Skip to content

Il fattore umano nei call center

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Il fattore umano nei call center, Pagina 5
 8
quello che serve è solo la forza fisica e sono pochi coloro che nella 
fabbrica si salveranno da questa agonia
3
. 
Abitualmente i locali sono rumorosi
4
, gelidi di inverno e caldissimi 
in estate, nei locali non c’era alcun tipo di comodità né alcun tipo di 
sicurezza e di indennizzo per i frequentissimi incidenti. 
La durata della giornata lavorativa era pari alla resistenza fisica dei 
lavoratori: sino al 1860 oscilla dalle dodici alle quindici ore, il riposo 
domenicale non sempre veniva rispettato e la cosa che rendeva tutto 
ancora tutto più logorante era la scansione del tempo all’interno della 
fabbrica,
5
 ogni cosa  era  regolarmente scandita. 
Ci sono fabbriche che grazie all’illuminazione a gas riescono a 
rimanere aperte ventiquattro ore su ventiquattro. 
Questo però  per la produzione che aumenta  non è ancora 
sufficiente, quindi a causa della necessità di manodopera arrivano le 
donne
6
 e i bambini, sottopagati, che con il loro contributo aumentano 
le ore lavorate, la produzione, e riescono a far uscire dalla fabbrica 
coloro che volevano condizioni migliori o un salario più alto. 
E’ il sistema che porta i bambini nelle fabbriche, la povertà, che 
costringe le famiglie a farli lavorare, la Chiesa, che il deve mantenere 
e i padroni che li sfruttano, rimane il fatto che tutti i bambini, o 
quasi, lavorano e che sino al 1850
7
 questo tipo di manodopera 
fornisce la metà degli effettivi dell’industria tessile inglese.  
                                                 
3
 Nella fabbrica soltanto pochi operai diventano dei tecnici, cioè addetti alla riparazione delle 
macchine,questi <<molto lentamente, costituiscono una élite di professionisti in grado di 
dominare, alla fine del secolo, la manodopera  generica..>> Cfr. Jean Pierre Rioux ,1986  La 
rivoluzione industriale 178-1880,Garzanti, Milano, pag 180. 
4
 Il problema della rumorosità degli ambienti di lavoro nasce proprio con l’industria, per 
approfondimenti si rimanda al capitolo quarto, paragrafo 4.5.3.  
5
 Nel corso del 700’ l’orologio si diffonde sistematicamente, grazie ai bassi prezzi si diffuse 
sopratutto in Inghilterra anche tra la popolazione, il tempo ora cambia, non è più un concetto 
vago, ma diventa qualcosa di certo. 
6
 <<Il vantaggio [ delle donne e dei bambini ] è triplice: spezzare per mezzo della concorrenza, 
eventuali resistenze dei lavoratori maschi e abbassare i salari; legare intere famiglie al lavoro 
industriale…cercare la massa di manodopera disponibile…utilizzare infine la macchina al suo 
massimo di rendimento…>> Cfr. J. P. Rioux ,  La rivoluzione industriale 1780-1880, Garzanti, 
Milano pag 174. 
7
 <<Nel 1834 nell’industria cotoniera inglese il 13.3% degli effettivi hanno meno di 13 
anni…in Belgio i minori di 16 anni rappresentano ancora nel 1880 il 14% della manodopera 
industriale …>> Cfr. J.P.R.,1986, La Rivoluzione Industriale 1780-1880, Garzanti, Milano pag 
175. 
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Il fattore umano nei call center

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Munzi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Comunicazione d'impresa
  Relatore: Ivetta Ivaldi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 288

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

asl di milano
call center
gl studi di mayo
gli studi di taylor
gli uffici nel call center
il controllo esercitato sull'operatore
il custumer care
il lavoro al video terminale
il software nel call center
il tunnel carpale
l'evoluzione del centralino
l'organizzazione del call center
la legge 626
la mappatura delle zone in sofferenza
lo stress legato alla vendita
lo stress telefonico
operatore telefonico
problemi relativi alla postura
problemi uditivi
problemi visivi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi