Skip to content

CA' NOSTRA. Un'esperienza di coabitazione di persone affette da Alzheimer

Informazioni tesi

  Autore: Teresa Ialenti
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Elena Luppi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 71

Il Progetto Ca’ Nostra nasce per favorire la convivenza con ritmi e caratteristiche della vita domestica ordinaria e l'inclusione sociale degli ospiti a praticare un modello assistenziale basato sulla persona e non sulla malattia che permetta di oltrepassare lo stigma e promuoverne la partecipazione alla vita sociale. Se da una parte è necessario, per le condizioni fisiche e psichiche degli ospiti, che in questa coabitazione si presti molta attenzione agli aspetti di assistenza, cura e tutela, allo stesso modo il ruolo dei familiari, dei volontari ma anche del personale professionista, deve giocarsi e intervenire a sostenere la vita di relazione degli anziani. La scelta dell’appartamento risponde alle esigenze della famiglie e dei loro cari in termini di accessibilità, centralità e mantenimento di relazioni con il territorio: è un appartamento vicino al centro città, con possibilità di parcheggio e inserito in una quartiere vivo. Elemento di qualità e differenza rispetto ai modelli assistenziali e di cura presenti nelle conosciute forme residenziali, è l’estrema flessibilità della gestione quotidiana in cui sono coinvolti, in base alle loro possibilità, sia i familiari che i volontari: assenza di orari rigidi, le persone vivono la vita quotidiana liberamente e anche l’accesso dei familiari non ha orario. Il modello di cohousing rappresenta un’esperienza inedita per l’Italia, sebbene si fondi su solide prassi già adottate con successo in molte realtà europee (es. Germania, Olanda, Svezia, Finlandia). L’innovazione è dunque significativa poiché propone una nuova forma di welfare che coniuga la centralità della domiciliarità con la cura e il bisogno di socialità dell’anziano e dei familiari, dove gli attori della società civile sono “protagonisti competenti” del processo di cohousing. Altri elementi innovativi sono: la rete delle istituzioni e del terzo settore per lo sviluppo progettuale; la sinergia tra famigliari, volontari e personale specializzato, formati ad hoc, per la gestione della casa e degli ospiti; l’opportunità di usufruire di un servizio a bassa soglia con riduzione degli alti costi legati all'assistenza delle persone con demenza; la replicabilità del modello in altri contesti; l’attrattività per investitori privati.

Informazioni tesi

  Autore: Teresa Ialenti
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Elena Luppi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 71

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
31 2.2 L’invecchiamento degli anziani fragili L’aumento della popolazione anziana rispetto ad altre generazioni ha de- terminato non solo la cosiddetta rivoluzione di longevità, ma anche un’ apprezzabile diversificazione in questa fase della vita. Così come ci sono molti giovani-anziani attivi e partecipi, ci sono sempre più anziani in perdita di autosufficienza parziale o totale (Luppi 2015). Questi anziani vengono definiti fragili, in quanto le loro capacità psico-fisiche sono molto ridotte. Nel 1974 viene introdotto il concetto di fragilità negli Stati Uniti durante il Federal Council on Aging. Il termine viene usato per definire alcuni anziani che ricorrono ai servizi sociosanitari e successivamente è coinciso con i criteri di elettività dell’assistenza domiciliare (Casazza 2010). ‹‹ Quei sog- getti di età avanzata o molto avanzata, cronologicamente affetti da pato- logie multiple, con stato di salute instabile, frequentemente disabili, in cui gli effetti dell’invecchiamento e delle malattie sono spesso complicati da variabili di tipo socio-economico›› così la Società italiana di Geriatria e Gerontologia definisce gli anziani fragili (p.49, 2003). In letteratura gli an- ziani fragili sono quelli in condizioni di rischio e di solito si riferisce a due validità diverse: una si riferisce al processo di invecchiamento primario, cioè superati i 75 anni è molto probabile che si presenti questa condizione, anche se c’è molta variabilità individuale che determina percorsi di vec- chiaia molto diversificati (Luppi, 2015). L’altra si riferisce alla condizione medica, dunque la presenza di più patologie che riguardano l’invecchia- mento secondario e implica una rete di cura e supporto, che permettano all’ anziano di mantenere un’ adeguata qualità della vita (Chattat 2012). Lasciando da parte il fattore anagrafico, ci sono dei fattori che determinano la condizione di fragilità che non sono solo legati alla salute (Luppi, 2015). Infatti Chattat ne descrive cinque che sono frutto dell’integrazione di ‹‹di- versi modelli di approccio all’anziano in un modello multidimensionale che permette la valutazione adeguata delle aree di difficoltà ma anche la scelta

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anziani
invecchiamento
alzheimer
demenza
cura
coabitazione
assistenziale
cohousing
neurodegenerative
ca'nostra

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi