Skip to content

Prima infanzia e tecnologie digitali - Considerazioni sul ruolo dell'adulto nel rapporto tra bambini e tecnologie

Estratto della Tesi di Martina Laringi

Estratto dalla tesi: Prima infanzia e tecnologie digitali - Considerazioni sul ruolo dell'adulto nel rapporto tra bambini e tecnologie
“P rima Infa nz ia e tecno lo gie digita li”
16
11
Nel cervello di un individuo, che sta guardando, un altro individuo che compie un’azione, si attivano i
circuiti neuronali motori responsabili dell’esecuzione di quella azione. Questo meccanismo a specchio
permette all’individuo che sta guardando l’azione di capire automaticamente ciò che il secondo individuo sta
facendo o ha intenzione di fare. Anche osservare una persona provare un’emozione provoca una mappatura
diretta di quell’informazione sensoriale nelle strutture motorie che generano la stessa emozione
nell’osservatore. Per un maggiore approfondimento sull’argomento vedi
http://www.lescienze.it/edicola/2014/07/16/news/dal_nostro_archivio_specchi_nella_mente-22 17417/.
Questa c apac ità c erebrale d i c o ntinuo ad attamento v iene d efinita “neuro plastic ità” e
d ipend e d alle c aratteristic he d ei singo li neuro ni, in grad o d i mo d ific are la lo ro c apac ità d i
c o munic are l’uno c o n l’altro attrav erso le sinapsi e la neuro trasmissio ne.
I neuro ni rappresentano l’unità funzio nale d el sistema nerv o so , c io è la più pic c o la
struttura in grad o d i eseguire tutte le funzio ni a c ui è prepo sto , il lo ro c o mpito è quello d i
ric ev ere, integrare e trasmettere impulsi nerv o si, unitamente ad altri neuro ni d ella stessa
area c erebrale esso c o nsente la messa in atto d i una serie d i funzio ni c o gnitiv e
c o mpo rtamentali c o me pensare, c amminare o parlare. I neuro ni c o munic ano tra lo ro tramite
le c o nnessio ni sinaptic he, attrav erso le quali av v iene la pro pagazio ne d ell’impulso nerv o so
d a una regio ne c erebrale all’altra. Questo è quello c he a no i più interessa, so no pro prio le
sinapsi l’elemento c entrale d ello sv iluppo c erebrale, in quanto la c resc ita d elle singo le
regio ni d el c erv ello d ipend e in gran parte d alla stimo lazio ne c he esso ric ev e e, quind i, d alla
po ssibilità d i c reare nuo v i c o llegamenti tra singo li neuro ni, o v v ero , le sinapsi. L ’esperienza,
l’insieme d elle c o no sc enze ac quisite attrav erso gli stimo li fo rniti d all’ambiente esterno ,
po rta allo sv iluppo d i nuo v e c o nnessio ni c erebrali e raffo rza quelle già esistenti. Tale
feno meno sta alla base d ell’apprend imento e influisc e sulla maturazio ne c erebrale.
Una partic o lare c lasse d i neuro ni è fo rmata d ai neuro ni spec c hio , sc o perti negli anni
Ottanta d al team d el pro fesso r Giac o mo R izzo latti d ell’Univ ersità d i Parma d urante d egli
esperimenti sulle sc immie. Questi neuro ni mo to ri, hanno la pec uliarità d i attiv arsi sia
quand o l’ind iv id uo c o mpie un’azio ne, sia quand o v ed e c o mpiere la stessa azio ne d a un altro
ind iv id uo d ella stessa spec ie, grazie a questi neuro ni riusc iamo ad av ere un’esperienza
interio re d iretta, e quind i una d iretta c o mprensio ne d elle azio ni, d elle intenzio ni e d elle
emo zio ni altrui
11
. È utile so tto lineare c he, questa interazio ne neuro nic a, però , si attiv a so lo
tra esseri d ella stessa spec ie, no n funzio na per esempio nel rappo rto uo mo -mac c hina
(R izzo latti, 2006; Gasbarri, 2008). Questa sc o perta mo stra c hiaramente la rilev anza c he
assume il no stro c o mpo rtamento nei c o nfro nti d i c hi c i o sserv a, in partic o lare, in ambito
ed uc ativ o ev id enzia l’impo rtante relazio ne tra l’esempio d ato d all’ed uc ato re e la naturale
pred ispo sizio ne all’apprend imento d a parte d el bambini (C apellani, 2018).
L ’essere umano c resc e seguend o d ue rego le princ ipali: quella d el “To pD o w n” e
quella d el “B o tto m-Up”. C iò signific a c he l’ind iv id uo si sv iluppa sec o nd o l’interazio ne tra

Estratto dalla tesi:

Prima infanzia e tecnologie digitali - Considerazioni sul ruolo dell'adulto nel rapporto tra bambini e tecnologie

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Martina Laringi
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Scienze della Formazione e del Servizio Sociale
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Antonella Nuzzaci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 62

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tecnologie digitali
media education
prima infanzia
app educative
produzioni educative
utilizzo precoce delle tecnologie
rischi e opportunità del mondo digitale
bambini e tecnologie
tecnologie al nido
genitori e tecnologie

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi