Skip to content

Making a Murderer: analisi del discorso giuridico nell'aula di tribunale

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Making a Murderer: analisi del discorso giuridico nell'aula di tribunale, Pagina 5
8 
 
poter determinare la colpevolezza e responsabilità di una determinata persona considerando gli 
eventi in esame.  
1.2 Il contesto di formazione della Common law americana 
Quando nel 1607 i coloni inglesi arrivarono a Jamestown, in Virginia, non utilizzarono il 
sistema del common law inglese, in quanto volevano distinguersi dalla madrepatria. La Virgin 
Company
2
 si impose come monopolista con tre politiche sussidiarie. In primo luogo, aveva il 
controllo su tutti i beni e i terreni della Virginia. In secondo luogo, regolamentava le transazioni 
economiche per raccoglierne i profitti al posto dei privati. Infine, faceva lavorare i coloni per la 
società e non per sé stessi, tramite la disciplina coercitiva. La maggior parte dei coloni erano 
impiegati nell’agricoltura e uno degli scopi della compagnia era quello di produrre senza dover 
importare dall’Inghilterra (Nelson, 2008). 
 
Il primo codice che venne utilizzato fu il Lawes, Divine, Moral and Martial di Sir Thomas Dale 
che fu promulgato nel 1611 e includeva nei divieti il non poter commerciare con gli indiani 
d’America o il non poter comprare qualcosa e rivenderlo a un prezzo più alto. Il codice di 
Thomas Dale era inoltre molto severo in quanto prevedeva la pena di morte per moltissimi reati, 
tra cui il furto, e si basava per lo più sulla disciplina militare e sulle punizioni. Qualsiasi tipo di 
disobbedienza nei confronti dei comandanti veniva punito dal codice (Nelson, 2008). Taylor 
(2001: 167) riporta che la situazione successivamente cambiò, in quanto l’economia della 
colonia passò dall’essere basata sul commercio e l’esplorazione a essere basata sulla produzione 
agricola del tabacco. Questo secondo l’autore permise la crescita della popolazione, del 
territorio e della ricchezza. Secondo quanto riporta Nelson (2008: 20), nel 1619 iniziò l’epoca 
delle riforme e al tempo stesso la Compagnia della Virginia affidò al Governatore e al Consiglio 
il compito di affidare un padrone a chiunque vivesse nell’ozio, punendo anche l’ubriachezza 
(considerata una distrazione dal duro lavoro). Taylor (2001: 182) sottolinea a riguardo come gli 
uomini che vennero inviati nell’allora nuova colonia non avessero un passato da lavoratori, ma 
anzi fossero uomini senza alcun tipo di esperienza manuale e abituati alla vita da benestanti.  
Un evento che può fare da esempio al funzionamento della legge a quel tempo è 
l’incriminazione di Edward Sharpless, che seguendo gli ordini della Corona, affidò dei 
documenti della Compagnia ai Commissari della Corona, anche se non era concesso dalla 
                                                             
2
 Virgin Company: ci si riferisce alle due compagnie per azioni di Giacomo I che furono inviate sulle coste del 
Nord America per realizzare alcuni insediamenti. (M. Andrews, 1958)

Preview dalla tesi:

Making a Murderer: analisi del discorso giuridico nell'aula di tribunale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carlotta Di Nicola
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: UNINT - Università degli studi Internazionali di Roma
  Facoltà: Interpretariato e Traduzione
  Corso: Interpretariato di conferenza
  Relatore: Michael Sherman Boyd
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 280

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

inglese
documentario
analisi del discorso
discourse analysis
netflix
analisi discorsiva
linguaggio legale
aula di tribunale
sistema di tribunali usa
storia stati uniti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi