Skip to content

Forme A e B del Dna

I primi studi di diffrazione ai raggi X, eseguiti su soluzioni concentrate di DNA, rilevarono due tipi differenti di struttura: le forme B ed A. 
La forma B, che è osservata quando il DNA si trova in una soluzione ad altro grado di umidità, è quella che più si avvicina alla struttura fisiologica: contiene 10 paia di basi per giro d'elica, ha un ampio solco maggiore e un solco minore più chiuso. La forma A, invece, che si ottiene da una soluzione a più basso contenuto d'acqua, ha 11 paia di basi per giro d'elica; il suo solco maggiore è più stretto rispetto alla forma B mentre quello minore è più aperto. 
La maggior parte del DNA presente nelle cellule è nella forma B mentre la forma A si trova specialmente in corrispondenza di complessi con proteine. 
Bisogna ricordare che la forma B, comunque, rappresenta una struttura ideale che differisce per alcune caratteristiche rispetto a quella esistente in natura come ad esempio le 10,5 paia di basi per giro d'elica, e non le 10 osservate in vitro, e la torsione delle coppie di basi purine e pirimidine che possono assumere diverse rotazioni e possono dar luogo a diversi angoli che renderanno irregolare la doppia elica. 
In DNA inoltre si riscontra anche in forma levogira. Per considerare questa conformazione bisogna considerare il legame glicosidico che lega la base sulla posizione 1' del 2'-deossiribosio. Questo legame può presentarsi in una delle due conformazioni chiamate sin e anti. Nella conformazione destrogira il legame glicosidico è sempre nella posizione anti, mentre nella forma levogira, vi sono delle fondamentali ripetizioni di dinucleotidi purine-pirimidine che presentano il legame glicosidico nella forma anti sui residui pirimidinici e nella forma sin sui residui purinici. È questa forma sin che è responsabile dell'avvolgimento in senso levogiro dell'elica. 
La forma sin presente sul residuo purinico alternata ad una forma anti-sin determina la caratteristica conformazione a zig-zag del DNA levogiro, detto DNA Z.
Tratto da BIOLOGIA MOLECOLARE di Domenico Azarnia Tehran
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: