Skip to content

Leader al femminile: nel nuovo ''marketing'' c'è spazio per un linguaggio declinabile al femminile, che esalti l'essere della donna, anzichè il suo apparire? Perchè ogni donna si lasci alle spalle il pregiudizio secondo cui realizzarsi sul lavoro significa imitare gli uomini o essere perdente e possa arrivare ad avere successo, restando se stessa.

Estratto della Tesi di Anna Pascuzzo

Estratto dalla tesi: Leader al femminile: nel nuovo ''marketing'' c'è spazio per un linguaggio declinabile al femminile, che esalti l'essere della donna, anzichè il suo apparire? Perchè ogni donna si lasci alle spalle il pregiudizio secondo cui realizzarsi sul lavoro significa imitare gli uomini o essere perdente e possa arrivare ad avere successo, restando se stessa.
commentata con queste parole: «Molte centinaia di persone si sono raccolte in preghiera ieri ad 
Atlanta, in Georgia, fuori dal Campidoglio, per invocare la pioggia. Tra i partecipanti era presente 
anche il pastore Marion Croom della città di East Point, Georgia». Tutto questo mi ha ricordato i 
poveri contadini egiziani di due secoli fa che pregavano Dio nello stesso modo per avere la pioggia 
per irrigare i campi. I colonizzatori europei ridevano sarcastici di fronte a questo, ma oggi non 
ridono di fronte a quei pastori che pregano per la pioggia e per l‟acqua. 
 Al contrario, pubblicano i loro articoli sui giornali e incoraggiano la loro glocalizzazione. Il 
fondamentalismo religioso e il neocolonialismo sono due facce della stessa medaglia e sono 
universali in tutte le religioni, non solo nell‟islam. L‟inganno del relativismo culturale La violenta 
opposizione contro i diritti delle donne e dei poveri è universale, e non un fenomeno particolare 
della regione araba o dei paesi islamici. La “Christian Coalition”1 non è soltanto contro i diritti 
delle donne, ma attribuisce ai movimenti di liberazione delle donne la colpa per la crisi della 
famiglia. Essa sostiene i cosiddetti “valori della famiglia” e la “verginità” delle ragazze prima del 
matrimonio.  
Promuove anche i balli della purezza, in cui prevale una doppia moralità: i padri portano le loro 
figlie a questi Purity Balls per proteggere la loro verginità e per conservarle per il matrimonio, ma 
non contempla eventi che coinvolgano madri e figli maschi. I delitti d‟onore sono connessi al 
“valore” della verginità e non riguardano soltanto la cultura araba o islamica. Il concetto di verginità 
è insito nell‟ebraismo e nel cristianesimo. Per esempio, la Vergine Maria è la madre ideale, e le 
suore portano il velo. La pratica di coprire le donne con il velo in Europa era limitata 
tradizionalmente alle comunità ebraiche e a quelle islamiche. Oggi, è sempre più comune tra i 
migranti islamici che vivono in Olanda, in Francia, in Inghilterra, in Belgio e in altri paesi. In alcuni 
casi, la pratica di coprire le donne con il velo è accompagnata dalle mutilazioni dei genitali.  
 
Entrambe queste pratiche sono considerate dai leader religiosi e politici di queste comunità come 
una parte dell‟identità islamica, legittimata sotto le spoglie del cosiddetto “relativismo culturale”. 
Tutto questo fa parte dell‟inganno e del lavaggio del cervello fatto alle donne in Egitto e in molti 
altri paesi. L‟inganno del relativismo culturale è andato avanti per tre decenni come forma di 
violenza esercitata sulla mente. La “mutilazione” della mente non è meno criminale di quella 
genitale femminile o maschile che sia, anzi è ancora più pericolosa. È usata per mutilare il corpo e 
l‟anima, per giustificare la violenza contro le donne e contro i poveri. C‟è anche chi pensa ancora 
che i diritti delle donne siano un attacco diretto alla legge di Dio, ai valori morali e alle sacre 
scritture.

Informazioni tesi

  Autore: Anna Pascuzzo
  Tipo: Tesi di Master
Master in Lavoro, Famiglia e Leadership Femminile
Anno: 2009
Docente/Relatore: Ercolano Adele
Istituito da: Università Europea di Roma e l'Istituto di Studi Superiore sulla Donna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 62

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

battaglie dell'udi e di anna pascuzzo
diritti delle donne
lavoro femminile e conciliazione
letteratura femminile
linguaggio declinato al femminile
pari opportunità
propaganda lesiva verso le donne
pubblicità offensive
pubblicità sessista
sfruttamento femminile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi