Skip to content

Tipologia psicologica e analisi dei sogni

Informazioni tesi

  Autore: Paola Gianfrotta
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Psicoterapia
Anno: 2021
Docente/Relatore: Gullì Mario
Istituito da: Scuola Di Specializzazione CIPA Istituto Meridionale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

Il processo ermeneutico in Jung, consiste nel confronto tra due mentalità, quella dell'analista e quella dell'analizzato, e non nel presentare una teoria precostituita. Tale affermazione sarà lo spunto di riflessione che sosterrà il tema principale di questa tesi teorica. Poiché l'analisi dei sogni non è mai assoluta, e consiste nel confronto tra due individui, assume grande rilievo l’atteggiamento ed i preconcetti dei due membri della coppia analitica.
Nello scritto verrà ripercorsa la teoria junghiana sui sogni, elaborata dal confronto con le idee freudiane e dalle osservazioni personali dell'autore svizzero, verrà introdotto il metodo d'analisi delle immagini oniriche, passando dall'ottica individuale a quella collettiva e simbolica, sempre in base al punto di vista individuale del sognatore e dell'analista. A ciò seguirà una riflessione teorico-pratica in riferimento alle funzioni di coscienza, e di come queste influenzino grandemente, al limite dell’incomprensibilità, la comunicazione tra tipologie completamente differenti, come se ad ogni tipo corrispondesse una lingua diversa.
Questa premessa avvia la riflessione su come diverse tipologie possano attribuire significati differenti alla stessa immagine, quando analista e analizzato appartengono a due tipologie differenti, fermo restando la capacità acquisita dell'analista di utilizzare e muoversi con più funzioni. Di contro, l'appartenenza a tipologie simili rischia di fissare l'analisi di un'immagine onirica in un punto morto che soddisfa le coscienze degli interlocutori, a discapito di un ampliamento reale della coscienza.
Il sogno si configura come la via più efficace per la conoscenza dei contenuti e dei meccanismi dell'inconscio ed il rapporto che questo ha con la coscienza, e quindi il rapporto di regolazione tra l'interno e l'esterno della psiche. L'osservazione e l'analisi delle immagini rimane, per Jung, lo strumento terapeutico principale che permette l'accesso all'inconscio e la comprensione delle sue funzioni compensatrici e regolatrici delle personalità.

Informazioni tesi

  Autore: Paola Gianfrotta
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Psicoterapia
Anno: 2021
Docente/Relatore: Gullì Mario
Istituito da: Scuola Di Specializzazione CIPA Istituto Meridionale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Tipologia psicologica e analisi dei sogni INTRODUZIONE Tutto il nostro mondo interiore è realtà, forse ancora più reale del mondo visibile. 1 Marc Chagall “La vita si specchia nel sogno” scrive Augusto Romano nel saggio introduttivo al ciclo di seminari sull'analisi dei sogni tenuti da C. G. Jung dal 1928 al 1930, “e questo traendola fuori dal limbo dell'insignificanza, le dà una forma, la modella secondo un destino in cui il sognatore dovrà riconoscersi” 2 . In questo scritto si propongono delle riflessioni personali, inserite in una cornice teorica, su due dei pilastri della teoria analitica junghiana: l’osservazione analitica dei sogni, e le funzioni della coscienza, che rappresentano distinti e differenti punti di osservazione, proponendo un collegamento tra questi. Ho scelto di trattare il tema dell'analisi dei sogni e delle funzioni stimolata dall'idea della relatività dell'osservazione, caratterizzata dalla soggettività della personalità del paziente e dell'analista, e come dalla stessa relatività dei punti di vista possa nascere un processo di unione ogni volta unico e singolare. Nel primo capitolo viene presentata brevemente la teoria freudiana del sogno, i discostamenti operati da alcuni autori, ed una prima analisi delle differenze col pensiero junghiano, preceduta da una introduzione storica dell'uso del sogno, se il passato serve a comprendere il presente ed a organizzare il futuro, si è ritenuta utile una panoramica di alcune precedenti teorie per rendere possibile il confronto tra l’utilizzo attuale in analisi e le incubazioni rituali, in cui si soleva dormire in un'area sacra allo scopo di guarire dai mali attraverso il sogno stesso, con la mera differenza che per noi oggi il luogo sacro è, simbolicamente, il campo archetipico che si crea tra analista e analizzato. Nel secondo capitolo si focalizza l'attenzione sul metodo junghiano dell'analisi dei sogni, e su come l'autore svizzero, discostandosi dalle idee psicoanalitiche freudiane, abbia fatto dell'analisi dei sogni uno degli strumenti imprescindibili della sua psicologia delle immagini, insieme all'osservazione delle produzioni artistiche, e delle fantasie. Si sottolineerà l’importanza della funzione compensatoria dei sogni, che verrà ripresa nel terzo capitolo in riferimento alla funzione inferiore nei sogni. Il capitolo si completa con un esemplificativo elenco di tipi di sogno che si è riscontrato attraverso lo studio e la pratica clinica. Nel terzo ed ultimo capitolo si introduce la teoria dei tipi e delle funzioni della coscienza considerate come una modalità di elaborazione dei dati psichici da parte dell'individuo per giungere alla formulazione di una comprensione del mondo ed un adattamento al piano di realtà che può avvenire in base a valutazioni razionali del pensiero, su valutazioni emozionali, o ancora vi sarà chi, attraverso la sensazione percepirà le cose così come sono, mentre un altro, intuitivamente ne comprenderà i nessi che legano tra loro gli oggetti, secondo un disegno del tutto personale. In questa alternanza di relazioni con l'oggetto vi è pienamente visibile ed esperibile la varietà umana, che attraverso la combinazione funzionale si costituisce un habitus individuale derivante quindi dall'interazione con l'esterno e dalle esperienze che ne son derivate per l'individuo, tra le varie possibilità si struttura una gerarchia funzionale, che include un 1 Chagall M., La mia vita, SE, Milano, 1998. 2 Jung, C.G., Analisi dei sogni. Seminario tenuto nel 1928-30, a cura di W. Mcguire, Bollati Boringhieri, Torino, 2006 – pag. 9. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicoanalisi
psicoterapia
jung
sogni
tipologie
psicologia analitica
carl gustav jung
tipi psicologici
interpretazione dei sogni
analisi dei sogni

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi