Skip to content

L'Armonizzazione dei sistemi contabili degli enti locali: il principio della competenza finanziaria potenziata e il riaccertamento straordinario dei residui. Il caso Comune di Villasimius

Informazioni tesi

  Autore: Loredana Massessi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: ECONOMIA E FINANZA
  Corso: ECONOMIA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE
  Relatore: Alessandro Spano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 89

Dal 1° gennaio 2015, in applicazione del decreto legislativo n. 118/2011, gli Enti Locali sono stati chiamati ad adeguare la propria contabilità mediante un processo graduale che prevede l'applicazione nel corso dell'anno 2015 delle nuove regole e l'adozione dei nuovi schemi contabili a partire dal 2016. La contabilità è sempre quella finanziaria che costituisce il sistema contabile principale che ha natura autorizzatoria, affiancata ai fini conoscitivi dalla contabilità economico-patrimoniale.
L'armonizzazione dei sistemi contabili rappresenta lo strumento per conseguire quanto previsto dall'articolo 119 della Costituzione, sul federalismo fiscale, mediante il riconoscimento dell'autonomia finanziaria a Comuni, Province, Regioni e Città Metropolitane in un'ottica di utilizzazione ottimale delle risorse destinate al sostenimento della spesa pubblica. A tal fine diventa di fondamentale importanza il coordinamento della finanza pubblica, il monitoraggio dei conti pubblici e la possibilità di intervento statale con le migliori decisioni per promuovere lo sviluppo economico, la coesione e la solidarietà sociale, secondo quanto costituzionalmente sancito. Questi obiettivi sono resi possibili grazie ad un sistema contabile nazionale unitario ed omogeneo e da qui l'intervento in materia del nostro legislatore.
Il decreto legislativo n. 118/2011, modificato ed integrato dal D. Lgs. n. 126/2014 ha profondamente rinnovato l'ordinamento finanziario e contabile degli enti locali, disciplinato dal D.Lgs.n. 267 del 18/08/2000, noto come "Testo Unico sull'Ordinamento degli Enti Locali (T.U.E.L.) Dal 2016 dovrà essere adottato il bilancio armonizzato strutturato con una diversa classificazione delle entrate e delle uscite che porterà il Consiglio comunale ad approvarlo, nella sua unità elementare di voto, non più per risorse (entrate) ed interventi (spesa) ma per tipologie (entrate) e programmi, strutturati in titoli (spese).
Dal 1° gennaio 2015 si parte invece subito con l'applicazione delle nuove regole, con il principio della competenza finanziaria c.d. "potenziata".Il principio della competenza finanziaria già esistente, è stato rivisitato e rafforzato in seguito alla riforma della contabilità pubblica con l'inserimento di un nuovo elemento obbligatorio comune per le fasi dell'accertamento delle entrate e dell'impegno delle spese: la scadenza dell'obbligazione.Dal concetto di competenza finanziaria potenziata trae origine una nuova componente del sistema di contabilità pubblica: il fondo pluriennale vincolato, che si forma per effetto della scadenza delle obbligazioni.
Il F.P.V. è un nuovo strumento del bilancio armonizzato che consente di imputare negli anni successivi impegni finanziati da entrate accertate in esercizi precedenti, garantendo la copertura finanziaria delle spese registrate e il permanere degli equilibri di bilancio e rappresenta sostanzialmente una sorta di avanzo di amministrazione, vincolato alle spese imputate agli esercizi successivi. E' scomposto in due componenti: una per la parte corrente e l'altra per la parte in conto capitale.L'avvio dell'armonizzazione risulta tuttora problematica e difficoltosa per gli operatori contabili i quali si augurano che a regime consenta una più agevole e fluida gestione del bilancio armonizzato.

Informazioni tesi

  Autore: Loredana Massessi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: ECONOMIA E FINANZA
  Corso: ECONOMIA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE
  Relatore: Alessandro Spano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 89

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La tesi intende sviluppare uno degli aspetti centrali della riforma della contabilità pubblica conosciuta come “Armonizzazione dei sistemi contabili”: la gestione dei residui e la loro revisione straordinaria alla luce del principio della competenza finanziaria potenziata, puntando l'attenzione sugli enti locali e prendendo in esame il caso del Comune di Villasimius. I tentativi di armonizzazione nell'ambito degli Enti Locali, risalgono alla fine degli anni 70, con il D.P.R. 421/1979, ma è nel 2009 che si sente la necessità di intervenire nuovamente in tale ambito, questa volta in maniera sostanziale, per riuscire finalmente a dare concreta attuazione all'armonizzazione dei sistemi contabili e al coordinamento della finanza pubblica. Il legislatore interviene con la Legge delega sul federalismo fiscale (legge n. 42 del 05/05/2009) per Comuni, Province, Città Metropolitane e Regioni, e con la Legge di Contabilità e Finanza Pubblica (legge n. 196 del 31/12/2009) per lo Stato; successivamente, per Regioni ed Enti Locali, viene emanato il Decreto Legislativo attuativo n. 118 del 2011 integrato e modificato dal D. Lgs. n. 126/2014. Dopo tre anni di sperimentazione il 1° gennaio 2015 rappresenta la data ufficiale di avvio della riforma, resa obbligatoria per Regioni ed Enti Locali mediante l'omogeneizzazione dei bilanci delle differenti articolazioni dello Stato al fine di raccordare la contabilità pubblica nazionale con i sistemi adottati in ambito Europeo e poter misurare lo “stato di salute” della finanza pubblica italiana. Il legislatore ha previsto l'adeguamento dei sistemi contabili con gradualità fra il 2015 e il 2016 obbligando le Regioni e gli Enti Locali ad applicare le nuove regole fin dal 2015 ma rinviando l'adozione dei nuovi schemi di bilancio con carattere autorizzatorio a partire dal 2016. Di fatto in che cosa consiste l'armonizzazione, che cosa devono fare gli enti per concretizzare la riforma? Prima di tutto riclassificare i bilanci, conoscere i nuovi concetti di competenza finanziaria potenziata e provvedere al riaccertamento straordinario dei residui. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fondo pluriennale vincolato
competenza finanziaria potenziata
residui attivi e passivi
scadenza dell'obbligazione
armonizzazione dei sistemi contabili
introiti bucalossi
sostituzione di filtri
avanzo di amministrazione
spesa esigibile
caso comune di villasimius

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi