Skip to content

Ucwalmicw T'micw, la nostra terra: dinamiche di gestione fondiaria dei territori indigeni in British Columbia

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Per la sua passione di antropologo amatoriale divenne presidente della sezione antropologica della Royal Society del Canada; il suo lavoro più importante, The Salish People (1905), edito in quattro volumi, riguarda i Salish, sia della costa che dell'interno. Il secondo volume, The Squamish and the Lillooet (1905), contiene resoconti dello stile di vita "Lillooet" ed un buon numero di leggende e racconti della tradizione. Il volume di Hill-Tout, a differenza degli scritti di Teit, cita alcuni informatori importanti, e l'autore si sofferma ad evidenziare aspetti da lui definiti "eccentrici" delle culture dell'area, comparandole con la cultura anglosassone, definendo a più riprese le usanze locali come costumi selvaggi di razze primitive (Hill-Tout, 1978: 99-117). Nei suoi lavori si sente l'impronta di Boas, nell'affermazione delle affinità culturali con gli altri popoli della British Columbia, e nelle considerazioni sull'origine di alcuni fenomeni socioculturali condivisi, anche oltre l'estrema prudenza boasiana. È rintracciabile anche un certo sentimento evoluzionistico-comparativo nelle analogie che rileva, in particolare, tra il "totemismo australiano", conosciuto come tale tramite i lavori di Spencer e Gillen (1899), e le sue scoperte nelle aree interne della British Columbia (Hill-Tout, 1978: 117). 1.2.3 BC Indian Language Project e progetti collaterali Il British Columbia Indian Language Project fu un progetto finanziato dalla Provincia della British Columbia, iniziato nel 1973 e terminato nel 1976, con sede amministrativa presso l'Università di Victoria (UVIC). Gli organizzatori del progetto furono principalmente Randy Bouchard, linguista ed antropologo amatoriale, e Dorothy I. D. Kennedy, antropologa, i contribuenti al progetto inclusero altri studiosi come Nancy Turner, antropologa e botanica, ed un gran numero di depositari di conoscenze tradizionali, appartenenti alle popolazioni indigene oggetto di approfondimento. Gli studi non riguardarono solamente il linguaggio, a fini di classificazione linguistica generale, ma un'ampia catalogazione di nomi nativi dei luoghi, degli strumenti ecc., dunque lunghi resoconti sugli utilizzi tradizionali dei luoghi e degli strumenti all'interno dei territori indigeni. Per il territorio Ucwalmicw, Bouchard e Kennedy intrapresero un lavoro di ricerca inizialmente grazie alle testimonianze di tre uomini anziani e sapienti abitanti nell'area, quelli che più collaborarono con gli antropologi, Charlie Mack e Baptiste Ritchie per il territorio Lil'wat, e Sam Mitchell per il territorio Stl'atl'imx (Kennedy & Bouchard, 1973). A questi individui se ne aggiunsero molti altri, uomini e donne, che hanno contribuito con la loro conoscenza a fare lievitare il numero delle pubblicazioni 19
Anteprima della tesi: Ucwalmicw T'micw, la nostra terra: dinamiche di gestione fondiaria dei territori indigeni in British Columbia, Pagina 9

Preview dalla tesi:

Ucwalmicw T'micw, la nostra terra: dinamiche di gestione fondiaria dei territori indigeni in British Columbia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Enrico Montaletti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Antropologia
  Relatore: Stefano Boni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 275

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

resistenza
antropologia economica
canada
decolonizzazione
colonizzazione
assimilazione
postcolonialismo
antropología política
nativi
first nations
intrecci culturali
british columbia
indians
stl'atl'imx

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi