Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie competitive e modelli di business nel settore vitivinicolo: il caso Illva Saronno

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Elemento significativo dell’attuale situazione è la previsione di crescita dei consumi di vino che su scala globale dovrebbe ammontare ad un 7-8% nei prossimi 10 anni (secondo uno studio della Fabris, 2000 e della Rabobank, 1999). Ciò sarebbe il risultato del permanere di una crescita dei consumi nei Paesi importatori di vino nel lungo periodo e di una inversione di tendenza nei Paesi produttori dove, negli ultimi anni, fattori strutturali (modalità di consumo e destrutturazione dei pasti, modifica dei fabbisogni calorifici, ecc), pregiudizi sui legami tra vino e salute e la concorrenza di altre bevande avevano indotto un drastico calo dei consumi. Negli ultimi anni di riferimento il livello del consumo mondiale si è attestato intorno ai 200-220 milioni di ettolitri; questa domanda viene soddisfatta da una produzione di circa 250 milioni di ettolitri, realizzata da un numero crescente di Paesi produttori che partecipano in modo significativo e dinamico al mercato e distribuita attraverso un’intensificazione degli scambi internazionali. Nella seconda metà degli anni novanta l’incidenza del vino d’importazione sul totale del vino consumato ha raggiunto circa il 30%, mentre essa era solo del 18% all’inizio degli anni ottanta. Questo è sicuramente il risultato dell’azione di più fattori: “la liberalizzazione dei mercati promossa dal WTO, l’aumento dei consumi nei Paesi non produttori e, infine, l’evoluzione dei gusti verso un consumo diversificato soprattutto nei Paesi che sono sia produttori sia consumatori (Usa soprattutto) 7 ”. Il mercato del vino è dunque cambiato in modo rilevante negli ultimi venti anni ed è tuttora in mutamento in conseguenza dell’evoluzione dei consumi, delle strategie competitive dei nuovi Paesi produttori e dell’evoluzione del quadro normativo ed in particolare delle politiche di sostegno e regolazione attuate dall’Unione Europea (UE), che trovano oggi espressione nella nuova Organizzazione Comune di Mercato (OCM). 7 Pomarici Eugenio e Sardone Roberta. 2001. Il settore vitivinicolo in Italia. Strutture produttive, mercati e competitività alla luce della nuova Organizzazione Comune di Mercato. INEA. Roma.

Anteprima della Tesi di Luca Zannirato

Anteprima della tesi: Strategie competitive e modelli di business nel settore vitivinicolo: il caso Illva Saronno, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luca Zannirato Contatta »

Composta da 289 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7846 click dal 14/06/2004.

 

Consultata integralmente 63 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.