Skip to content

L'autoregolazione emotiva nei pazienti con Disturbo dello Spettro Autistico (ASD): esperienza presso la S.C. NPIA dell'ASL TO3 di Pinerolo

Informazioni tesi

  Autore: Camilla Tortone
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze mediche e biologiche
  Corso: Tecniche della riabilitazione psichiatrica
  Relatore: Marco Rolando
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 118

La tesi riporta un progetto sull'autoregolazione emotiva nei bambini autistici svolta presso il centro per l'autismo di Pinerolo, presso l'ASLTO3.
I primi due capitoli riguardano l'aspetto teorico del Disturbo dello Spettro Autistico in generale, nel primo, mentre, nel secondo, si concentra sull'emotività. Il terzo capitolo invece descrive il progetto svolto nel metodo, materiali e tecniche. Si racconta anche il percorso avuto.

Informazioni tesi

  Autore: Camilla Tortone
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze mediche e biologiche
  Corso: Tecniche della riabilitazione psichiatrica
  Relatore: Marco Rolando
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 118

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Uno sguardo alla storia Il Disturbo dello Spettro Autistico (dall’inglese Autism Spectrum Disorder, ASD) è un insieme eterogeneo di manifestazioni caratterizzate da deficit persistenti nella comunicazione e nell’interazione sociale in molteplici contesti e da pattern di comportamenti, interessi o attività ristretti e ripetitivi. Inoltre, questi soggetti riportano frequenti comorbidità psichiatriche e mediche associate (Frye, 2018). Le caratteristiche della sintomatologia clinica possono essere estremamente eterogenee sia in termini di complessità che di severità e possono presentare un’espressione variabile nel tempo. Bleuler, psichiatra svizzero (1857-1939), introdusse il termine “autismo” nel 1911 per descrivere gli adulti con schizofrenia. Alcuni credevano che questa parola derivasse da quella freudiana “autoerotismo”, usata per descrivere uno stadio pre-infantile, molto immaturo, di pensiero allucinatorio che precede l'impegno con la realtà esterna. Altri resoconti suggeriscono che ha avuto origine dal latino “Autismus”, che deriva dal greco “autos” che significa sé, descrivendo così condizioni in cui i pazienti sono morbosamente assorbiti da sé stessi. Nel 1943, Leo Kanner, psichiatra austriaco (1894-1981), usò la parola “autismo” per descrivere una sindrome unica in una serie di bambini con ossessività, stereotipie, ecolalie e quasi una completa mancanza di interazione sociale con le persone. La descrizione di Kanner infatti considerava eminentemente due criteri clinici: innanzitutto il distacco, o meglio il disturbo del contatto affettivo, e quindi incoercibilità di abitudini ripetitive. Parallelamente, Hans Asperger, uno psicologo infantile viennese (1906-1980), nel 1944 descrisse giovani pazienti con un disturbo caratterizzato dalla mancanza di empatia, scarsa capacità di formare amicizie, conversazione unilaterale, intenso assorbimento in un interesse speciale e movimenti goffi ma con un livello intellettuale medio-alto. Questa sindrome fu poi definita come Sindrome di Asperger (AS), dal nome dello psicologo stesso. Pur essendo stato impiegato in un senso analogo a quello attuale già negli anni ’40, il termine “autismo” comparve nei sistemi diagnostici internazionali solo vent’anni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autismo
autoregolazione emotiva

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi