Skip to content

Modalità di pagamento, rapporto di lavoro nella cassa integrazione

Quanto alle modalità di pagamento, sia il trattamento ordinario che il trattamento straordinario vengono anticipati dall'imprenditore, che poi detrarre relativo importo da quello dovuto per la contribuzione corrente (cosiddetto sistema del conguaglio).
Peraltro, nel trattamento straordinario può essere richiesto il pagamento diretto da parte dell'INPS, quando sussistano "comprovate difficoltà di ordine finanziario" dell'imprenditore stesso.
Per quanto concerne il rapporto di lavoro, il periodo di integrazione salariale è equiparato al periodo di lavoro effettivo e, utile al fine del calcolo del trattamento di fine rapporto.
Alle integrazioni salariali, inoltre, accedono, quali prestazioni accessorie, l'accredito d'ufficio dei contributi figurativi, utili sia ai fini del diritto che della misura della pensione per la vecchiaia, l'invalidità e i superstiti.
Ma il cassintegrato, se è esentato dal prestare l'attività lavorativa dedotta in contratto, non può, però, sottrarsi all'obbligo di disponibilità: stato di disponibilità che risulta in posto non soltanto nei confronti del datore di lavoro, ma anche a favore della pubblica amministrazione, cioè di un soggetto terzo.
L'acquisizione del diritto subordinata ad un requisito di anzianità specifica minima: almeno 90 giorni alla data della richiesta del trattamento.
La disposizione diretta a contrastare pratiche fraudolente, quali le assunzioni di comodo in vista della richiesta di intervento della Cassa integrazione stessa.
Il ricorso alle integrazioni salariali è subordinato allo svolgimento di una articolata procedura.
Innanzitutto, la domanda di intervento della Cassa non può essere proposta se non dopo che sia stata promossa la consultazione sindacale.
Per ottenere l'intervento ordinario, la relativa domanda va indirizzata alla locale sede dell'INPS entro 25 giorni dalla fine del periodo di paga in corso al termine della settimana in cui l'imprenditore ha dato inizio alla sospensione o alla riduzione dell'orario.
Più complessa è, invece, la procedura per l'erogazione dell'intervento straordinario.
Destinataria della richiesta della Direzione regionale del lavoro; il provvedimento di concessione di competenza del Ministro.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.