; Skip to content

L'impairment test dei diritti pluriennali alle prestazioni sportive dei calciatori nei principali club europei quotati in borsa

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
13 società quotate l'adozione dei principi contabili internazionali nella redazione del bilancio consolidato, lasciando la facoltà agli stati membri di estendere l'obbligo o permettere che gli stessi principi fossero utilizzati anche nel bilancio d'esercizio delle società quotate e nei bilanci d'esercizio e consolidati delle altre società (non quotate). Il Regolamento, si applica dagli esercizi che hanno avuto inizio il 1° gennaio del 2005, e di conseguenza i primi bilanci IAS/IFRS in Europa sono stati pubblicati nella primavera del 2006. L'adozione dei principi IAS/IFRS da parte dell'UE, ha impegnato quest'ultima nell'ideazione di una particolare metodologia di omologazione dei principi contabili 17 . A tal fine, per quanto riguarda l’omologazione regolamentare è stato istituito il Comitato di regolamentazione contabile o ARC (Accounting Regulatory Committee), che coinvolge i rappresentanti di tutti gli Stati membri, e ha il compito di fornire pareri sull’opportunità o meno che l’UE adotti uno specifico principio contabile IAS/IFRS. Mentre per quanto concerne la procedura di omologazione contabile, l'UE ha fondato il Comitato tecnico di contabilità, avente natura prevalentemente consultiva in merito all'adozione degli IAS/IFRS. Fondamentale per quest’ultimo punto è stata la creazione nel giugno del 2001 dell’EFRAG (European Financial Reporting Advisory Group), un'organizzazione privata sostenuta dagli standard setter nazionali, associazioni di categoria e di regolamentazione dei mercati borsistici e altri. I principali compiti dell'EFRAG sono: a) effettuare la valutazione tecnica degli IFRS e degli IFRIC. b) presentare proposte di variazione alle direttive contabili UE, al fine di modificare la normativa comunitaria ed evitare divergenze con gli IFRS. Con la pubblicazione, nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea del 29 settembre 2003, del Regolamento CE n. 1725/2003, vengono finalmente approvati i principi contabili internazionali. I principi elencati dal Regolamento erano 32 e coincidevano con la totalità dei principi fino ad allora emanati dallo IASB26, ad esclusione degli IAS 32 “Financial Instruments. Disclosure and Presentation” e IAS 39 “Financial Instruments. Recognition and Measurement” 18 . La successiva Direttiva CE n. 51 del 18 giugno 2003 19 , nota come “Direttiva di modernizzazione”, ha introdotto diverse novità funzionali al processo di convergenza verso la normativa contabile internazionale. Le principali modifiche introdotte dalla direttiva sono: a) l’integrazione dei principi generali di redazione del bilancio di esercizio, con il principio di prevalenza della sostanza sulla forma; b) modifiche ai prospetti di bilancio per quanto attiene alla forma e al contenuto: oltre allo Stato Patrimoniale, Conto Economico e Nota Integrativa si aggiungono, in base allo IAS 1 (Presentazione del bilancio), e il Rendiconto Finanziario; c) modifiche relative ai criteri particolari di valutazione; d) modifiche relative alla relazione sulla gestione e al controllo legale dei conti. Il fine di queste modifiche era quello di completare la fase di preparazione all’applicazione dei 17 L ’applicazione dei principi contabili internazionali all’interno del contesto europeo è stata subordinata a una verifica di compatibilità con le direttive contabili europee: tecnicamente si dice che i principi contabili internazionali sono sottoposti a un processo di omologazione (endorsement process). 18 Saranno comunque entrambi applicati, IAS 32 e IAS 39, con il Regolamento CE n. 1126/2008 della Commissione del 3 novembre 2008. 19 GU dell’Unione europea (17/07/2003), Direttiva n. 2003/51/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 giugno 2003 che modifica le direttive 78/660/CEE, 83/349/CEE, 86/365/CEE e 91/674/CEE relative ai conti annuali e ai consolidati di taluni tipi di società, delle banche e altre istituzioni finanziarie e delle imprese di assicurazione.
Anteprima della tesi: L'impairment test dei diritti pluriennali alle prestazioni sportive dei calciatori nei principali club europei quotati in borsa, Pagina 6

Preview dalla tesi:

L'impairment test dei diritti pluriennali alle prestazioni sportive dei calciatori nei principali club europei quotati in borsa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Pinna
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Gianluigi Roberto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 105

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

impairment test
principi contabili internazionali
licenze uefa
bilancio ias/ifrs
fair-play finanziario
tesi calcio
bilancio società quotate
bilancio società calcistiche
diritti prestazioni calciatori
contabilità calcio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi