Skip to content

Il modello coloniale italiano in Africa. Analisi dell'insediamento e dell'operato dell'Italia in Somalia

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Il modello coloniale italiano in Africa. Analisi dell'insediamento e dell'operato dell'Italia in Somalia, Pagina 5
anglosassone.
5
 La Francia <<ideò per le sue colonie in Africa Occidentale un sistema di
governo centralizzato e autoritario, con una ben definita catena di comando che andava dal
Ministero delle colonie di Parigi, attraverso il Governatore generale di Dakar, ai
governatori delle singole colonie e ai loro commissari provinciali e commandants de
cercle, agli ufficiali in carica in ciascun distretto>> e ancora <<[…] Gli Africani entravano
in questo progetto solo in qualità di ausiliari o  al livello dei villaggi, i cui capi divennero
subalterni esecutivi dell’ufficiale distrettuale francese dal quale derivavano la loro autorità
e la permanenza in carica, che dipendeva unicamente dalle loro capacità di conservarla sua
fiducia. Questo autoritarismo era giustificato dalla convinzione che l’assimilazionismo
delle masse africane alla cultura e alle civiltà francesi, […] giustificazione ultima della
colonizzazione, era difficilmente attuabile nell’immediato futuro>>.
6
 
 La situazione nell’Africa britannica, di cui però ci occuperemo più avanti, si presentava in
maniera meno uniforme; rispetto al modello francese, l’Indirect rule di matrice
anglosassone, in una prima fase poggiava su di un ordinamento meno centralizzato, i
Governatori coloniali inglesi, contavano sull’aiuto delle autorità locali per tenere saldo il
controllo, queste ultime difatti godevano di una pseudo-libertà fondata sulla fiducia e sulla
lealtà 
7
.
 La conclusione di questo percorso, che coinvolse anche l’ Italia, la quale sviluppò un
personale modello di colonialismo, come vedremo nel paragrafo successivo, coincide con
il crollo dell’Eurocentrismo, del decadimento degli stati europei come potenze militari e
della nascita di una coscienza nazionalista da parte dei popoli colonizzati; tutti elementi,
che porteranno ad   un processo di decolonizzazione che terminerà solamente nel 1999, con
la restituzione del Macao alla Cina
8
. 
Si conclude così dunque, un periodo storico assai tormentato, che tutt’oggi alimenta
numerosi dibattiti circa i benefici e gli svantaggi riscontrati in questo modus operandi delle
potenze europee.
5 L. Frederick J. Dealtry, The dual mandate in British Tropical Africa, Nigeria, 1912.
6 John D. Fage, Storia dell’Africa, Torino, 1985, 2
a
 edizione, Società Editrice Internazionale, p.  386.
7 Ivi, p 387
8      S. Leo, Università del Salento, Il sistema finanziario della prima guerra mondiale tra debiti di guerra e 
riparazioni, 2015 p. 96:<< La grande guerra lasciò in eredità all’ Europa un generale stato di decadimento e 
una grave dipendenza economico-finanziaria dagli USA. >> L’ ingresso degli Stati Uniti d’ America nello 
scenario bellico europeo, segna inevitabilmente la fine del dominio economico e politico a trazione europea. 
Il fatto che anche i paesi vincitori del primo conflitto mondiale,  Gran Bretagna e Francia,  dovessero pagare i
debiti di guerra alla potenza a stelle e strisce, dimostra come gli USA fossero diventati la potenza di 
riferimento, spostando gli equilibri geo-politici.
8

Preview dalla tesi:

Il modello coloniale italiano in Africa. Analisi dell'insediamento e dell'operato dell'Italia in Somalia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valerio Maria Paolozzi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi Niccolò Cusano - Telematica Roma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Silvio Berardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 73

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi