Skip to content

Performance Measurement in ambito Pubblico. La “Balanced Scorecard” come strumento per la Misurazione e Valutazione delle Performance

Estratto della Tesi di Marco Deligios

Estratto dalla tesi: Performance Measurement in ambito Pubblico. La “Balanced Scorecard” come strumento per la Misurazione e Valutazione delle Performance
16 
 
- la Commissione per la valutazione, la trasparenza e l’integrità delle Amministrazioni 
Pubbliche, altrimenti indicata come CIVIT
15
), la quale “[…] con il compito di indirizzare, 
coordinare e sovrintendere all’esercizio indipendente delle funzioni di valutazione, di 
garantire la trasparenza dei sistemi di valutazione, di assicurare la comparabilità e la visibilità 
degli indici di andamento gestionale […]” (art.13 comma 1). 
È facile dunque intuire come vi sia una volontà chiara nel voler sbloccare l’immobilismo della AP 
intercorso fino a quel momento, con riforme introdotte negli anni ’90 che non hanno avuto l’impatto 
sperato dai precedenti Governi, specialmente per quanto riguarda la trasparenza nell’operato della 
stessa, anche a seguito di diversi scandali politici avvenuti proprio a cavallo tra gli anni Novanta e 
duemila. 
È dunque evidente come, grazie ad un incremento della trasparenza all’interno del sistema di 
misurazione della performance, si vogliano definire le basi per formare la “responsabilità nei 
confronti dei cittadini”
16
, concetto sino ad ora non bene sviluppato all’interno della AP. 
Il d.lgs. n.150/2009, nonostante l’importanza ricoperta per le indicazioni e innovazioni in tema di 
performance, non indica alcuno strumento preciso di misurazione in funzione degli scopi da esso 
perseguiti, bensì precisa che “le Amministrazioni Pubbliche adottano metodi e strumenti idonei a 
misurare, valutare e premiare la performance individuale e quella organizzativa, secondo criteri 
strettamente connessi al soddisfacimento dell’interesse del destinatario dei servizi e degli interventi” 
(art 3 comma 4). Per questo motivo non vi sono, all’interno del testo, ulteriori precisazioni su come 
perseguire le indicazioni in esso contenute, lasciando alle singole Amministrazioni il compito di 
individuare gli strumenti adeguati. 
Ai fini del presente elaborato, vi è però una importante indicazione concernente più dettagliate 
informazioni in merito al sistema di misurazione: la delibera n. 89/2010 della CIVIT 
17
 cita, tra gli 
strumenti di misurazione multidimensionali suggeriti, la “Balanced Scorecard” 
18
. Si tratta quindi di 
un importante riscontro, in quanto potrebbe consentire di avviare un processo di unificazione dei 
sistemi di misurazione adattando una metodologia ampiamente adoperata in ambito aziendale, con 
tutti i benefici che ne conseguono. 
 
 
15
 La CIVIT è stata sostituita nel 2013 dall’ANAC, come è possibile evincere dal sito del Dipartimento della Funzione Pubblica: 
“CiVIT, la Commissione per la Valutazione, la Trasparenza e l’Integrità delle Amministrazioni Pubbliche ha assunto la 
denominazione di "A.N.AC. - Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle Amministrazioni 
Pubbliche". Dal 31 ottobre 2013, con l’entrata in vigore della legge n. 125 del 2013, di conversione del decreto legge del 31 agosto 
2013, n. 101, la CiVIT ha assunto la denominazione di "Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza 
delle Amministrazioni Pubbliche" (A.N.AC.). La legge n. 190  
del 2012 "Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella Pubblica Amministrazione" aveva 
infatti individuato la Commissione quale Autorità nazionale anticorruzione. Inoltre, sempre dal 31 ottobre 2013 le funzioni relative 
alla performance e alla valutazione di cui all’art. 13 del d.lgs. 150/2009, inizialmente trasferite all’ARAN, sono rientrate 
nell’ambito di competenza di questa Autorità. L’Autorità mantiene le sue competenze in materia di valutazione e trasparenza 
delle Amministrazioni Pubbliche. 
 
16
 N. D’Amico, intervista M. S. Giannini: la macchina statale non funziona perché manca un’organizzazione del lavoro, in “Corriere 
della sera”, 3 gennaio 1987 
17
 DELIBERA n. 89/2010 . 
18
 Robert S Kaplan and David P Norton, ‘Balanced Scorecard’, in Das Summa Summarum Des Management (Springer, 2007), pp. 
137–48.

Estratto dalla tesi:

Performance Measurement in ambito Pubblico. La “Balanced Scorecard” come strumento per la Misurazione e Valutazione delle Performance

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Deligios
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali
  Corso: Economia Manageriale
  Relatore: Patrizio Monfardini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 98

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi