Skip to content

I Saraceni e la leggenda della ''Corsa degli Scalzi''

Estratto della Tesi di Francesca Vargiu

Mostra/Nascondi contenuto.
8 Abū Bakr divenne il primo Califfo della storia dell’Islam. Nel 634 Abū Bakr fu succeduto da ‘Umar il quale creò le basi dell'espansione islamica. ‘Umar, infatti, conquistò Siria e Palestina sottraendole all’Impero di Bisanzio. L'esercito di ‘Umar, nel 637, riuscì a sconfiggere definitivamente i Sasanidi riuscendo così a conquistare anche Iraq ed Iran. Il suo irrefrenabile bisogno di espansione raggiunse il suo apice nel 642 con la conquista dell'intero territorio egiziano e nel 645 con l'attuale Libia. Il successore di ‘Umar, fu il terzo Califfo ‘Utmān che portò avanti l'avanzata islamica penetrando l'Atlantico e conquistando l'Algeria. Al califfato di ‘Utmān è legata la dinastia di califfi appartenenti al clan dei Banū Umayya, noti come “Omayyadi”. 7 Dopo il califfato di ‘Utmān, fu eletto ‘Alī, il quale dedicò il suo califfato a placare le varie e intense rivolte interne al suo impero. Durante la dinastia degli Omayyadi, che regnarono dal 661 al 750, il sentimento di espansione e di conquista si rafforzò maggiormente arrivando alla conquista di nuovi territori. Sotto il potere del monarca Walîd I si raggiunge l'apice del potere. Infatti l'impero islamico riuscì a conquistare a Oriente la Transoxiana, l'Afghanistan nell'anno 705, l'Uzbekistan (709-712), la regione dell'Indo nel 711, il Multan e il Panjab nel 713 e il Turkestam cinese nel 715. A Occidente, nel 711, le forze arabe, sotto il comando di Ṭâriq ibn Ziyâd, passarono lo stretto che prese il suo nome: Jebel âlṬâriq (Gibilterra). Qui, i musulmani riuscirono a sconfiggere Roderico, l’ultimo re dei Visigoti. In soli due anni conquistarono la Spagna e il Portogallo e inoltre gran parte della Francia meridionale 8 . Riuscirono a strapparle ai Visigoti che ancora regnavano in quelle ex- province dell’Impero Romano. Nel 756 la penisola iberica divenne un emirato omayyade e nel 1031 venne suddivisa in venti piccoli regni. Si instaurò così una cultura rispettosa di qualsiasi religione, ricca di capolavori d'arte e di grandi intellettuali, come Avorroè e Îbn âl’Arabî. Gli arabi furono fermati solo sui Pirenei nella storica battaglia di Poitier (a soli 100 chilometri da Parigi) del 732, nella quale furono sconfitti dai Franchi di Carlo Martello. Il dominio arabo sulla penisola iberica durerà per sette secoli, fino a che, dopo una lenta “reconquista”, abbandonarono nel 1492 Granada, l’ultimo loro caposaldo in Spagna. I lunghi anni in cui regnò la dinastia Omayyade, col trentennio che li precede, rappresentano la massima affermazione ed espansione del popolo arabo nella storia. Nel 750 la dinastia Omayyade fu sostituita da quella Abbaside. Di fronte ai novant’anni di regno Omayyade, il califfato abbaside dura ben cinque secoli. Tra il IX e il X secolo, il califfato abbaside entra in un periodo di profonda crisi, nel quale si afferma un’intensa vita spirituale in Iraq e nelle zone limitrofe. 9 Durante il califfato Abbaside, la dinastia dei Buwaihidi diede inizio a un potente impero iraniano, il Khwarezm. Nel 992 i Qurakhanidi conquistarono Bukhara, mentre in Afghanistan, nel 999, iniziò la dinastia turca Ghaznavide che riuscì a spingersi sino in India. I 7 Maxime Rodinson, Gli Arabi, Storia, caratteri, ideologia, prospettive, Sansoni Editore, Firenze, 1980, pp. 76 8 Albrecht Noth, T. Nagel, H. Halm, U. Haarmann, H.R. Singer, B. Kellner-Heinkele, A. Schölch, H. Mejcher, P. Von Sivers, R. Schulze, Storia del mondo arabo, a cura di Ulrich Haarmann, Giulio Einaudi editore, Torino, 2010, p.58 9 Francesco Gabrieli, La letteratura Araba, Sansoni-Accademia, Milano, 1967, p. 122
Estratto dalla tesi: I Saraceni e la leggenda della ''Corsa degli Scalzi''

Estratto dalla tesi:

I Saraceni e la leggenda della ''Corsa degli Scalzi''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Vargiu
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Mediazione Linguistica e Culturale
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Angela Daiana Langone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 40

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi