Skip to content

La digitalizzazione della propaganda di odio razziale. Una prospettiva comparata

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: La digitalizzazione della propaganda di odio razziale. Una prospettiva comparata, Pagina 3
12  
Il riconoscimento costituzionale della libertà di espressione giunse in un s econdo 
momento, come reazione alle rivoluzioni del XVIII secolo, che videro protagonisti 
Stati Uniti e Francia. Nonostante alcune differenze presenti tra le due rivoluzioni
3
, 
ad accomunarle fu la finalità di affermare diritti e libertà che John Locke, teorico 
del giusnaturalismo, riteneva dovessero essere sottratte alla giurisdizione del 
legislatore in quanto intangibili. Il suo pensiero si fondava sull’idea che l’uomo, 
essendo libero nella sua coscienza, nelle manifestazioni e nella proprietà, fosse 
soggetto titolare di diritti non derivanti dallo stato , ma dalla legge di natura. A 
partire dall’illuminismo, dunque, si può dedurre che la libertà di espressione è 
diventata il fondamento stesso della libertà
4
. 
La cristallizzazione di tali diritti avvenne nel 1789, con la pubblicazione 
della Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino
5
 e nel 1791, con 
l’approvazione dei primi dieci emendamenti alla Costituzione Americana
6
. Il primo 
emendamento integrò il Bill of Rights della Virginia, pubblicato nel 1776
7
; dalla 
mera tutela riservata alla libertà di stampa, il campo di applicazione si estese fino 
a ricomprendere tutte le forme di espressione. 
Il grado di tutela giurisdizionale destinata alla libertà di espressione è 
storicamente legato al processo di democratizzazione dei singoli paesi. Nello 
specifico, le due rivoluzioni hanno permesso l’affermarsi di una concezione 
prescrittiva di Costituzione, essendo un atto normativo fondamentale in ragione 
 
Riguardo al riconoscimento della libertà di espressione prevedeva: «And thereupon the said lords spiritual and temporal, 
and commons […] for the vindicating and asserting their ancient rights and liberties, declare: […] 9. That the freedom of 
speech, and debates or proceedings in parliament, ought not to be impeached or questioned in any court or place out of 
parliament». 
3
 F. VON GENTZ, L’origine e i princìpi della Rivoluzione Americana a confronto con l’origine e i princìpi della Rivoluzione 
Francese, Milano, Sugarco, 2011. 
4
 K. MALIK, From Fatwa to Jihad: The Rushdie Affair and Its Legacy, Atlantic Books, 2017, p. 156. «From the 
Enlightenment onwards, freedom of expression had come to be seen not just as an important liberty, but as the very 
foundation of liberty». 
5
 Art. 11, Déclaration des droits de l’homme et du citoyen: «La libera manifestazione dei pensieri e delle opinioni è uno 
dei diritti più preziosi dell’uomo; ogni cittadino può dunque parlare, scrivere, stampare liberamente, salvo a rispondere 
dell’abuso di questa libertà nei casi determinati dalla Legge». 
6
 I Emendamento, Bill of Rights: «Il Congresso non potrà porre in essere leggi per il riconoscimento ufficiale di una religione 
o per proibirne il libero culto, o per limitare la libertà di parola o di stampa o il diritto dei cittadini di riunirsi in forma 
pacifica e d'inoltrare petizioni al governo per la riparazione di ingiustizie».  
7
 Sezione 12, Virginia Declaration of Rights: «That the freedom of the press is one of the great bulwarks of liberty, and 
can never be restrained but by despotic governments».
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

La digitalizzazione della propaganda di odio razziale. Una prospettiva comparata

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Arianna Tondelli
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Lucia Scaffardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 98

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

italia
unione europea
libertà di espressione
diritto comparato
usa
new media
discriminazione
odio razziale
hate crimes
hate speech

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi