Skip to content

Il Concordato del 1851 fra Santa Sede e Granducato di Toscana

Informazioni tesi

  Autore: Alberto Belletti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze dei servizi giuridici
  Relatore: Pierluigi Consorti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 99

Nel 1848, in pieno fermento risorgimentale, il Granducato di Toscana e la Santa Sede avviarono trattative volte a superare la legislazione giurisdizionalista vigente fino a quel momento nel Granducato, che limitava fortemente la libertà d'azione della Chiesa.
Le trattative iniziarono in vista di un riavvicinamento, in chiave anti-austriaca, fra il Granducato e la Santa Sede. Paradossalmente nel 1851 portarono ad un concordato fortemente voluto dall'Impero Austro-ungarico, che dopo i fatti del 1848 riteneva utile favorire accordi più stretti tra trono e altare.
Ci si può chiedere quale interesse possa suscitare un accordo di tal genere, concepito già da coloro che lo sottoscrissero come provvisorio, che ebbe un’applicazione piuttosto limitata e che, nell’arco di un decennio, perse qualsiasi valore, in seguito alla fine del Granducato di Toscana. Credo che l’interesse sia da attribuirsi, più che all’atto in sé, alle fasi delle trattative che ad esso condussero.
Ripercorrendo le fasi che, dal 1848 al 1851, portarono a tale atto, entriamo in contatto con due differenti concezioni del rapporto che avrebbe dovuto idealmente esistere tra la Chiesa Cattolica ed uno Stato confessionale. La concezione giurisdizionalista, piuttosto radicata fra i giuristi toscani, e la concezione della Curia Romana, che avrebbe voluto vedere il potere civile lasciar libera la Chiesa nella sua attività pastorale, mostrandosi inoltre collaborativo con essa. I sostenitori di queste due idee si confrontano, e fanno fatica a comprendersi. Ma una serie di circostanze li spinge a trovare un accordo, per quanto incompleto e parziale, aggirando i vari temi su cui non riescono a trovare un punto di contatto. Il confronto fra queste due concezioni, a mio avviso, finisce con l’essere molto più interessante del risultato finale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Perché una tesi sul concordato concluso nel 1851 tra la Chiesa ed il Granducato di Toscana? Ci si può chiedere quale interesse possa suscitare un accordo di tal genere, concepito già da coloro che lo sottoscrissero come provvisorio, che ebbe un’applicazione piuttosto limitata e che, nell’arco di un decennio, perse qualsiasi valore, in seguito alla fine del Granducato di Toscana. Credo che l’interesse sia da attribuirsi, più che all’atto in sé, alle fasi delle trattative che ad esso condussero. Ripercorrendo le fasi che, dal 1848 al 1851, portarono a tale atto, entriamo in contatto con due differenti concezioni del rapporto che avrebbe dovuto idealmente esistere tra la Chiesa Cattolica ed uno Stato confessionale. La concezione giurisdizionalista, piuttosto radicata fra i giuristi toscani, e la concezione della Curia Romana, che avrebbe voluto vedere il potere civile lasciar libera la Chiesa nella sua attività pastorale, mostrandosi inoltre collaborativo con essa. I sostenitori di queste due idee si confrontano, e fanno fatica a comprendersi. Ma una serie di circostanze li spinge a trovare un accordo, per quanto incompleto e parziale, aggirando i vari temi su cui non riescono a trovare un punto di contatto. Il confronto fra queste due concezioni, a mio avviso, finisce con l’essere molto più interessante del risultato finale. Vi è una buona storiografia sull’argomento, risalente alla prima metà del ventesimo secolo è l’opera di Anton Maria Bettanini, che nel libro Il Concordato di Toscana esamina con puntualità le varie fasi della trattativa; negli stessi anni Eletto Palandri e Renato Mori hanno analizzato, rispettivamente, la prima e l’ultima fase della trattativa, Palandri nel saggio La prima missione a Roma di Monsignor Giulio Boninsegni per la formazione della Lega politica italiana e la stipulazione di un Concordato fra la Toscana e la Santa Sede, pubblicato negli Atti della Società Colombaria, Mori nel saggio Il Concordato del 1851 tra la Toscana e la S. Sede, la seconda fase delle trattative e la conclusione”. Più di recente, nel 2007, è uscito il lavoro di Marco Pignotti, Potestà laica e religiosa autorità, il concordato del 1851 fra Granducato di Toscana e Santa Sede. Questa opera condivide però un limite con quelle citate precedentemente: sono basate quasi esclusivamente su documenti di parte toscana, provenienti per lo più dall’Archivio di Stato di Firenze e, per quanto riguarda Bettanini, dall’Archivio Privato Mazzei. Gli Archivi Vaticani sono stati ignorati, da Pignotti evidentemente per scelta, gli altri non dovettero avere l’opportunità di accedervi, dal momento che in tali archivi non erano consultabili i documenti più recenti (Palandri

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

chiesa
risorgimento
concordato
pio ix
toscana
1848
santa sede
leopoldo ii
guerra d'indipendenza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi