Skip to content

La città sostenibile: il progetto di insediamento eco-sociale di Cherbonhof, Bamberg

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: La città sostenibile: il progetto di insediamento eco-sociale di Cherbonhof, Bamberg, Pagina 5
ereditato dal passato, puntando sull'arredo, la pedonalizzazione e la specializzazione funzionali. 
Anche oggi la tecnica urbanistica conserva la caratteristica di un rimedio da porre a posteriori . 
La storia dell‟urbanistica moderna è legata ai mutamenti prodotti sulla società e sul territorio dalla 
6
rivoluzione industriale . 
In Inghilterra a partire dalla metà del XVIII si compirono progressi tecnici che resero possibile un 
aumento della produzione industriale “quasi illimitato”,attraverso l'introduzione di innovazioni 
tecnologiche. 
Ciò comportò l‟aumento della popolazione dovuto alla diminuzione del coefficiente di mortalità e a 
migliori condizioni di vita. 
Cambiò la distribuzione degli abitanti sul territorio con lo spopolamento delle campagne e la 
concentrazione intorno a nuclei urbani sempre più grandi. 
Si modificò l‟organizzazione del lavoro che dalla produzione familiare diffusa sul territorio passò 
alla produzione industriale concentrata in grandi officine prima vicino ai corsi d‟acqua e poi alle 
miniere di carbone. Le esigenze del commercio, specie per il trasporto delle merci, indussero lo 
sviluppo della rete dei trasporti. 
Le disagevoli strade parrocchiali del XVII sec. (le corvées), vennero sostituite da nuove strade a 
pedaggio costruite da compagnie private. Gli estuari e i corsi dei fiumi furono congiunti in reticoli 
di canali resi navigabili. Furono organizzati servizi privati per il trasporto di passeggeri e merci. In 
seguito all‟invenzione della locomotiva a vapore di Stephenson e la rete dei canali navigabili inglesi 
nel 1800 ,cominciò lo sviluppo della linea ferroviaria (1825), dapprima privata e poi di gestione 
7
statale (1844).Si assisteva nel contempo all‟espansione disordinata dei sobborghi operai . Mentre la 
ricca borghesia londinese si raccoglieva nei ricercati ambienti di Bedford Place e di Russell Square, 
i miserabili quartieri dell‟est crescevano come cancri e presto i loro inconvenienti igienici misero in 
crisi l‟intera città. 
Il repentino conurbamento nei centri industriali portò alla necessità di costruire nuovi alloggi: 
• saturando gli spazi vuoti degli isolati 
• costruendo nuovi quartieri periferici 
Le carenze igieniche, relativamente sopportabili in campagna, diventavano insopportabili in città 
per l‟accostamento promiscuo ed il numero elevatissimo di edifici. 
In città l‟addensamento e l‟estensione senza precedenti dei nuovi quartieri operai rendeva pressochè 
impossibile lo smaltimento dei rifiuti, lungo le strade correvano i rigagnoli delle fogne scoperte, 
ogni angolo era coperto di immondizia, il fango e la melma coprivano le strade. Nei medesimi spazi 
il traffico industriale era promiscuo a quello residenziale: circolavano i carri, i pedoni, vagavano gli 
animali, giocavano i bambini. 
Le officine adiacenti alle case le investivano con i loro fumi tossici, le coprivano di pulvisco, 
inquinavano i canali .Le condizioni sociali pre-industriali erano percepite come un destino 
ineluttabile: esistevano “da sempre” ed apparivano agli occhi delle generazioni che le vivevano, 
sostanzialmente immutate. 
Invece la città industriale era un “fatto nuovo”, sorto sotto gli occhi delle stesse tantissime persone 
che ne sopportavano i disagi. 
Ci fu quindi una rapida presa di coscienza della condizione sociale, e un convincimento che le 
capacità dell‟uomo e la forza delle macchine, come avevano generato questa realtà, potevano 
cambiarne il corso. La povertà, condizione accettata da secoli senza speranza, veniva ora 
riconosciuta come un “male” che poteva e doveva essere affrontato e vinto,nascevano quindi le 
prime associazioni di lavoratori. 
8
Le radici dell‟urbanistica moderna sono proprio qui , nel momento in cui le gravi situazioni della 
città industriale provocano non solo il disagio, ma anche la protesta delle persone che vi sono 
coinvolte. L‟urbanistica abbandona per sempre la posizione di apparente distacco dai conflitti 
sociali, conservata fino ad allora all‟ombra del potere assoluto. 
6
 L. Benevolo „Storia dell'architettura moderna, ediz. Laterza 
7
 P. Georges. Les Villes J.P.Kay (con nota di F. Engels), The moral ahd phisical condition of the working 
classes, London 1832. 
8
 L. Benevolo, ‘Storia dell'architettura moderna‘ 
4 
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

La città sostenibile: il progetto di insediamento eco-sociale di Cherbonhof, Bamberg

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Oriana Casini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Vincenzo Nocifora
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
benessere ecologico
benessere sociale
bioarchitettura
casa ecologica
città
città sostenibile
co-housing
domanda abitativa
ecologia
famiglia
insediamento umano
mobilità sostenibile
pianificazione partecipata
relazioni sociali
risparmio energetico
spazio comune
sviluppo sostenibile
sviluppo urbano
urbanistica sperimentale
urbanizzazione

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi