Skip to content

Cibo e controllo: Anoressia, Reverse Anorexia e Ortoressia

Informazioni tesi

  Autore: Giada Manzetti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Educatore Professionale di Comunità
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Fabrizio Iecher
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

In questo lavoro di tesi ho voluto approfondire le dinamiche, familiari, sociali ed individuali che predispongono allo sviluppo dei disturbi alimentari.
In particolare, nel primo capitolo, ho esaminato il ruolo della donna nella nostra società, il modificarsi delle sue mansioni e delle aspettative sociali che la pongono in una posizione simile a quella dell’uomo.
Snellezza, capacità e dinamicità sono i tre fattori principali che consentono alle donne di sentirsi accettate e valorizzate nella nostra epoca consumistica. Sin da piccoli, infatti, veniamo educati all’idea che “l’apparire” (belli, in forma o di buona estrazione sociale) sia più importante dell’“essere” (quindi di dimostrare buoni valori morali e valorizzare se stessi per come si è). Ho inoltre spiegato come i mass-media influiscono in questo condizionamento sociale, diffondendo un’ideale di bellezza standardizzato e irrealistico, che esalta la perfezione e rifiuta il grasso.

Il risultato di questo processo è un intenso bisogno di approvazione che spinge gli individui verso diete e sedute in palestra a volte estenuanti. Con il rischio estremo di sviluppare patologie legate al cibo e all’alimentazione. Un’ulteriore fattore predisponente dei disturbi alimentari è la vulnerabilità emotiva del soggetto: la malattia, in tal senso, si istaura come “metodo” per non entrare in contatto con emozioni forti ed incontrollabili (es. istinti pulsionali sopravvenuti all’età dell’adolescenza) che destabilizzano il soggetto. In tal senso “il pensiero ossessivo del cibo cancella tutte le altre sensazioni, elimina le emozioni, annulla le passioni”.

Sono passata ad approfondire il risultato del legame che il bambino istaura con la propria madre e le conseguenze che ne derivano. In tal senso l’allattamento, il contatto fisico ed il modo con cui la mamma risponde ai suoi bisogni (responsività materna) permette al bambino di sviluppare un sentimento di fiducia e di sicurezza verso l’esterno. Al contrario un genitore concentrato troppo su di sé, sulle proprie angosce ed aspettative personali, tenderà a rapportarsi con il bambino in modo incoerente, facendolo sentire inadeguato e non compreso nei suoi bisogni di protezione e sicurezza. Questo atteggiamento renderà il soggetto vulnerabile e insicuro, tanto da predisporlo ai disturbi dell’alimentazione.

“La difficoltà di relazione con il mondo diventerà cosi la difficile relazione con il cibo-mondo”.

In seguito ho approfondito il legame che si istaura tra le patologie alimentari ed i cambiamenti fisici che seguono la pubertà. Durante l’adolescenza, infatti, risulta fondamentale che la famiglia, i coetanei e, in generale, le figure di riferimento del ragazzo apprezzino ed incoraggino le trasformazioni corporee dell’età. Le sopraggiunte pulsioni sessuali ed il bisogno di uscire dall’ambiente familiare per confrontarsi con l’esterno, rendono il soggetto vulnerabile alle critiche e ai giudizi.
Tanto da trasformare “la patologia delle relazioni in patologia del rapporto con il cibo”.
Nei capitoli seguenti ho trattato i principali disturbi dell’alimentazione.
Nel capitolo due, in particolare, ho spiegato i meccanismi che regolano la fame e la sazietà, quindi ho approfondito i disturbi da assunzione eccessiva di cibo: Obesità, BED e Bulimia Nervosa.
Nel capitolo tre mi sono soffermata sugli studi relativi all’Anoressia Nervosa: quali sono i fattori scatenanti di tale patologia? In che cosa consiste il trattamento? In questo capitolo ho approfondito le diverse correnti teoriche ed illustrato gli attuali criteri diagnostici (DSM-V) per l’Anoressia. Ho spiegato, poi, le varie tipologie di trattamento per la suddetta patologia.
Infine, nell’ultimo capitolo ho affrontato due nuove patologia basate su comportamenti restrittivi nei confronti del cibo: l’Ortoressia e la Reverse Anorexia.

Informazioni tesi

  Autore: Giada Manzetti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Educatore Professionale di Comunità
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Fabrizio Iecher
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Capitolo 1 Il cibo ed i suoi significati 1.1 Aspetti culturali Il ruolo della donna nel corso di questi ultimi decenni si è particolarmente evoluto ed ha acquisito caratteristiche che tradizionalmente facevano parte del modo di operare maschile. Accanto al rispetto dei valori tradizionali, come la cura della casa e della famiglia, si è affermato un modello di donna “magra e scattante”, indipendente, dinamica e combattiva. Questa concezione ha posto in crisi molte donne, che, nella convinzione di “non essere abbastanza”, si sono rivolte a dietologi e personal-trainer nella prospettiva di poter modificare la propria forma fisica, di adeguarsi, quindi, all’immagine ideale trasmessa dai media, per risultare più attraenti, ricercate, grazie all’aspetto esteriore del proprio corpo. “Il raggiungimento della magrezza è il mezzo per risolvere i problemi legati al raggiungimento della propria identità 5 ” (Goldon,1991). In un contesto sociale in cui domina l’abbondanza, dove tutto è “tutto è “in più”, ovviamente, superfluo” 6 il rifiuto del cibo appare il mezzo più semplice, ovvio, per arrivare al successo nella nostra società che si distingue sia dai paesi in via di sviluppo che da quelli non industrializzati per l’opulenza socio-economica 7 di cui è promotrice: “La rivoluzione industriale e tecnologica, se produce una preziosa accumulazione di beni e di materiali, può avere come risvolti lo sviluppo di un’etica consumistica ed esterioristica […] i pericoli di questo processo consistono nella perdita del senso dei valori, nella difficoltà di fondare solidi terreni di riferimento […] nella 5 G.Nuvoli “Rapporti con il cibo e comportamento alimentare” FrancoAngeli, Milano 2010 p.107 6 . L.Peirone, E.Gerardi “Anoressia Rabbiosa” Edizioni Psiconline, Francavilla al Mare 2010 p.21 7 Ibidem.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anoressia
disturbi alimentari
tesi
dca
disturbi dell'alimentazione
ortoressia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi