; Skip to content

Dal PCI al PDS. Il caso pavese

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
13 chiunque voglia consultarla in futuro 31 . Il ricercatore deve quindi ricordarsi sempre che un fruitore terzo deve essere in grado non solo di avere accesso alle notizie raccolte nella fonte, ma anche di poter contestualizzare la conversazione, in modo da non perdersi importanti informazioni ambientali. Bisogna fornire, quindi, sia informazioni sui rapporti che intercorrono tra i due attori della conversazione 32 , sia un apparato informativo di corredo al documento 33 . Il riferimento per chi si voglia avvalere delle fonti orali è rappresentato dal documento sonoro o audio-visivo raccolto. Data la labilità dei supporti, però, è utile procedere a una trascrizione della conversazione offrendo della testimonianza raccolta un testo divulgativo che raccolga la parziale trascrizione di quanto detto e visto nella registrazione 34 . La trascrizione della fonte orale deve sempre seguire la regola di essere esclusivamente uno strumento di lavoro del ricercatore: deve avvenire nel rispetto di quanto detto dal narratore, valorizzandone, se possibile, gli aspetti formali 35 . L‟utilizzo della fonte orale può essere vario, a seconda delle necessità storiografiche del ricercatore: la testimonianza orale può integrare il racconto fatto dall‟autore 36 , può essere usata per comprendere la soggettività del testimone 37 o per ricostruire i rapporti tra eventi e soggettività 38 . 31 P. CLEMENTE, Voci su banda magnetica: problemi dell‟analisi e della conservazione dei documenti orali. Note italiane, in Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, Gli archivi per la storia contemporanea. Organizzazione fruizione, Atti del seminario di studi, Mondovì 23-25 febbraio 1984, Roma, 1986, pp. 190-191. 32 G. CONTINI – A. MARTINI, Verba manent. L‟uso delle fonti orali per la storia contemporanea, Milnao, La Nuova Italia Scientifica, 1993, p. 134. 33 Tutto ciò che viene raccolto e preparato attorno alla fonte orale deve diventare una “unità archivistica”, un insieme di note critico-informative che premette l‟utilizzo della fonte e che insieme alla registrazione costituisce un‟unità indivisibile. P. CARUCCI, Le fonti archivistiche, Roma, NIS, 1989, p. 230. 34 Il lavoro di trascrizione del documento non deve mai mirare a sostituire la fonte orale. CONTINI – MARTINI, Verba manent, cit., p. 138. 35 Scrive Portelli nel suo libro su Terni: “La riproduzione letterale (a parte i suoi limiti di credibilità) sottintende l‟idea che, una volta registrata, la parola della fonte sia staccata da essa e viva di vita propria nelle mani del ricercatore. Ma, quando ho sottoposto alle mie “fonti” la pagine in cui apparivano le loro citazioni, mi sono trovato invece di fronte alla volontà di mantenere almeno in parte il controllo. In un paio di casi, ho ricevuto critiche per scarsa fedeltà, ma tutte le alte osservazioni espresse (e, mi risulta, anche molto inespresse) dichiaravano insoddisfazioni per l‟eccesso di esattezza. Mantenendo il parlato colloquiale e improvvisato dell‟intervista, presentavo queste persone in pubblico con abiti destinati al parlato, e non gli rendevo il servizio che si aspettavano da me come intellettuale, quello di renderli “presentabili”. C‟è dunque una fedeltà alle fonti che consiste nel non violarne il diritto all‟autopresentazione; ma questa fedeltà si scontra con la fedeltà che il ricercatore deve a se stesso, e che consiste nel descrivere il più accuratamente possibile quello che ha visto e sentito e nell‟interpretarlo senza riguardi per nessuno”. A. PORTELLI, Biografia di una città. Terni (1830-1985), Torino, Einaudi, 1985, p. 7. 36 Un esempio di questo tipo di utilizzo delle fonti orali è il lavoro di Nuto Revelli Il mondo dei vinti. In questo testo del 1977 l‟autore utilizza il racconto orale per ricostruire il vissuto di una specifica trasformazione economica e sociale. Il racconto, quindi, è inserito in forma di citazioni nel testo, dove l‟autore usa le parole dei testimoni per rendere viva e tangibile la propria ricostruzione storica. N. REVELLI, Il mondo dei vinti: testimonianze di vita contadina, Torino, Einaudi, 1977.
Anteprima della tesi: Dal PCI al PDS. Il caso pavese, Pagina 11

Preview dalla tesi:

Dal PCI al PDS. Il caso pavese

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Claudio Pasi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia contemporanea
  Relatore: Pier Angelo Lombardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 244

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fonti orali
occhetto
partito comunista italiano
partito democratico della sinistra
pavia
pci
pds

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi