Skip to content

Glorifica me Domine. Studio sulla gloria in Blaise Pascal

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Glorifica me Domine. Studio sulla gloria in Blaise Pascal, Pagina 4
6 
si fosse messo da solo a ragionare sulle figure geometriche arrivando a ricavare autonomamente 
fino al 32
o
 postulato degli Elementi di Euclide. Il padre, sconcertato dalle capacità del figlio, lo 
introdusse in un circolo di intellettuali e matematici di cui faceva parte, di modo che da loro 
potesse accedere alle più avanzate conoscenze nel campo della scienza. Pascal non tardò a 
mettere in pratica la sua bravura. Pubblicò un Trattato sulla generazione delle sezioni coniche, 
riprodusse gli esperimenti sul vuoto di Torricelli confermando la tesi dello scienziato italiano 
che dimostrava l’esistenza del vuoto. Più tardi scoprì il calcolo delle probabilità assieme a 
Fermat: tutto era partito dalle frequentazioni di alcuni amici che erano soliti dilettarsi nel gioco. 
Pascal allora si era prefissato di aiutarli in qualche modo e si era chiesto se effettivamente si 
potesse prevedere la riuscita di una puntata. Poco tempo prima di morire si distinse nuovamente 
risolvendo il problema della cicloide, in un periodo in cui era per di più costretto a letto 
dall’aggravarsi della malattia. Ma il suo più importante contributo alla scienza fu probabilmente 
l’invenzione della calcolatrice
4
. Egli si era proposto di sgravare il padre Étienne dall’enorme 
carico di lavoro che la sua mansione prevedeva; era infatti preposto all’esazione delle imposte 
nell’Alta Normandia. Per lunghe settimane era costretto fino a tarda notte sulla scrivania e 
perdeva il sonno sui calcoli. Blaise si ingegnò e costruì questo strumento anche grazie al 
sostegno di Pierre Séguier (1588 - 1672), all’epoca Ministro della Giustizia. La completa messa 
a punto della macchina calcolatrice dovrà attendere qualche anno, ma i primi modelli erano già 
soddisfacenti e capaci di sostituirsi al ragionamento umano. Blaise nel 1652 regalò il modello 
più avanzato della sua calcolatrice alla regina di Svezia, verso cui nutriva una profonda 
ammirazione poiché era una donna di cultura e versata negli studi. In una lettera alla regina, 
Pascal difende la preminenza dell’intelligenza rispetto all’autorità, ma questo non è un motivo 
di accusa, anzi, di elogio, perché la considera degna di ricoprire il suo ruolo: ella infatti incarna 
la figura del regnante che detiene lo scettro del potere ma anche quello della sapienza. 
In questa missiva e in quella rivolta al Cancelliere Séguier emerge il profilo di un giovane molto 
ossequioso verso l’autorità, presumibilmente perché era la consuetudine del tempo che esigeva 
un tono oltremodo riverente nei riguardi di persone altolocate. Tuttavia l’ostentata modestia con 
cui parla dei suoi “piccoli sforzi” (quando in realtà aveva lavorato due anni a questo 
marchingegno) e l’immensa gratitudine di cui riveste il Cancelliere, meritevole di averlo 
sorretto nel momento in cui aveva pensato di abbandonare ogni cosa, oppure la riguardosa 
  
4  P. GRAZIANI, M. SANGOI, La macchina aritmetica di Blaise Pascal, “Isonomia” (2005), nota 7, p. 13. 
Il primo a costruire una calcolatrice meccanica fu il professore di Tubinga Wilhelm Schickard nel 1623, 
come si evince da un carteggio avuto con Keplero nel quale descrive il suo progetto. Tuttavia queste lettere 
furono scoperte solamente nel 1957, e sono le uniche testimoni di questa invenzione dal momento che 
Schickard non divulgò la sua opera. Tutti gli esemplari successivi di calcolatrici meccaniche, a partire da 
quella di Leibniz, che poteva svolgere tutte le operazioni compresa la moltiplicazione e la divisione, presero 
spunto dal lavoro di Pascal.

Preview dalla tesi:

Glorifica me Domine. Studio sulla gloria in Blaise Pascal

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Brochetta
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze filosofiche
  Relatore: Isabella Adinolfi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

grazia
grace
gloria
glory
fama
pascal
ambizione
grandezza
gloire
grandeur

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi