Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Leadership e motivazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I – Il Leader 6 Da una ricerca condotta dalla rivista “American Psychologist”, si evince che essere leader significa persuadere, non comandare”. Questa è una asserzione interessante, in quanto offre una visione diversa del concetto. Infatti, non vengono considerati leader le persone che comandano gli altri solo grazie al potere che è stato conferito loro, bensì un individuo è un vero leader se gli altri adottano spontaneamente, per un certo periodo di tempo, gli obiettivi di un gruppo e li considerano propri. Per questi motivi è possibile affermare che la leadership concerne la creazione di team di persone orientati al raggiungimento di risultati. Proprio questo è il punto di collegamento tra leadership e performance del gruppo. Secondo una definizione di Jack Zender, ripresa dal suo articolo: “The New Leadership Development”, pubblicato, nel marzo del 2000, sulla rivista “Training & Development”, il “Vero leader deve porre l’enfasi sugli obiettivi che un’organizzazione si aspetta e deve aiutare le persone all’interno della stessa a raggiungere risultati migliori. Inoltre egli rende le prestazioni dei propri followers più efficaci di quanto non sarebbero state se non ci fosse stata una guida. Tutto ciò accade quando il leader vede un grande potenziale di crescita e non costringe nessuno a raggiungerlo”. Secondo questa caratterizzazione, il primo compito del leader è quello di raggiungere gli obiettivi che l’impresa si prefissa. Per fare questo le performance dei followers devono essere in continuo miglioramento, grazie al fatto che essi sono guidati ed indirizzati da una figura che ha indiscusse capacità di gestione delle risorse umane. Infatti, come ricorda Jack Zender, il leader convince i propri collaboratori a fare cose che essi considerano impossibili, e li aiuta a farle. Egli ha capacità di visione, di comunicazione ed è in grado di motivare ed incoraggiare i followers.

Anteprima della Tesi di Paolo Casagrande

Anteprima della tesi: Leadership e motivazione, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Paolo Casagrande Contatta »

Composta da 223 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 35855 click dal 15/04/2005.

 

Consultata integralmente 107 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.