Skip to content

Influenza del lessico inglese nella lingua parlata dagli abitanti dell'alto piacentino

Estratto della Tesi di Luana Sbalbi

Mostra/Nascondi contenuto.
10 (simplex or complex) is shortened, while still retaining the same meaning” (Bauer,1983,234). Queste clipped forms si incontrano per lo più all’interno di registri informali e determinano spesso un “change of stylistic level” (ibidem). Il clipping è dunque un fenomeno di abbreviazione che Marchand distingue in back clipping, fore clipping e clipping with the middle of the word retained sulla base della eliminazione di parte della parola durante il processo di segmentazione della stessa. Esempi sono dati dalle clipped forms: info per information o biz per business o photo per photograph. Nell’area alto piacentina le clipped forms sono utilizzate molto spesso dai giovani (dai 15 ai 35 anni). Per un approfondimento si rinvia al grafico 2.18 di pagina 36. Accanto ai già citati prestiti e calchi come forme di interferenza linguistica, vorrei focalizzare ora l’attenzione su un altro fenomeno, molto diffuso nella realtà dell’interferenza: il falso anglicismo. Gusmani all’interno della sua opera Saggi sull'interferenza linguistica, (2005,99-116), li designa come prestiti apparenti, indicando voci che sembrano di origine inglese ma che in realtà non appartengono a questo patrimonio linguistico e si possono presentare sia nelle vesti di falsi esotismi, sia come formazioni decurtate (it. night da ing. night club), sia come derivati da prestiti (it. snobbare o esonero) o come prestiti di ritorno. Come sostiene Raffaella Bombi, “per poter assegnare lo status di prestito ad un lessema, decisive sono la presenza di un modello e la possibilità di dimostrare che tra questo e il termine in questione ci sia un rapporto mimetico di dipendenza”( Bombi, 2010,50). Gli pseudoanglicismi, falsi anglicismi o prestiti apparenti, non istituiscono queste relazioni, ma sono voci innovative nel panorama linguistico della lingua di arrivo e non presuppongono un rapporto di mutua dipendenza dall’archetipo inglese. Per meglio comprendere la natura di un false anglicism, propongo di seguito la definizione fornita da Cristiano Furiassi nella sua opera False Anglicisms in Italian: “ it is a word or idiom that is recognizably English in its form (spelling, pronunciation, morphology, or at least one of the three), but is accepted a same item in the vocabulary of the receptor language even though it does not exist or is used with a conspicuously different meaning in English” ( Furiassi,2010,34). I falsi anglicismi in italiano, come puntualizza Furiassi, al pari di Gusmani, differiscono nel significato rispetto alla voce presente nella lingua inglese anche se la forma si mantiene tale tra la due lingue. Prendiamo in considerazione qualche esempio: il termine beauty case, registrato nel GRADIT come “bauletto per cosmetici ed accessori per il trucco” (1999,205) nonostante sia formato da componenti di matrice inglese, beauty e case, dà origine ad un composto innovativo, non presente nella lingua archetipica. Sulla scorta di questo esempio, possiamo aggiungere i falsi anglicismi beauty engeneering e beauty point, ed ancora dai termini inglesi
Estratto dalla tesi: Influenza del lessico inglese nella lingua parlata dagli abitanti dell'alto piacentino

Estratto dalla tesi:

Influenza del lessico inglese nella lingua parlata dagli abitanti dell'alto piacentino

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luana Sbalbi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Guido Michelini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi