Skip to content

Vite a perdere: viaggio nei percorsi di inclusione sociale degli homeless

Informazioni tesi

  Autore: Paola Piera Capuzzi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Scienze sociologiche
  Relatore: Mara Maretti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 101

La tesi narra l'odissea delle Residenze ai senza fissa dimora della città di Firenze, località votata all'accoglienza del prossimo sotto il profilo turistico, data la mole di monumenti ed opere d'arte in sito. Tanta accoglienza è riservata solo ai paganti, oppure riesce ad essere offerta anche ai senza fissa dimora? E' esistito un tempo in cui la questione della Residenza ai SFD, considerata un diritto inalienabile dell'uomo, che lo inizia a percepire altri diritti, era stato risulto grazie all'intervento di un cartello di associazioni, un cartello solidale, ma che nel corso del tempo si è via via sfrangiato in compressioni e divieti sempre più stringenti, infine la tesi si occupa e preoccupa di sondare il gradimento delle strutture d'accoglienza che il comune mette a disposizione degli homeless, perlopiù dormitori, la presenza della caritas in una fitta rete di interventi coadiuva l'amministrazione comunale, in un monopolio non sempre limpido e cristallino.

Informazioni tesi

  Autore: Paola Piera Capuzzi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Scienze sociologiche
  Relatore: Mara Maretti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 101

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Par. 1.2 Il cambiamento degli assetti e dell’organizzazione del lavoro. Bauman contrappone la modernità liquida, dei giorni nostri, alla modernità solida della prima industrializzazione.« La modernità solida corrispose di fatto all‟epoca del capitalismo pesante: del legame tra capitale e lavoro for- tificato dalla reciprocità della loro dipendenza»(Z. Bauman,2000, modernità liquida, p 166). L‟intradipendenza che si era instaurata tra il capitale e il suo alter, la forza lavoro, conferivano staticità all‟assetto sociale. Entrati nelle fabbriche gli operai potevano ben sperare di rimanerci a lungo, addirittura di esaurire la propria capacità lavorativa nella fabbrica. A legare insieme il capitale e la forza lavoro era la transazione della compravendita:per restare in vita ciascuno doveva soggiacere a questa transazione:i proprietari del ca- pitale dovevano essere in grado di comprare il lavoro, i lavoratori dovevano stare all’erta, sani, forti e appetibili per non scoraggiare i potenziali acqui- renti. Lo Stato, inoltre, supremo organismo politico, si prodigava per tenere attiva la rimercificazione del capitale e del lavoro muovendosi su due diret- trici: in una garantendo che i capitalisti fossero in grado di retribuire la for- za lavoro, secondo il prezzo stabilito, nell‟altra proteggendo la forza lavoro attraverso sostegni economici, che tenevano coloro che erano disoccupati, in buone condizioni per entrare o rientrare nel mondo del lavoro. Insomma lo Stato assistenziale era uno strumento capace di contrastare le anomalie e le deviazioni dalle norme, e mitigarne gli esiti quando si fossero verificate. La norma era il« rapporto diretto e reciproco tra capitale e lavoro, nonché il compito di risolvere tutte le importanti e fastidiose questioni sociali inerenti tale rapporto»(Ivi, p 168). L‟aspettativa lavorativa degli individui era lunga nel tempo; entrare a lavorare in fabbrica equivaleva a conservare quel posto di lavoro per un periodo di tempo lungo tutto l‟arco della vita attiva, fino alla pensione. Ovviamente anche gli altri settori, come quelli dei servizi, subivano la stessa sorte; il che significa che come in un puzzle, tutti i lavo- ratori avevano la loro precisa collocazione, dalla quale sarebbe stato diffici- le essere estratti. Questo soprattutto dopo la seconda guerra mondiale quan- do la necessità di un nuovo riassetto solidificò ancora meglio questa realtà, con la «nascita di forti sindacati, garanzie di stato sociale, e grandi azien- de»,(Sennet,1998,ivi p168), che riunite tutte in uno stesso luogo e tempo 7

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

organizzazione del lavoro
residenza ai senza fissa dimora
seconda ordinanza dominici
globalizzazione differenti origini
il cartello di associazioni a firenze
studi internazionali sulla homelessness
prima ordinanza dominici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi