Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Leadership e motivazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I – Il Leader 12 Di conseguenza, nella realtà, occorre integrare i principi che governano leadership e management, mischiando, in maniera attenta ed opportuna, innovazione e stabilità, ordine e flessibilità. Secondo Drucker, quindi, la soluzione a quella che Hickman chiamava tensione fra manager e leader va risolta con la somma dei due fattori in dosi giuste. (Peter Drucker, ’97) Quello che gli studiosi hanno concluso dai loro studi, è che, per avere successo, serve integrare le capacità del leader con quelle del manager. Questo non significa che sia un compito facile fondere, in modi e dosi giusti, le caratteristiche dei due orientamenti o trovare un equilibrio. Alcune circostanze necessitano una buona dose di management, mentre altre richiedono un approccio orientato verso la leadership. Il manager e il leader possono, quindi, essere visti come due tipi diversi di persone. La prima ama esercitare il controllo, mentre l’altra è più portata verso la responsabilizzazione dei propri collaboratori. Inoltre, si può affermare che i manager ricercano la stabilità, tendono a vivere nel presente e cercano di ordinare l’organizzazione in cui operano. I leader sono coloro che reputano le eventuali crisi uno stimolo per il miglioramento, trasformano le strutture esistenti innovandole e sono sempre orientati verso il cambiamento e la rivoluzione. L’atteggiamento di questi ultimi, quindi, può essere definito proattivo, in quanto cerca di anticipare o, addirittura, provocare il cambiamento. Secondo Hickman, il manager è ancorato alla realtà esistente e cerca di trarne il meglio. Differentemente, il leader ha l’atteggiamento del “sognatore”, perché vuole raggiungere degli obiettivi sempre più difficili e che si articolano nel futuro sia a breve sia a lungo termine.

Anteprima della Tesi di Paolo Casagrande

Anteprima della tesi: Leadership e motivazione, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Paolo Casagrande Contatta »

Composta da 223 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 35855 click dal 15/04/2005.

 

Consultata integralmente 107 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.