del diritto alla privacy 
- in particolare della “protezione dei dati di carattere personale” e della tutela della dignità 
 
7
 Secondo la definizione dell’enciclopedia Treccani il termine Web 2.0 è «[…] apparso nel 2005, indica 
genericamente la seconda fase di sviluppo e diffusione di Internet, caratterizzata da un forte incremento 
dell’interazione tra sito e utente: maggiore partecipazione dei fruitori, che spesso diventano anche autori 
(blog, chat, forum, wiki); più efficiente condivisione delle informazioni, che possono essere più facilmente 
recuperate e scambiate con strumenti peer to peer o con sistemi di diffusione di contenuti multimediali 
come Youtube; affermazione dei social network.» 
8
 In merito alla locuzione Web 3.0 l’enciclopedia Treccani afferma che il termine è stato introdotto da 
J. Zeldman nel 2006 ed è caratterizzato da una maggiore consapevolezza, e conseguente superiore controllo, 
dei fruitori riguardo i contenuti e dall’evoluzione grafica dal 2D al 3D rispetto al Web 2.0. I principali 
aspetti evolutivi riguardano il web semantico; intelligenza artificiale, associata a una più strutturata archi-
viazione dei dati; maggiore capacità di calcolo e nuovi algoritmi volti alla costruzione di ambienti 3D real-
mente utilizzabili. 
9
 http://curia.europa.eu/juris/document/document.jsf?docid= 152065&doclang=IT

Estratto dalla tesi:

Il diritto all’oblio del minorenne

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Birgit Eccli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2019-20
  Università: Università Telematica Internazionale Uninettuno
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Federica Fabrizzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cyberbullismo
responsabilità genitoriale
diritto all'oblio del minorenne
dirtti dell'infanzia in ambito di cyberspazio
bilanciamento diritto riservatezza e cronaca
maggiore età digitale e consenso digitale
reati del minore in ambito di cyberspazio
sharenting
diritto fondamentale dell’uomo
strumenti difensivi oscuramento, rimozione, blocco

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi