Skip to content

La divulgazione dei risultati delle intercettazioni: diritto di cronaca e diritto alla privacy

Informazioni tesi

  Autore: Luisa Severi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze dei servizi giuridici
  Relatore: Mariangela Montagna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 177

Le intercettazioni di conversazioni o comunicazioni rappresentano un mezzo di ricerca della prova che si accomuna agli altri, quali perquisizioni, ispezioni e sequestri, in quanto determinano stati di soggezione, incidono su diritti di libertà, tendono a sorprendere. Ma se ne differenziano perchè sono uno strumento non solo a "sorpresa", ma anche occulto, cioè nascosto agli interessati per l'intero periodo del suo svolgimento. Proprio a quest'aspetto esse devono la straordinaria efficacia investigativa che le caratterizzano; ignari del "terzo orecchio" in ascolto, talvolta i conversanti rendono inconsapevoli confessioni. Al tempo stesso, si tratta di un espediente "odioso" perchè penetrano nella sfera più intima non solo del sospettato, ma dei suoi familiari o conviventi, nonchè dei loro occasionali interlocutori.
Quello delle intercettazioni è un tema molto attuale e discusso , non solo perchè rappresentano circa il 33% delle spese per la giustizia - con un forte peso quindi sul bilancio statale - ma è sempre più crescente il fenomeno della divulgazione e conseguente pubblicazione sui giornali del loro contenuto, come dimostrato anche dai recenti casi di cronaca giudiziaria e meglio noti al grande pubblico come "Calciopoli", "Vallettopoli", lo scandalo "Telecom-Sismi" e le telefonate tra Berlusconi e Saccà. Il tutto ha notevolmente accesso il dibattito intorno al problema del difficile bilanciamento tra il diritto alla riservatezza di coloro che, vengono colpiti - direttamente o indirettamente - dall'intercettazione e il diritto di cronaca dei giornalisti.
La questione è stata più volte affrontata dal Garante per la protezione dei dati personali, in particolare nei recenti provvedimenti datati 21 giugno 2006 e 15 marzo 2007, grazie ai quali si sono posti dei veri e propri paletti ai mezzi di informazione per la pubblicazione delle intercettazioni.
Una risposta al problema sta cercando di darla anche l'attuale Governo con il c.d disegno di legge "Alfano", presentato nel Consiglio dei Ministri n. 5 del 13 giugno 2008. Ma, quest'ultimo, sembra non riuscire a bilanciare tutti gli interessi in gioco, che non sono ovviamente solo il diritto alla privacy e il diritto di cronaca, ma la "partita delle intercettazioni" si gioca tra (almeno) quattro soggetti: l'autorità giudiziaria, che si fa carico della tutela della sicurezza dei cittadini, attraverso l'accertamento dei reati; l'indagato-imputato, titolare del diritto alla difesa, della presunzione di non colpevolezza e in particolare, del diritto alla libertà e segretezza delle comunicazioni; il terzo estraneo, garantito a livello sopranazionale e nazionale dai diritti della persona e della sua dignità, se non anche appunto della privacy; la stampa, l'informazione, la cui attività è riconducibile al già citato diritto di cronaca. Com'è evidente, la stampa e l'autorità giudiziaria sono le due posizioni "forti" che non hanno alcun interesse ad una riforma che ne ridurrebbe il potere; le due posizioni "deboli", cioè il terzo estraneo e l'indagato-imputato sono troppo fragili e divisi per potersi imporre. La difficoltà nel realizzare una adeguata ed equilibrata riforma in materia, sta proprio nel non riuscire a trovare il giusto temperamento tra i suddetti valori costituzionali, nessuno dei quali può ritenersi prevalente da imporre il sacrificio dell'altro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Le intercettazioni di conversazioni o comunicazioni rappresentano un mezzo di ricerca della prova che si accomuna agli altri, quali perquisizioni, ispezioni e sequestri, in quanto determinano stati di soggezione, incidono su diritti di libertà, tendono a sorprendere. Ma se ne differenziano perché sono uno strumento non solo “a sorpresa”, ma anche occulto, cioè nascosto agli interessati per l’intero periodo del suo svolgimento. Proprio a quest’ aspetto esse devono la straordinaria efficacia investigativa che le caratterizzano; ignari del “terzo orecchio” in ascolto, talvolta i conversanti rendono inconsapevoli confessioni. 1 Al tempo stesso, si tratta di un espediente “odioso” e, per taluni profili, inevitabilmente ingiusto; ad esempio, perché penetrano nella sfera più intima non solo del sospettato, ma dei suoi familiari o conviventi, nonché dei loro occasionali interlocutori; oppure - secondo parte della dottrina - perché puntano a carpire dichiarazioni autoaccusatorie pur vivendo in un ordinamento che esclude il potere di cercare coattivamente la confessione e riconosce il principio del nemo tenetur se detegere. 2 Questo scontro tra interessi contrapposti – quello al segreto delle comunicazioni e quello ad un’efficace attività di repressione del crimine – è un simbolo perfetto del processo penale: tensione di uomini, strumenti, risorse verso l’ “accertamento della verità”; contemporaneamente, ed a questo fine, esercizio di potere che travolge quanti si trovano sulla sua strada. La storia delle 1 CAMON A., Le intercettazioni nel processo penale, Giuffrè, Milano, 1996, 1. 2 CAMON A., Le intercettazioni nel processo penale, cit.,1.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

art 8 cedu
art. 114 c.p.p.
art. 266-271 c.p.p.
art. 329 c.p.p.
codice deontologico giornalisti
codice privacy
d.gls 196/2003
decreto legge n. 259/2006 convertito l. 281/2006
diritto alla privacy
diritto alla riservatezza
diritto di cronaca
disegno di legge alfano
divulgazione intercettazioni
evoluzione storica intercettazioni
garante per la protezione dei dati personali
il caso craxi c. italia
intercettazioni
intercettazioni di conversazioni o comunicazioni
intercettazioni preventive
intercettazioni telefoniche
l. 675/1996
mezzi di ricerca della prova
pubblicazione intercettazioni
segretezza atti di indagine

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi