Skip to content

La relazione tra percezione del contesto di vita quotidiana e bisogno percepito di cultura. Il caso della Tremezzina

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Antonini
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Sonia Stefanizzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 97

"Un'adeguata conoscenza dei contesti locali è un requisito imprescindibile per progetti culturali aventi il territorio come ambito privilegiato d'intervento" (Citroni, 2010, p. 17). Data questa premessa, le prossime pagine rendono conto degli aspetti emersi da una ricerca nata per indagare i bisogni culturali di chi vive il territorio della Tremezzina, in considerazione della proposta di apertura di un nuovo spazio culturale da parte di Cooperativa Sociale Azalea. L'onlus in questione, con sede a Tremezzo (CO), ha di fatto coinvolto l'autore nella definizione di un progetto di ricerca al fine di indagare i bisogni percepiti dalla popolazione del territorio. Scopo di Cooperativa Azalea è quello di valutare la reale sostenibilità della realizzazione di uno spazio di aggregazione finalizzato a promuovere il benessere culturale dei residenti. I dati raccolti e analizzati all'interno dell'indagine contribuiranno ad orientare le scelte di Cooperativa Azalea in materia di investimenti e progettazione di attività ed eventi culturali. A partire da questi obiettivi, l'indagine si concentra sul rapporto tra le persone e l'ambiente in cui vivono. Nello specifico, la ricerca esplora il concetto di esperienza spaziale attraverso il bisogno di cultura; all'interno del quadro teorico costituito dall'approccio alla sociologia spazialista di Simmel e dagli studi sul cognitive mapping, con attenzione in particolare al contributo di Lynch, si riflette sulla relazione tra percezione del contesto di vita quotidiana e bisogno percepito di cultura. L'oggetto d'indagine è dunque rappresentato dalle interpretazioni dei soggetti intervistati riguardo al loro contesto quotidiano e alle possibilità di aggregazione culturale che in esso hanno luogo. L'ipotesi che si intende verificare è la seguente: certe caratteristiche del territorio predispongono le condizioni che rendono possibile un certo modo di percepire il bisogno di partecipazione culturale. Inoltre, in considerazione del contesto indagato e del quadro concettuale di riferimento, è stato ritenuto appropriato porsi un obbiettivo secondario, relativo al tema dell'applicabilità delle categorie di Lynch ad una realtà rurale come la Tremezzina.

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Antonini
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Sonia Stefanizzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 97

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione “Un’ adeguata conoscenza dei contesti locali è un requisito imprescindibile per progetti culturali aventi il territorio come ambito privilegiato d’intervento” (Citroni, 2010, p. 17). Data questa premessa, le prossime pagine rendono conto degli aspetti emersi da una ricerca nata per indagare i bisogni culturali di chi vive il territorio della Tremezzina, in considerazione della proposta di apertura di un nuovo spazio culturale da parte di Cooperativa Sociale Azalea 1 . L’onlus in questione, con sede a Tremezzo (CO), ha di fatto coinvolto l’autore nella definizione di un progetto di ricerca al fine di indagare i bisogni percepiti dalla popolazione del territorio. Scopo di Cooperativa Azalea è quello di valutare la reale sostenibilità della realizzazione di uno spazio di aggregazione finalizzato a promuovere il benessere culturale dei residenti. I dati raccolti e analizzati all’interno dell’indagine contribuiranno ad orientare le scelte di Cooperativa Azalea in materia di investimenti e progettazione di attività ed eventi culturali. A partire da questi obiettivi, l’indagine si concentra sul rapporto tra le persone e l’ambiente in cui vivono. Nello specifico, la ricerca esplora il concetto di esperienza spaziale attraverso il bisogno di cultura; all’interno del quadro teorico costituito dall’approccio alla sociologia spazialista di Simmel e dagli studi sul cognitive mapping, con attenzione in particolare al contributo di Lynch, si riflette sulla relazione tra percezione del contesto di vita quotidiana e bisogno percepito di cultura. L’oggetto d’indagine è dunque rappresentato dalle interpretazioni dei soggetti intervistati riguardo al loro contesto quotidiano e alle possibilità di aggregazione culturale che in esso hanno luogo. L’ipotesi che si intende verificare è la seguente: certe caratteristiche del territorio predispongono le condizioni che rendono possibile un certo modo di percepire il bisogno di partecipazione culturale. Inoltre, in considerazione del contesto indagato e del quadro concettuale di riferimento, è stato ritenuto appropriato porsi un obbiettivo secondario, relativo al tema dell’applicabilità delle categorie di Lynch ad una realtà rurale come la Tremezzina. La ricerca è strutturata nel seguente modo. La prima parte è dedicata alla presentazione del quadro teorico di riferimento. Successivamente viene presentato il disegno di ricerca: gli interrogativi che hanno guidato il lavoro, le procedure che sono state seguite per rispondere a tali interrogativi e il caso oggetto di studio. Infine, vengono illustrati i risultati 1 La Cooperativa Sociale Azalea, con sede in Via Martiri della Patria 2b, 22016, Tremezzo (CO), è un ente privato senza fini di lucro e attivo nel settore dei servizi per le persone nca. È nata nel 1987 come centro per ragazzi con disabilità intellettuali, attualmente conta 40 soci tra lavoratori e volontari, gestisce un centro socioeducativo nel comune di Tremezzina, offre attività di sostegno nelle scuole del territorio per conto del comune e collabora con 2 case-famiglia di comuni limitrofi. Il presidente della cooperativa, Ferrari Pierantonio, è il tutor aziendale che ha garantito per lo studente. https://coop-azalea.com/chi-siamo/

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

percezione
mappe mentali
contesto di vita quotidiana
tremezzina
bisogno percepito di cultura
esperienza spaziale
partecipazione culturale
spazio di aggregazione

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi