Skip to content

Dal brevetto comunitario al brevetto UE

Verso il brevetto unico europeo

Il brevetto, come si è in precedenza affermato, viene universalmente riconosciuto come un titolo giuridico grazie al quale colui che ne è titolare, acquisisce un monopolio, temporalmente esteso alla durata di venti anni, grazie al quale può sfruttare una qualsiasi invenzione.
La Commissione Europea aveva presentato, nel 2000, una proposta di regolamento sulla creazione di un brevetto unico, il quale fosse giuridicamente valido in tutta l’Unione Europea e di un sistema giurisdizionale unico in materia di brevetti allo scopo di garantire la protezione dei titolari di brevetto in modo uniforme sul territorio UE.
La proposta prevedeva che il brevetto unico, rilasciato dall'UEB in una delle sue lingue ufficiali (inglese, francese o tedesco) e, successivamente, pubblicato nella medesima lingua unitamente ad una traduzione delle rivendicazioni nelle altre due lingue, avesse efficacia nell'ambito dell'Unione.
L’esame di tale proposta aveva già presentato profili di particolare criticità poiché emergeva l’impossibilità di raggiungere un accordo in seno al Consiglio sul regime linguistico proposto dalla Commissione.
Attraverso il Trattato di Lisbona, è stato possibile uscire dalla situazione di stallo; l’articolo 118 del TFUE, infatti, fornisce una adeguata base giuridica specifica per la creazione di titoli di proprietà intellettuale nell'UE che prevede il voto all’unanimità per le decisioni sul regime linguistico dei titoli, mentre tutti gli altri aspetti vengono decisi a maggioranza qualificata.
Sulla base di tali sviluppi, il 4 dicembre 2009 il Consiglio competitività raggiunse un accordo sulla proposta considerata complessivamente, decidendo di stralciare, affrontandola separatamente, la questione del regime linguistico.
Di conseguenza, il 30 giugno 2010 la Commissione presentò una specifica proposta di regolamento riguardante il regime di traduzione del futuro brevetto dell’UE, la quale ricalcava il regime linguistico basato sul modus operandi dell’UEB, giustificando tale scelta con la considerazione che poiché l’UEB sarà competente per il rilascio del brevetto unico europeo, il relativo regime di traduzione dovrà necessariamente basarsi sulla procedura in vigore presso lo stesso UEB.
L’opzione prescelta all’interno della proposta tiene conto, altresì, dell’uso delle lingue da parte della maggior parte dei richiedenti.
Malgrado la nuova proposta della Commissione e gli sforzi della Presidenza del Consiglio dell’Unione Europea al fine di favorire un compromesso, non è stato possibile superare le divergenze sul regime linguistico.
Ciò è stato provocato soprattutto a causa della netta posizione di contrarietà di Italia e Spagna che, in sede di Consiglio, hanno posto il veto, impedendo in tal modo l’adozione del regolamento.
Vista l’impossibilità di conseguire entro un periodo di tempo ragionevole l’obiettivo di istituire una tutela brevettuale unitaria a livello UE, su richiesta di dodici Stati membri (Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Lituania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Slovenia, Svezia e Regno Unito), la Commissione ha chiesto al Consiglio di autorizzare una cooperazione rafforzata per l’istituzione di una tutela brevettuale unitaria.
Successivamente anche Belgio, Austria, Irlanda, Portogallo, Malta, Bulgaria, Romania, Repubblica ceca, Slovacchia, Ungheria, Lettonia, Grecia e Cipro hanno chiesto di prendere parte alla cooperazione rafforzata.
Si ricorda che, analizzando sommariamente la posizione di netto contrasto espressa dal Governo italiano, in seguito all’esame della proposta di regolamento sul regime di traduzione del futuro brevetto dell’UE, il 22 dicembre 2010 la Commissione Attività produttive ha adottato un documento finale che, unitamente al parere della Commissione Politiche dell’UE, è stato trasmesso alle Istituzioni europee nell’ambito del cosiddetto “dialogo politico informale”.
In particolare, è stato sottolineato che l’opzione proposta di utilizzare solo inglese, francese e tedesco appare, oltre che palesemente contraria al principio della parità di trattamento tra tutte le lingue ufficiali dell’UE stabilito dal TFUE, risulta anche essere in grado di creare ingiustificate sperequazioni tra le imprese italiane e le imprese dei Paesi le cui lingue fanno parte del regime di traduzione proposto.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Dal brevetto comunitario al brevetto UE

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Rando
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Diritto dell'Unione Europea
Anno: 2011
Docente/Relatore: Marina Castellaneta
Istituito da: Università degli Studi di Bari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 88

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

brevetto
brevetto europeo
brevetto comuniterio
brevetto unico europeo

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi