Skip to content

La sentenza e l'interesse dell’imputato all’assoluzione

Il codice tiene conto di un ulteriore aspetto: l’imputato ha interesse ad ottenere l’assoluzione nel merito perché questa formula è oggettivamente più vantaggiosa rispetto alla sentenza di non doversi procedere.
Il codice tende a contemperare l’interesse dell’imputato con le esigenze di economia processuale che impongono di non proseguire oltre col processo in presenza di una causa di improcedibilità.
In tale situazione pone al giudice l’obbligo di pronunciare sentenza di assoluzione se dagli atti risulta evidente l’innocenza dell’imputato per uno dei motivi previsti nelle sentenze di assoluzione.
Non è consentito al giudice acquisire ulteriori mezzi di prova, dovendo l’innocenza risultare dagli atti esistenti nel momento in cui si verifica il fatto estintivo.
Il nuovo comma 7 dell’art. 157 c.p. dispone che la prescrizione del reato è sempre espressamente rinunciabile dall’imputato.

di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.