Skip to content

La trasformazione giuridica della società


La trasformazione è l’istituto che consente a un ente giuridico di modificare il proprio codice organizzativo conservando diritti e obblighi e proseguendo in tutti i rapporti.
La riforma ha radicalmente innovato in materia introducendo, accanto alla c.d. trasformazione omogenea quella tra soggetti societari casualmente omogenei), anche la trasformazione eterogenea.
Oggi sono dunque possibili:
- la trasformazione tra diversi tipi di società lucrative, siano esse società di persone o di capitali (trasformazione omogenea);
- la trasformazione di società di capitali in consorzi, società consortili, società cooperative, comunioni d’azienda, associazioni non riconosciute e fondazioni ovvero quella di consorzi, società consortili, comunioni d’azienda, associazioni riconosciute e fondazioni o di cooperative non a mutualità prevalente in società di capitali (trasformazione eterogenea).
Alcune ipotesi di trasformazione eterogenea non sono previste dalla legge, ma è chiaro che esse possono comunque attuarsi, quanto meno in via indiretta tramite due successivi passaggi.
Tratto da DIRITTO COMMERCIALE di Stefano Civitelli
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.